La scelta di Anne - L'événement

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/11/21 DAL BENEMERITO XAMINI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Xamini 5/11/21 10:46 - 1130 commenti

I gusti di Xamini

Un pugno nello stomaco. Una telecamera che costringe lo spettatore a seguire in modo asfissiante la protagonista per 1h 40m (tra mezzo busto, primo piano e dintorni), aderendo come una seconda pelle all'interpretazione eccezionale della Vartolomei; le sue sensazioni, le sue emozioni, il suo dolore passano attraverso il confine dello schermo, agevolate da una colonna sonora minimalista, che finisce per imprimere nella memoria i suoni delle scene più terribili. E tutto questo senza il senso di un'interpretazione, un giudizio. Solo il crudo, l'onestà, il peso di una scelta.
MEMORABILE: La naturalezza recitativa della Vartolomei; I suoi tentativi; Il momento chiave.

Daniela 21/02/22 05:39 - 11641 commenti

I gusti di Daniela

Anna è una studentessa di lettere brillante e determinata nel proseguire gli studi fino a quanto viene colpita da quella malattia che, secondo la sua definizione, "colpisce solo le donne e le fa diventare casalinghe". Nella Francia degli anni '60 la "cura" è un reato... Film intenso, crudo: pur mostrando poco,  riesce a trasmettere in maniera fisica l'ansia crescente della protagonista via via che passano le settimane, la sua angoscia, la paura e il dolore. Un iter drammatico a cui tuttora vanno incontro milioni di donne e questa consapevolezza aumenta il coinvolgimento emotivo.

Lou 13/11/21 00:17 - 1082 commenti

I gusti di Lou

Film potente, efficace, di doloroso realismo, estremamente fisico nel costringere lo spettatore a sentire sulla sua pelle le sofferenze della studentessa Anne, interpretata dalla bravissima Vartolomei, durante le prime dodici settimane di una gravidanza non desiderata, in un contesto fortemente antiabortista come quello della Francia dei primi anni Sessanta. Dal romanzo autobiografico della Ernaux, la Diwan riesce a realizzare un‘opera cruda e coraggiosa, che lascia il segno. Leone d’oro meritato.

Cotola 26/11/21 23:43 - 8403 commenti

I gusti di Cotola

Un pugno in piena faccia, senza se, senza ma e senza sconti. La telecamera pedina Anne, le sta addosso dall'inizio alla fine e ci fa partecipi della sua vita e del dramma che si insinua nella sua esistenza. E col passare dei minuti anche noi entriamo nella vita di Anne e lei nella nostra tanto da sentire il suo dolore, la sua ansia, il suo respiro che a volte si fa davvero corto. Il tutto con estrema sobrietà, senza inutili voyerismi e sensazionalismi. Un fortissimo e disperato urlo di libertà e di civiltà, durissimo, per qualcuno discutibile, ma necessario. 

Kinodrop 17/12/21 18:28 - 2319 commenti

I gusti di Kinodrop

Il dramma di Anne, studentessa in un'università di provincia negli anni '60,che deve scegliere tra realizzazione, autonomia e libertà o portare avanti una gravidanza indesiderata con tutte le sue conseguenze. Una storia dolorosa che ci pone di fronte, senza sconti, al dramma della subordinazione della donna rispetto ai condizionamenti della legge e del costume, facendoci partecipi delle fasi psicologiche e fisiche della protagonista (una sorprendente Vartolomei). Una narrazione asciutta e diretta, cruda ma senza cadere mai nel morboso o nel voyeristico. Leone d'oro meritatissimo.

Anthonyvm 28/01/22 01:33 - 4009 commenti

I gusti di Anthonyvm

Osservando il film, con glaciale partecipazione (non potrebbe essere altrimenti, dato il costante pedinamento della protagonista da parte dell'imparziale e schietto occhio della mdp), viene spontaneo pensare a quante banali inzuccherature moraliste il cinema mainstream (e hollywoodiano soprattutto) abbia propinato nel corso degli anni su temi troppo delicati per la retorica sentimentalista. Diwan parla con assoluta sincerità, girando un film nudo e diretto, senza mai scadere nello scabroso (non vedremo mai più di quanto Anne abbia modo o coraggio di guardare). Eccellente Vartolomei.
MEMORABILE: Le condanne morali del dottore; Il primo tentativo con un ferro da maglia; L'incomunicabilità con la madre; La dolorosissima operazione clandestina.

Reeves 29/01/22 19:27 - 1094 commenti

I gusti di Reeves

Il film che ha vinto la Mostra Cinematografica di Venezia è un film forte e teso, che non ha paura di raccontare con grande realismo argomenti che abitualmente sono sottaciuti. Invece in questo caso la cinepresa pedina letteralmente la protagonista e ci restituisce tutta la durezza della terribile esperienza che la ragazza è costretta a vivere. Un pougno nello stomaco, ma quanto mai salutare.

Paulaster 15/02/22 12:06 - 3699 commenti

I gusti di Paulaster

Ragazza incinta cerca chi può praticarle un aborto clandestino. Tema già esplorato (ad esempio in Mungiu, migliore nell’analisi ambientale) incentrato sul tormento interiore e sulle sofferenze finali. Regia che sta addosso alla protagonista, una combattiva e a tratti allucinata Vartolomei, che esprime al meglio la scelta intima di affrontare da sola un calvario esistenziale. Un piccolo accenno storiografico fa capire in che epoca ci si trovi ma l'unico interesse è raccontare la vicenda nuda e cruda. Rongione e la Mouglalis danno il loro piccolo apporto.
MEMORABILE: Il primo tentativo di aborto; Il feto sanguinante; L'orgasmo col cuscino.

Capannelle 25/06/22 18:35 - 4070 commenti

I gusti di Capannelle

Rrappresenta fedelmente il dramma che le donne devono affrontare quando la società nega loro il diritto a una maternità voluta. La Diwan inquadra Anne costantemente e non ci risparmia nulla della sua sofferenza fisica e mentale, permettendo alla Vartolomei una performance non da poco, coadiuvata da cast e ambientazioni adeguate. La protagonista riceve cazzotti in faccia da tutto quanto le ruota attorno e il senso di angoscia e di solitudine è permanente, a tal punto che la stessa godibilità del film ne viene intaccata.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.