Discussioni su Lasciami entrare - Film (2008)

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Capannelle • 31/05/10 10:40
    Scrivano - 2966 interventi
    Undying ebbe a dire:
    La mirabile e suggestiva scena finale, girata nella piscina, è scandita al ritmo musicale dei Secret Service

    Una scena suggestiva ma che contiene una grossa forzatura:

    ** SPOILER **
    E' illogico che il braccio che tiene ferma la testa di Oskar rimanga fermo mentre Eli fa strage dei suoi amichetti.
    ** FINE SPOILER **

    Ma la forza del cinema permette di andare oltre la logica..
    Ultima modifica: 31/05/10 15:10 da Capannelle
  • Undying • 7/06/10 22:13
    Controllo di gestione - 7593 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    Undying ebbe a dire:
    La mirabile e suggestiva scena finale, girata nella piscina, è scandita al ritmo musicale dei Secret Service

    Una scena suggestiva ma che contiene una grossa forzatura:

    ** SPOILER **
    E' illogico che il braccio che tiene ferma la testa di Oskar rimanga fermo mentre Eli fa strage dei suoi amichetti.
    ** FINE SPOILER **

    Ma la forza del cinema permette di andare oltre la logica..


    D'accordo: ma l'uso di quel brano musicale imprime nella memoria le immagini e smuove l'anima ...
    Ultima modifica: 7/06/10 22:14 da Undying
  • Capannelle • 7/06/10 23:40
    Scrivano - 2966 interventi
    Ah sì la scena è bella e quello è un merito cinematografico.

    E quello che ho segnalato io lo vedranno solo 1 su 10 ed è giusto così.
  • Didda23 • 30/04/11 17:51
    Gestione sicurezza - 5780 interventi
    Ricordi la discussione di ieri sera Zender?Non è Into the Wild (38 commenti),ma "Lasciami Entrare" con 41 commenti.Visto che sei l'unico ad avere l'immenso onore di poter comunicare con Marcel,spronalo alla visione!Mi raccomando (sempre che il Venerabile non voglia ingerenze e consigli..)
  • Zender • 30/04/11 19:15
    Pianificazione e progetti - 46424 interventi
    Ah, e chi lo becca quello? Ci proverò, ma non posso garantire nulla purtroppo. Effettivamente è una vergogna...
  • Cotola • 14/09/11 18:28
    Consigliere avanzato - 3759 interventi
    Ho visto il trailer (che peraltro passa spesso
    pure in tv): all'inizio non avevo capito, poichè il titolo sarà diverso. Poi alcuni particolari e le atmosfere mi sembravano familiari e ho dedotto che fosse il remake di
    questo ben film. Non giudico dai trailer, ma
    non sembra un'operazione così malvagia. Staremo
    a vedere. Esce a fine mese: il 30 settembre e
    si intitolerà, Blood story.
    Ultima modifica: 14/09/11 19:17 da Cotola
  • Didda23 • 14/09/11 18:34
    Gestione sicurezza - 5780 interventi
    Il regista è quello di Cloverfield.
    Ho visto il trailer e non sembra affatto male.
    Ultima modifica: 14/09/11 19:22 da Didda23
  • Cotola • 14/09/11 19:19
    Consigliere avanzato - 3759 interventi
    Corretto l'errore. Sì, guardando il trailer,
    sembra potrebbe esserne uscito qualcosa di
    buono. Però sulla locandina campeggia la solita
    esagerazione a firma Stephen King: il miglior horror americano degli ultimi 20 anni.

    Gli incassi USA sono stati magrissimi: appena
    12 milioni di dollari incassati.
    Ultima modifica: 14/09/11 19:22 da Cotola
  • Didda23 • 14/09/11 19:26
    Gestione sicurezza - 5780 interventi
    Davvero magri per il momento.L'ho letta pure io l'esagerazione di King.Speriamo che il risultato finale si possa avvicinare all'originale che è straordinario..
  • Zender • 14/09/11 20:13
    Pianificazione e progetti - 46424 interventi
    Non concordo troppo sullo straordinario, ma vediamo che ne esce dagli americani...
  • Funesto • 14/09/11 20:35
    Fotocopista - 1417 interventi
    Al posto di due ragazzini inquietanti e perfetti come quelli di questo film, ben penseranno gli americani di metterci due foruncolose facce da sberle, come quasi sempre fanno...
  • Cotola • 14/09/11 23:40
    Consigliere avanzato - 3759 interventi
    Funesto dal trailer sembra che il film ricalchi
    le atmosfere dell'originale e che i protagonisti non siano i soliti teen americani.
    Naturalmente attendiamo di vederlo, poichè non
    è certo possibile giudicare in base ad una piccola anticipazione. Per una volta comunque,
    sono curioso di vedere un remake.
  • Funesto • 15/09/11 00:02
    Fotocopista - 1417 interventi
    In generale, America=americanizzare. In tutti i sensi!
    Ad esempio immagino come renderebbero sensazionalistico ed inutilmente spettacolare il finale in piscina con i bulli smembrati... beh, vedrò...
  • Pigro • 15/09/11 09:48
    Consigliere avanzato - 1613 interventi
    In effetti dal trailer (e pure da qualche commento), sembrerebbe un remake molto rispettoso e in piena sintonia con l'originale. Semmai quello che mi chiedo in questi casi è perché mai si debba fare un remake di un film uscito da poco, e senza apportare tali modifiche da giustificarne una nuova versione. Poi mi do anche la risposta: gli americani, pigri e nazionalisti, non vanno a vedere un film europeo (non sono come gli europei che si sorbiscono tutti i film americani) e quindi ecco la necessità di rifare in inglese e in location locali ciò che pensano possa avere successo da loro (e pure in Europa, dove, appunto, si sorbiscono tutto). Si veda l'operazione-pagliacciata di Haneke col remake "Funny games", rifatto pari pari, ma in inglese, solo per il mercato.
    Ma stavolta, a quel che vedo, hanno sbagliato, visto che il film evidentemente è rimasto troppo "europeo" in tutti i sensi e il pubblico Usa ha disertato le sale.
  • Buiomega71 • 9/11/12 11:09
    Pianificazione e progetti - 24416 interventi
    Come horror "vampirico" in sè per sè abusa dei soliti clichè visti e stravisti (l'autocombustione vampirica alla luce del giorno, il permesso di entrare nelle stanze-come ricorda Chris Sarandon in Ammazzavampiri un vampiro deve essere invitato nella dimora per entrarvi, la fame incontenibile come crisi di astinenza, il procacciamento di vittime da parte di un "umano")e non dice nulla di nuovo sull'argomento.

    Quello che ho trovato bellissimo, profondo e toccante e l'amicizia (tenera e crudele) che lega l'emarginato Oskar alla vampira Eli

    Un rapporto di amore purissimo, delicato come la porcellana, con picchi di una sensibilità narrativa che riempie il cuore e regala emozioni intense

    I due si studiano, per poi completarsi in un rapporto tra i più profondi visti negli ultimi anni (penso alle sequenze con il cubo di Rubik, Eli che si spoglia e si mette nel letto con Oskar: Lui: "Sei gelata", lei "Ti fa schifo?", lui: "No", la rivelazione sulla sua natura di eterna dannata, la comprensione di due solitudini che si amalgama e si compensa, oppure quando Oskar-con un picco di crudeltà-non invita apertamente Eli ad entrare nella stanza e lei comincia a buttare sangue, e il tutto si incornicia con un abbraccio tra i due che vale più di mille parole)

    In certi momenti non ho potuto trattenere le lacrime, la delicatezza con cui Alfredson racconta questa fiaba , ora tenera, ora crudele, e sopraffina e tocca il cuore

    Almeno tre sequenze di una delicatezza che ruba un pezzo di anima:

    Quando Oskar offre una caramella a Eli e lei la vomita e il conseguente abbraccio di lui

    Quando Oskar, solo in casa con Eli, mette una canzone sul giradischi e Eli scuote la testa come ad accennare ad un balletto

    Oskar che salva la vita e Eli, e lei lo abbraccia da dietro ringraziandolo, ancora sporca di sangue

    Per questo mi sono tornate alla mente le vicissitudini dell'impossibilità di amare e essere normali tra la dannata Nastassja Kinski e l'umano John Heard nel Bacio della pantera schraderiano, anche se la il rapporto era carnale e di natura sessuale rispetto alla purezza innocente che lega Oskar a Eli

    Alfredson (fratello di Daniel) gira con tocco realistico, immerge il tutto in un atmosfera gelida e rarefatta (tanto che , più che i sobborghi svedesi, sembrava la periferia di Mosca), in casermoni anonimi e freddi, fatti di interni squallidi e ben poco invitanti, che rappresentano lo stato interiore dei due adolescenti protagonisti

    Maladolescenza vampirica, fatta di bullismo (impagabile la scena del pattinaggio all'aperto), ferini attacchi e rapidi mutamenti fisionomici e oculari di Eli che si arrampica come l'uomo ragno, dorme nelle vasche da bagno e cammina a piedi nudi sulla neve

    Il lato prettamente horror si riscatta nel bellissimo massacro finale nella piscina, così silente e surreale (lontano da urla e isterismi splatter) preannunciato da Flash in the night dei Secret Service (e mai canzone fu più evocativa) e una chiusa che, pur mettendo i brividi, scalda il cuore e l'anima con piccolo omaggio a The basket case

    Sembra un film di Neil Jordan attraverso gli occhi di un Bergman o di un Truffaut, sanguigno e rosso come il sangue, nonchè candido come la neve

    C'è pure un omaggio ai Sonnambuli con un "cat attack" (anche se francamente ridicolo), così come mi e parsa inutile l'infezione vampirica di Virginia, ma e un piccolo neo, tra suicidi, volti devastati dall'acido, emblematiche ferite vaginali e odori di sangue e morte, solitudine e candore

    In Alfredson ci ho visto anche un leggero sottotesto pedofilo (Oskar in mutandine, le riprese delle gambe dei fanciulli a scuola, seduti sui banchi)

    Per quanto concerne il misterioso Reinfeld che procaccia vittime a Eli sullo stile di Venerdì 13 parte seconda, che non può essere suo padre, ne ho intuito così:

    MEGASPOILER

    L'uomo credo fosse un ragazzino che si e innamorato di Eli (proprio come succederà a Oskar), ma Eli, non potendo crescere e rimanendo bambina in eterno (come Kristen Durst di Intervista col vampiro o eterna come Miriam in The hunger)vede i suoi "amanti" invecchiare...Forse sarà così anche il destino di Oskar...

    FINE SPOILER

    Non un horror tout-court, ma una favola piena di amore e tenerezza per il diverso e per anime irrequiete, che nonostante la glacialità delle location, scalda l'anima e il cuore e regala momenti di sincera e toccante commozione
    Ultima modifica: 9/11/12 15:10 da Buiomega71
  • Greymouser • 9/11/12 18:22
    Call center Davinotti - 561 interventi
    Bella la tua analisi, Buio. Se permetti, ti offro qualche precisazione. Per scrupolo, metto tutto sotto

    SPOILER


    I dubbi ti sarebbero tutti chiariti dalla lettura del romanzo di Lindqvist da cui è tratto il film (stupendo anch'esso - difficile trovare modello narrativo e trasposizione cinematografica dello stesso grande livello). Il sottotesto pedofilo c'è, eccome, tanto è vero che il vecchio procacciatore è per l'appunto un pedofilo conclamato, abituato in passato ad adescare ragazzini o a pagarli, che viene sedotto e soggiogato da Eli.
    Eli, in realtà è un maschio, che nell'adolescenza, secoli prima, fu evirato e vampirizzato da un potente signorotto-vampiro balcanico.

    FINE SPOILER

    Spero di essere stato d'aiuto. Saluti :)
    Ultima modifica: 9/11/12 18:23 da Greymouser
  • Buiomega71 • 9/11/12 18:36
    Pianificazione e progetti - 24416 interventi
    Greymouser ebbe a dire:
    Bella la tua analisi, Buio. Se permetti, ti offro qualche precisazione. Per scrupolo, metto tutto sotto

    SPOILER


    I dubbi ti sarebbero tutti chiariti dalla lettura del romanzo di Lindqvist da cui è tratto il film (stupendo anch'esso - difficile trovare modello narrativo e trasposizione cinematografica dello stesso grande livello). Il sottotesto pedofilo c'è, eccome, tanto è vero che il vecchio procacciatore è per l'appunto un pedofilo conclamato, abituato in passato ad adescare ragazzini o a pagarli, che viene sedotto e soggiogato da Eli.
    Eli, in realtà è un maschio, che nell'adolescenza, secoli prima, fu evirato e vampirizzato da un potente signorotto-vampiro balcanico.

    FINE SPOILER

    Spero di essere stato d'aiuto. Saluti :)


    Grazie Grey, preziose info debbo dire

    Purtroppo (so che e una mia lacuna ) non amo leggere romanzi, come dire, appena apro un
    libro, a pagina tre, sono gia esausto

    Però questa traccia pedofila, leggendo un intervista ad Alfredson, sapevo che era ben marcata nel libro, cosa che il regista (per ovvi motivi) non ha potuto portare sullo schermo

    Ma ho notato che Alfredson, ha comunque rimarcato questa cosa (almeno, in alcune riprese)

    Ero all'oscuro, invece, del vampiro balcanico e ora mi posso spiegare quella cicatrice

    Ecco perchè Eli, ad un certo punto, dice a Oskar: "Ti piacerei anche se non fossi una ragazza?". Qualcosa intuivo, ora ho la certezza.

    Certamente il romanzo spiega più cose, e ad un profano come me che non ama la letteratura, trovare spiegazioni filmiche lasciate al giudizio personale e l'unica via possibile

    Comunque, Grey, davvero interessante stà cosa, per questo che avrei preferito magari un sequel del film che non un remake americano (che per quanto possa essere ben fatto) non guarderò mai.
    Ultima modifica: 9/11/12 18:56 da Buiomega71
  • Didda23 • 9/11/12 19:41
    Gestione sicurezza - 5780 interventi
    Bella analisi, Buio. Ringrazio pure Grey per le preziosi informazioni (il romanzo non l'ho letto).
    Credo che fare un sequel, girato però dallo stesso regista,sarebbe un'ottima idea. Magari...
  • Greymouser • 9/11/12 20:36
    Call center Davinotti - 561 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Bella analisi, Buio. Ringrazio pure Grey per le preziosi informazioni (il romanzo non l'ho letto).
    Credo che fare un sequel, girato però dallo stesso regista,sarebbe un'ottima idea. Magari...


    @Buio e& Didda

    Credo che l'dea di un sequel, vista l'origine letteraria del film, possa partire solo dal romanziere Lindqvist. Credo ci sia, in caso diverso, un problema di diritti, oltre che di correttezza.

    @Buio

    Per me, riguardo al remake americano, non ti perdi proprio nulla. Film pulito, ben fatto, ma inutile, oltre che terribilmente meno efficace e conturbante.
  • Buiomega71 • 9/11/12 20:40
    Pianificazione e progetti - 24416 interventi
    Greymouser ebbe a dire:
    @Buio

    Per me, riguardo al remake americano, non ti perdi proprio nulla. Film pulito, ben fatto, ma inutile, oltre che terribilmente meno efficace e conturbante.

    Hai confermato quello che ho sempre pensato, grazie Grey, anche perchè per quanto possa essere fatto bene tecnicamente, trovo inutile una rivisitazione americana di un film prettamente europeo
    Ultima modifica: 9/11/12 20:42 da Buiomega71