What did Jack do?

Media utenti
Titolo originale: What Did Jack Do?
Anno: 2017
Genere: corto/mediometraggio (bianco e nero)
Note: Cortometraggio della durata di 17 minuti.
Numero commenti presenti: 7

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/01/20 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pinhead80 27/01/20 22:14 - 3947 commenti

I gusti di Pinhead80

Ennesimo cortometraggio targato David Lynch che mette in scena una "storia" assurda che vuol farsi beffe dei vecchi noir. Per fare questo utilizza dei veri animali e dei dialoghi praticamente incomprensibili a livello di logica che "scimmiottano" le frasi più classiche degli interrogatori al cinema. Un vero e proprio teatro dell'assurdo difficile sia da commentare che da comprendere e che ancora una volta spiega in parte la follia del regista. Nonostante tutte queste difficoltà si rimane affascinati dall'atmosfera.

Anthonyvm 28/01/20 18:48 - 1926 commenti

I gusti di Anthonyvm

Vedere David Lynch in persona che fa il terzo grado alla scimmietta Marcel di Friends è già di per sé appagante per qualunque weird-seeker. Il corto, nella sua semplicità (andando all'essenza, non è altro che la parodia surreale di un film noir), scorre simpaticamente sospeso fra il perturbante (la bocca umana sovrapposta a quella di Jack), l'assurdo umorismo dei dialoghi e l'intrinseca follia del soggetto. Lynch, più ironico che mai, dimostra di non aver perso lo smalto e condensa in 17 minuti un tributo al nonsense che si farà ricordare.
MEMORABILE: "Chi crederebbe a un orango?"; La straniante parentesi musicale di Jack; L'inquietante urlo di Jack; Il concitato (e stranamente concludente) finale.

Daniela 23/01/20 21:42 - 9389 commenti

I gusti di Daniela

Nella saletta appartata di un bar, un investigatore interroga un certo Jack Cruz sospettato di aver ucciso un rivale in amore. Jack nega il delitto ma non la sua passione per la dolce Toototabon... Jack è un cebo cappuccino (vero), probabilmente "doppiato" dallo stesso Lynch, Toototabon è una gallina (vera), il corto è un distillato di assurdo d.o.c. che lascia perplessi e deliziati come spesso accade di fronte alle opere d'arte moderna: difficile trovarvi un senso, impossibile non apprezzarne lo stile e la geniale bizzarria.

Taxius 27/01/20 01:17 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

In un angolo di un malandato bar ferroviario, davanti a due tazze di caffè, avviene l'interrogatorio tra David Lynch e Jack, una scimmietta accusata dell'omicidio di un rivale in amore. Fin da subito il dialogo tra i due risulta essere molto surreale e di non facile comprensione, ma l'assurdità della scena è talmente ipnotica che riuscire a comprendere ciò che dicono diventa secondario. Il tutto poi è condito con una canzone d'amore cantata da Jack per la sua amata, una gallina di nome Toototabon. Stranissimo!

Paulaster 26/02/20 09:50 - 2779 commenti

I gusti di Paulaster

Una scimmietta viene interrogata per l’omicidio di un rivale amoroso. Scambio serrato di battute tra lo stesso regista (che cerca di intimidire senza essere aggressivo) e lo scafato animale. Un botta e risposta che assume toni di arguta veridicità e che tende a richiamare gli interrogatori dei vecchi film noir. Discreta la fotografia rarefatta a ricreare il clima fumoso. Lynch inserisce anche una struggente canzoncina durante la quale l’indagato può esprimere tutto il suo amore per la gallina Toototabon.
MEMORABILE: La domanda sul rodeo; L’indizio delle piume; L’orango il testimone; La mancia alla cameriera.

Pigro 19/03/20 10:08 - 7787 commenti

I gusti di Pigro

Un serrato interrogatorio a una scimmia innamorata di una gallina: Lynch riesce a trasformare le baracconate più kitsch e insulse in emozionanti momenti di grande cinema e di trepidante tensione. Qui lo fa grazie a un b/n d’antan, a un dialogo dove le coordinate evaporano facendo trionfare il puro meccanismo del botta-e-risposta, a un ottimo ritmo e all’impressionante espressività del primate. Peccato che in effetti il tutto non abbia alcuna consistenza se non quella della curiosità strampalata e virtuosistica. Buffo.

Bubobubo 1/04/20 16:24 - 1199 commenti

I gusti di Bubobubo

Siamo in una malandata carrozza ferroviaria che ricorda i tuguri polacchi di Inland empire: qui, come allora, due persone a colloquio. Beh, persone... Lynch in persona, con sigaretta d'ordinanza e caffè americano, cerca di saperne di più sull'omicidio del rivale in amore di Jack, una scimmietta su cui vengono impiantate una bocca semovente e la voce filtrata dello stesso Lynch. Storia assurda, impregnata di anarchica autoironia, che si permette di celare una leggera inquietudine (l'assurda esibizione musicale di Jack). Si fa ricordare.
MEMORABILE: Lynch (fumando): "I don't bluff". Jack: "Yeah, and you don't smoke".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 23/01/20 21:50
    Consigliere massimo - 5128 interventi
    Dal 20 gennaio 2020, giorno del compleanno del regista, è disponibile su Netflix questo cortometraggio girato nel 2016 e finora presentato solo in talune occasioni particolari.

    La canzone "True Love's Flame" scritta da David Lynch e Dean Hurley, risulta cantata da Jack Cruz, ossia probabilmente dallo stesso Lynch.
  • Curiosità Taxius • 27/01/20 01:23
    Portaborse - 168 interventi
    La scimmietta Jack è la stessa che interpretava il ruolo di Marcel nella sit-com Friends (era grande amica di Ross).

    Fonte: https://tv.badtaste.it/2020/01/la-scimmietta-del-corto-what-did-jack-do-di-david-lynch-e-marcel-di-friends/
  • Discussione Bubobubo • 1/04/20 15:50
    Call center Davinotti - 216 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Dal 20 gennaio 2020, giorno del compleanno del regista, è disponibile su Netflix questo cortometraggio girato nel 2016 e finora presentato solo in talune occasioni particolari.

    La canzone "True Love's Flame" scritta da David Lynch e Dean Hurley, risulta cantata da Jack Cruz, ossia probabilmente dallo stesso Lynch.


    Dalla voce mi sembrava proprio DL.