Ci vuole un fisico

Media utenti
Anno: 2018
Genere: commedia (colore)
Note: Nasce dall'omonimo corto del 2013.
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/10/18 DAL BENEMERITO SCHRAMM
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Schramm 17/10/18 16:56 - 2412 commenti

I gusti di Schramm

Prima che albeggi, cioè quel pelo fuori orario, accade di tutto. I bizzosi prodromi di una storia d’amore ancora di là da venire ma di cui l’esordiente Tamburini ci esplicita l’innesco, a tutto garbo e con una lievità che non è, rima a parte, superficialità, muovendo le due pedine lungo la scacchiera di una Modena notturna e piovosa ottimamente fotografata. Il già visto ogni tanto sgomita e non sempre gli ingranaggi comici e narrativi girano come devono, ma a oliare i giri di giostra accorre una talentuosa Ravel che per predestinazione nominale trasforma il climax interpretativo in un Bolero.

Markus 5/07/20 17:54 - 3258 commenti

I gusti di Markus

Dall'omonimo cortometraggio girato a Roma, la scena si sposta a Modena. Si ripete la più o meno dilettevole nottata dei brutti: sorta di Tutto in una notte modenese... degli sfigati. Accanto a Alessandro Tamburini c'è ancora Anna Ferraioli Ravel, per l'occasione dimagrita di trenta chili passando da obesa a magra. Fatto non da poco perché rispetto al corto si perde un po' il significato del duo con qualche chilo di troppo, anche se in definitiva il messaggio arriva lo stesso. Il brodo viene allungato per l'esordio dell'attore/regista al lungometraggio. Commedia amara non disdicevole. 

Pinhead80 7/07/20 11:51 - 3898 commenti

I gusti di Pinhead80

Entrambi bidonati a un appuntamento nello stesso ristorante, due sfortunati finiscono per incontrarsi e per passare una notte insolita che farà luce sulle loro vite. Ambientato a Modena, il film risente di una certa banalità di fondo nella sceneggiatura e di un'interpretazione approssimativa di Alessandro Tamburini. Per il resto la storia è anche abbastanza gradevole e il ritmo pacato si adatta molto bene alla sgraziata indolenza dei due protagonisti. Forse c'era troppa poca carne per poter trasformare il tutto in un lungometraggio. 
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 18/10/18 17:42
    Consigliere massimo - 5073 interventi
    Nell'indice del sito ora si legge "Ci vuole un fisico da Schramm". Inevitabile sorga la curiosità nei confronti del fisico del summenzionato... ;o)
  • Discussione Schramm • 18/10/18 18:49
    Risorse umane - 6703 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Nell'indice del sito ora si legge "Ci vuole un fisico da Schramm". Inevitabile sorga la curiosità nei confronti del fisico del summenzionato... ;o)

    ahahahaha sì a volte capitano di queste prelibatezze semantiche. il massimo del cortocircuito lo si ottenne leggendo Schramm da Schramm, che facendo un paragone inverecondo rievoca il passaggio evangelico luce da luce etc.

    ciò detto, vado a soddisfare la tua curiosity killed the schramm: il mio fisico è all'estremo opposto di quello del protagonista, che lungo il film tanto si danna per il suo adipe (mentre chi scrive potrebbe oramai essere usato come attaccapanni), col quale ho tuttavia in gioventù condiviso una patologia ormonale di cui si parla nel film, contrastandola in maniera molto più radicale definitiva di come vedrai fare all'alex del film.