Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ITALIANI BRAVA GENTE

All'interno del forum, per questo film:
Italiani brava gente
Dati:Anno: 1964Genere: guerra (bianco e nero)
Regia:Giuseppe De Santis
Cast:Raffaele Pisu, Tat'jana Samojlova, Arthur Kennedy, Shanna Prokhorenko, Andrea Checchi, Riccardo Cucciolla, Yuri Kaberdaze, Yan Yanakiyev, Nino Vingelli, Lev Prygunov, Peter Falk, Boris Kozhukhov, Gino Pernice
Note:Aka "Attack and Retreat", "Oni shli na Vostok", "Italiano brava gente".
Visite:1039
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 8
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/5/09 DAL BENEMERITO BLSABBATH

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 31/8/11 19:11 - 11153 commenti

Film bellico che racconta l'avanzata e la successiva ritirata sul fronte russo nel corso della seconda guerra mondiale. Realizzato con impegno (si tratta di una coproduzione italo-sovietica), appare molto efficace dal punto di vista della ricostruzione ambientale ma mostra parecchie lacune narrative, con un ritmo che mostra più di una pausa e una regia non impeccabile. Buona la prova del cast.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Capannelle 25/9/12 9:01 - 3637 commenti

In generale è un'opera che coniuga bene l'atmosfera tragica della rovinosa storia dell'Armir con le vicende, giocate sul semiserio, dei personaggi coinvolti. Uno schema solito ma applicato con molta cura e avvalendosi di un cast ben affiatato e ben diretto. Molto valida la prima parte, che culmina nella bella scena della contadina sovietica che corre, un po' dispersiva la seconda. Qualche manicheismo di troppo sui tedeschi ma era costume.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Lucius  19/9/10 11:49 - 2784 commenti

Emozionante come mai è stato un film di guerra, caratterizzato da una regia impegnata socialmente e pregno di amor per la patria, De Santis realizza un altro dei suoi capolavori. La sequenza della ragazza tra i girasoli in corsa in contro direzione ai soldati fa venire la pelle d'oca e basterebbe da sola ad ergere la pellicola tra le opere cinematografiche degne di stare in un ipotetico museo del neorealismo. Antieroico e cameratesco.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Giùan 29/9/19 15:03 - 2761 commenti

Punto di non ritorno e in qualche modo anche di "rottura" (dopo girerà solo un film e 1/2), del cinema di De Santis, quello in cui giungono a estrema tensione (e contraddizione) l'afflato neorealista, l'epica socialista e il respiro "hollywoodiano" dello stile registico. Il contrappunto letterario (l'epistolario di alcuni soldati dell'Armir) e il carattere "episodico" della sceneggiatura, appesantiscono sicuramente il film, più forse della sua dichiarata partigianeria. Opera dall'allure polverosa, diretto però con gran senso visivo e scene d'impatto lirico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'ufficiale medico napoletano che dà l'indirizzo di casa alla ragazza russa; La ritirata nella tempesta di neve col camion che passa sui soldati.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Furetto60 14/3/13 8:35 - 1129 commenti

Il regista è più interessato a evidenziare il rapporto tra i nostri soldati e la popolazione russa, tra cui spiccano improbabili contadini con volti da fotoromanzo, piuttosto che alla ricostruzione delle difficoltà cui si trovarono le truppe all’arrivo dell’inverno e nella successiva drammatica ritirata (ne tornò 1 su 9), come riportato nella vasta letteratura del genere (Bedeschi, Petacco, Rigoni Stern ecc.). I battaglioni delle camicie nere risultano spocchiosi e codardi, gli altri “normali” sono, in fondo, "brava gente". Buona prova di Pisu.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il traffichino che riesce a trovare un passaggio dai tedeschi.
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Mark 18/6/11 23:58 - 264 commenti

Una piccola perla sepolta dalla polvere che andrebbe riscoperta. Narrazione profonda, struggente, mai così fedele a quella che fu una delle più inutili, criminali, carneficine della nostra storia politica e militare. Sempre un passo indietro e sempre con la dignità schiacciata sotto i tacchi, ma la miseria non è quella degli umani travestiti da soldati bensì di coloro che aberrantemente pretesero di ergersi a loro condottieri e ne facero frattaglie offerte sacrificalmente in nome del Dio delirio.
I gusti di Mark (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Ishiwara 28/8/11 17:03 - 214 commenti

Un quadro eloquente e realistico di un gruppo di fanti della Torino, mandati in Russia come parte del CSIR prima e dell'ARMIR poi, che fornisce uno spaccato della società italiana alle prese con la guerra. Non ci sono vittorie eroiche, né morti gloriose. Alcuni episodi un po' forzati, ma con le migliori intenzioni. Forse a tratti schematico, ma lontano dalla retorica quanto basta per farne un'ottima opera antimilitarista. Alcuni bei personaggi ed un'ambientazione perfetta. Sopra la media quanto a realismo per l'epoca delle riprese. Buon film.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I superarditi (simbolo della vuota pomposità del regime); il camion in ritirata che non si può fermare.
I gusti di Ishiwara (Animazione - Commedia - Drammatico)

Blsabbath 24/5/09 13:06 - 46 commenti

Misconosciuto colossal italo-sovietico: ripercorre la campagna di Russia dell'esercito fascista e le tragiche conseguenze che seguirono al ritiro dei tedeschi da Stalingrado. L'ottima ricostruzione storica e le migliaia di comparse fanno ancora emozionare, segno che il film è invecchiato bene; onnipresente il classico clichè propagandistico "italiani buoni, tedeschi cattivi, sovietici eroici". Molto buona la prova di Pisu, curioso il ruolo di napoletano logorroico assegnato a Peter Falk.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'uccisione della lepre bianca.
I gusti di Blsabbath (Documentario - Drammatico - Fantascienza)