Singapore: intrigo internazionale - Film (1954)

Singapore: intrigo internazionale
Media utenti
Titolo originale: World for Ransom
Anno: 1954
Genere: spionaggio (bianco e nero)
Note: Ispirato alla serie tv "China Smith"
Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/10/10 DAL BENEMERITO LUPOPREZZO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lupoprezzo 4/10/10 17:05 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

La seconda pellicola di Aldrich è un incrocio tra un film di spionaggio e uno d'avventura in cui un investigatore privato (Dan Duryea) si troverà coinvolto in un complotto spionistico. La storia non è il massimo, ma l'incredibile piega che prende l'ultima parte, i toni noir e il personaggio dell'antieroe illuso interpretato da Duryea rendono il film più che apprezzabile. Importante per comprendere la poetica di Aldrich.

Pinhead80 24/03/12 02:17 - 4370 commenti

I gusti di Pinhead80

Aldrich in poco più di un'ora ci delizia con un film di spionaggio dal ritmo più che ottimo. Le atmosfere sono curate alla perfezione (tanto che l'umidità pare esca fuori dallo schermo) e la trama, seppur semplice da seguire, rimane fino all'ultimo avvincente. Lou Nova (nella parte del risoluto Guzik) vale da solo la visione del film. Molto interessante.

Galbo 12/07/12 06:12 - 11968 commenti

I gusti di Galbo

Come si evince dal titolo italiano (che come spesso accade nulla ha a che vedere con quello originale), il secondo film di Robert Aldrich è una storia di spionaggio ambientata nel paese asiatico. Più che la trama (in realtà abbastanza banale), contano le atmosfere (tipiche del noir mescolato alla pellicola d'azione), la "costruzione" dei personaggi e la resa ambientale particolarmente realistica. Ottima la prova del cast.

Myvincent 22/06/21 08:59 - 3360 commenti

I gusti di Myvincent

Un uomo che tiene molto alla salvezza di un amico che ha sposato il suo unico amore, si spinge sempre più pericolosamente entrando nelle spire di un'associazione anti-governativa inglese. Il tutto in una Singapore ricostruita, oscura, insidiosa e insopportabilmente afosa. Aldrich tiene le redini della spy-story spingendosi molto più in là del consueto e descrivendo stati d'animo al collasso che nel finale lasceranno con la bocca amara tanto lo spettatore quanto il protagonista.

Nicola81 24/09/22 18:05 - 2522 commenti

I gusti di Nicola81

Noir caratterizzato da una forte componente spionistica, fortunatamente non zavorrata da risvolti propagandistici nonostante fossimo in piena guerra fredda. Sullo sfondo di una suggestiva ambientazione esotica, si dipana una storia lineare ma piuttosto avvincente, in cui c'è spazio anche per qualche bella sequenza d'azione. Capeggiato da un Duryea che dietro la maschera di cinismo lascia trasparire una certa vulnerabilità, il cast offre una prova convincente, e Aldrich, sebbene fosse solo agli esordi, dirige già da quell'ottimo regista che avrebbe confermato di essere.

Daniela 18/09/22 21:43 - 11832 commenti

I gusti di Daniela

A Singapore un avventuriero cerca di tirare fuori dai guai l'ex socio coinvolto nel rapimento di uno scienziato atomico da parte di una banda di malviventi... Più noir che spionistico, al secondo film Aldrich mostra già la stoffa del grande regista: più della storia, intricata come di consueto, contano l'atmosfera torbida e una galleria di personaggi ben definiti, interpretati da un cast azzeccato. Ottimo attore, Duryea riesce a far intravedere dietro la maschera cinica un fondo di disillusione e disperato romanticismo. Bello e amaro l'epilogo, film poco noto da recuperare.
MEMORABILE: Il colloquio finale con la donna amata.

Robert Aldrich HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.