Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/05/08 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 7/05/08 18:54 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Come gestire un manicomio nel secolo dei Lumi? Con la fredda e cinica ragione del malvagio Karloff oppure con lo spirito di comprensione della rousseauiana Lee e del quacchero Fraser? Robson propende ovviamente per la seconda scelta e tra richiami a Poe, Freaks, M e riferimenti alla politica inglese (differenze tra tories e whigs), sa garantire momenti di tensione e claustrofobia, come di rigore nelle produzioni RKO di Val Lewton (anche co-sceneggiatore).

Myvincent 15/10/11 20:23 - 3217 commenti

I gusti di Myvincent

Bedlam è un manicomio gestito in maniera crudele da un direttore con pochi scrupoli ed avido, durante il XVIII secolo. Boris Karloff al solito è a suo agio con le tinte fosche di questo personaggio dalle sopracciglia cespugliose e una facies da maschera tragico-horror. Sottofondo claustrofobico, ma troppo poco per dare spunti di tipo storiografico alla situazione manicomiale dell'epoca: ma forse non era nei progetti del regista...

Casinista 14/12/11 11:15 - 39 commenti

I gusti di Casinista

Il film affronta la delicata tematica della follia nel secolo dei Lumi. L'ospedale di Santa Maria di Betlemme a Londra rappresenta lo scenario della nostra storia. Discrete la regia e la fotografia, che contribuiscono in maniera decisiva alla credibilità dello sviluppo narrativo. Karloff nei panni del classico cattivo di turno, a suo agio come direttore aguzzino del manicomio. Labile la distinzione tra sanità mentale e pazzia, a tal punto da essere usata come arbitrario passepartout per giustificare l'internamento di soggetti "scomodi".

Rambo90 5/10/15 00:51 - 7109 commenti

I gusti di Rambo90

Interessante film sulla pazzia nel secolo dei lumi, sostenuto dall'ottima prova di Karloff, spietato e sgradevole come poche altre volte. Robson costruisce una buona tensione e la fotografia aiuta a creare bei momenti di paura all'interno del manicomio. Oggi può risultare un po' datato, ma ha comunque i suoi punti di forza.

Von Leppe 26/03/18 18:19 - 1145 commenti

I gusti di Von Leppe

Film ispirato all'illustrazione di Hogart raffigurante il tristemente famoso manicomio di Londra, Bedlam. La trama mette in evidenza come fossero maltrattati i malati di mente nel Settecento: protagonisti un quacchero e una donna che vogliono migliorare le cose, però dovranno vedersela col perfido direttore dell'istituto, ottimamente interpretato da Karloff. Storia abbastanza ben strutturata, dove si avverte una certa tensione nei corridoi bui del manicomio. Tutto sommato un buon film.

Rufus68 3/02/17 23:17 - 3560 commenti

I gusti di Rufus68

Un Boris Karloff d'eccezione (insinuante, sarcastico e spietato: una delle sue prove migliori) domina un film di profonda cupezza. Il mondo degli insani è rappresentato con rara efficacia, senza, peraltro, mai spingere il pedale dell'orrido e del sensazionale (bellissima la scena in cui Anna Lee scopre un uomo in catene). Ottima la sceneggiatura, col suo notevole intarsio di citazioni (Dekker e Middleton, il quadro finale del ciclo del "Raks progress" di William Hogarth) e allusioni (al Poe del "Dr. Catrame e Professor Piuma").

Daniela 16/02/21 02:24 - 11523 commenti

I gusti di Daniela

Nel 1700, il sadico dispensiere del manicomio di Londra organizza spettacoli con i pazienti al solo scopo di divertire ricchi crapuloni. Una giovane attrice, indignata dai suoi metodi, prova a contrastarlo, finendo per essere giudicata malata di mente e rinchiusa nel tetro edificio... Più film di denuncia sociale che horror, un piccolo film non privo di difetti a cominciare da una certa ingenuità nella trama ma suggestivo nell'ambientazione ed impreziosito dalla magnetica presenza di Karloff in un ruolo particolarmente viscido e crudele a cui spetta un'adeguata uscita di scena.  
MEMORABILE: Il tribunale dei pazzi con uno dei giudicanti che ripete più volte il salomonico "Dividetelo in due!" 

Puppigallo 27/05/22 12:09 - 4878 commenti

I gusti di Puppigallo

Dramma sorretto soprattutto dai dialoghi, ben studiati e mai banali, che può contare anche sulla buona prova degli attori (Karloff ha la solita maschera inquietante tarata sul genere), su tutti la ragazza, che interpreta bene il suo personaggio (astuta, sagace, ma anche sensibile e compassionevole). Il bianco e nero aiuta, soprattutto nelle scene all'interno del manicomio, creando la giusta, lugubre, sinistra e sporca ambientazione. È uno di quei casi in cui la datazione aiuta la pellicola. Nota di merito per i commenti di lei sul direttore del manicomio (Karloff). Riuscito.
MEMORABILE: La protagonista, una volta internata, per un breve periodo scorda la compassione sostituendola con disprezzo e paura; Il processo con giusta sentenza.

Nicola81 22/06/22 16:49 - 2414 commenti

I gusti di Nicola81

Più che un horror, un film di denuncia delle condizioni dei pazienti in quello che, nel '700, era il più celebre istituto londinese per la cura delle malattie mentali. Abbastanza prevedibile nei suoi sviluppi narrativi, ma si avvale di una buona messa in scena e di un ritmo vivace, e le sequenze più propriamente manicomiali offrono anche una lugubre atmosfera e un pizzico di tensione. La maschera sinistra di Boris Karloff si adatta perfettamente al tipo di storia, ma anche l'indomita e anticonformista Anna Lee fornisce un'ottima prova.

Mark Robson HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Buiomega71 • 5/10/14 10:27
    Pianificazione e progetti - 23993 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (Ciclo: "Lo specchio scuro", martedì 24 Luglio 1984, come da ricerche di Zender) di Bedlam-Manicomio: