A.A.A. Achille

Media utenti
Anno: 2003
Genere: commedia (colore)
Note: Aka "AAA Achille". Il film è del 2001 ma è uscito solamente nel 2003 a caua del fallimento della Cecchi Gori Group.

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/09/09 DAL BENEMERITO STEFANIA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stefania 16/09/09 15:58 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Elogio della diversità e, al tempo stesso, storia di formazione. La balbuzie del piccolo Achille, fonte di grande imbarazzo ed angoscia per la sua famiglia, è espressione della sua riluttanza a comunicare col mondo che avverte ostile e, anche, della sua paura di crescere. Lo aiuta un logopedista (Sergio Rubini), a sua volta assillato da altre... paure. Film esile, un po' troppo "grazioso", molto di maniera, che si fa apprezzare soprattutto per le interpretazioni di Rubini e di Bonacelli, odioso direttore di Villa Agorà.
MEMORABILE: La presentazione dei pazienti il primo giorno di degenza nella clinica.

Galbo 28/10/12 08:47 - 11851 commenti

I gusti di Galbo

Piccolo ma significativo racconto di formazione. Un piccolo protagonista affetto da balbuzie e i tentativi della famiglia di risolvere il problema; l'incontro con un'umanità varia, ben caratterizzata dalla sceneggiatura così come è ben ricostruito il contesto provinciale (la storia si svolge in Puglia). Qualche incertezza nel ritmo della narrazione ma nel complesso un film godibile, grazie anche all'ottima prova del cast. Bravissimo Sergio Rubini.

Markus 5/02/21 18:05 - 3500 commenti

I gusti di Markus

La balbuzie di un bambino in cura per cercare di togliersela è la spina dorsale di questo film diviso tra sentimentale, dramma e qualche venatura da commedia (perlopiù offerta dall'estro di Sergio Rubini). Una pellicola para televisiva che ha comunque il merito - tutt'altro che scontato - di parlare della problematica legata al balbettamento infantile (e non) senza scivolare nel patetico o ancor peggio nella farsa. Forse, alla lunga, è un racconto che scivola in qualche retorica di troppo. Unico film per la francese Hélène Sevaux.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Raremirko • 9/11/13 23:16
    Addetto riparazione hardware - 3819 interventi
    * Anche lo stesso Giovanni Albanese, scultore orginale oltre che regista, è stato un balbuziente; il film è quindi parzialmente autobiografico.

    * Il titolo del film naque in seguito ad una cena con Giovanni Veronesi


    Fonte: extra del dvd