Cerca per genere
Attori/registi più presenti

HITCHCOCK TRUFFAUT

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/4/16 DAL BENEMERITO REBIS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 5/5/19 1:18 - 4378 commenti

Buon documentario, composto da brani della vera e celeberrima intervista (sentiamo pure l'audio in inglese e in francese, anche con la traduttrice), spezzoni di film di Hitchcock, spezzoni di opere di Truffaut, dichiarazioni di noti registi (e altro, ovviamente). Si citano i passi salienti dei film più celebri e celebrati del Maestro. La disamina tecnica più interessante riguarda le sue inquadrature dall'alto. Le dichiarazioni più interessanti e profonde mi sono parse quelle di Martin Scorsese.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Hitchcock che si duole del buco di trama de "La donna che visse due volte". Come si poteva essere certi che Scottie sarebbe salito sul campanile?
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Cotola 20/4/16 23:07 - 6888 commenti

Ispirato ad uno dei libri di cinema più famosi della storia, questo documentario è più incentrato sul maestro del brivido che sulla celeberrima intervista di cui comunque ci vengono regalati alcuni piccoli spezzoni. Come di prammatica assistiamo a piccoli brani tratti dai film di Hitch e ad interviste entusiastiche che ne esaltano le qualità ma permettono anche di capire la grandezza di un cineasta le cui pellicole sono intramontabili. Sicuramente consigliato a chi ama il buon Alfred ma più in generale a chi ama il cinema.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Rebis 8/4/16 13:26 - 2073 commenti

MacGuffin, suspense, trasferimento della colpa, sintassi dello spazio, feticismo degli oggetti: così Hitchcock dialogava con il pubblico per scatenare l'emozione. Sullo sfondo della storica intervista rilasciata a Truffaut, fonte di un testo imprescindibile sulla settima arte, Jones e Toubiana assemblano un turbine di sorprendenti documenti d'epoca, cui le dichiarazioni di registi da mezzo mondo fanno da chiosa. Emerge un'idea di libertà espressiva che sposa quella di autorialità - cara ai Cahiers - luogo di emancipazione dalla politica dei generi e dalla dicotomia tra evasione e impegno.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Caesars 6/5/19 10:13 - 2442 commenti

Partendo dalla celebre intervista che Truffaut fece a Hitch (e da cui nacque un libro), Kent Jones realizza un documentario dedicato al grande regista inglese del quale approfondisce, grazie ai contributi di colleghi contemporanei, alcuni aspetti tecnici e tematici. L'opera è interessante e ha, anche, il grande merito di spingere lo spettatore a (ri)vedere alcune delle opere di Sir Alfred. Da vedere, specie per le nuove generazioni, per capire quanto Hitchcock sia stato innovativo.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Paulaster 27/6/17 10:06 - 2218 commenti

Dall’incontro tra i due registi (da cui nacque un libro) tra foto, registrazioni audio e testimonianze, si parla del cinema come arte visiva. Poca attenzione agli aspetti tecnici ma soddisfacente per la percezione della suspense com'è percepita dagli spettatori. Hitchcock si apre fino a un certo punto, ma gli interventi dei colleghi (Scorsese su tutti) sottolineano le innovazioni di stile e di resa emotiva che il suo modo di girare ha creato a beneficio di loro stessi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La religiosità percepita nelle inquadrature dall’alto sugli attori; Gli attori come strumento.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)