Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/06/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 9/06/07 12:08 - 3015 commenti

I gusti di Il Gobbo

Dal romanzo di Jean Genet, la storia del marinaio Querelle che nella città portuale di Brest si concede a ogni abiezione e tentazione. Fassbinder cerca (col lanternino) e trova lo "scandalo" con una rappresentazione allo stesso tempo cruda e iper-manierata (il film è tutto girato in studio, ed esibisce sfacciatamente fondali fintissimi da teatro filmato). Malgrado gli interpreti (dallo sfigatissimo Brad Davis che dopo i carcerieri turchi sperimenta altri bruti, alla grande Jeanne Moreau, al ridicolissimo Franco Nero), un film gelido.

Homesick 11/06/07 19:08 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Sodomitico, denso, ostico e scabroso come le pagine di Genet. Il film fonda il suo fascino su una Brest sovrabbondante, coreografica e totalmente ricostruita in studio, nella quale agiscono personaggi malsani, lerci e perversi, legati tra loro da rapporti di violenza e sopraffazione, soprattutto sessuale. Si ricorda soprattutto per un'imbruttita Jeanne Moreau - unica donna del cast - che canta "Each man kills the thing he loves".

Pigro 23/06/08 09:30 - 9716 commenti

I gusti di Pigro

Il teatro si fonde con il cinema nel bellissimo film che Fassbinder ha tratto dal romanzo di Genet. Il regista ricrea il racconto come una messinscena o una sacra rappresentazione (se ne ricorderà Lars von Trier per Dogville?), carica di tutti i segni della cultura gay, fra camp e erotismo. Il punto di contatto tra desiderio e pulsione di morte è un luna park colorato dove i fantasmi della passione possono manifestarsi a proprio piacimento. Indimenticabile.

Galbo 26/06/08 06:08 - 12422 commenti

I gusti di Galbo

Ultimo film del grande regista tedesco Fassbinder, sottoposto in Italia a pesante censura, è tratto da un romanzo di Jean Genet ed intepretato da un ottimo Brad Davis. Punto di forza dell'opera è certamente la ricostruzione totalmente realizzata in studio di un ambiente laido e corrotto come quello della città portuale di Brest. In tale contesto appare quasi inevitabile la degradazione morale del personaggio il cui sbocco è quello dell'omicidio ma anche il tema della perdita di identità centrale nell'opera.

B. Legnani 30/07/08 19:26 - 5554 commenti

I gusti di B. Legnani

Lugubre, ieratico, noioso. Tremendamente concettoso (qui, poi, marinai e prostitute parlano o come un docente universitario o, peggio, come un poeta ermetico). Certo, non ho letto il libro di Genet, ma filmicamente è sì lussureggiante quanto claustrofobico, sì curioso quanto indigesto. Concordo con l'acuta sintesi di Morandini: "C'è stilizzazione, non stile". Marcel Carné non riuscì a convincere i giurati a dargli il "Leone d'Oro" a Venezia. E te credo...

Rebis 13/05/09 15:48 - 2345 commenti

I gusti di Rebis

Anomalo barbaglio estetico nella produzione di Fassbinder, di ampollosa e compiaciuta ricercatezza formale, pare, più che un testamento d'artista, una dichiarazione d'amore alla finzione intesa come rappresentazione e dissimulazione di sé, barocchismo occulto o pleonasmo dall'ingenza erotica e concupiscente, forse non liberato da un narcisismo querulo. Sberleffo finale che manda all’aria pretese intellettuali, raffinatezze edoniche e risolve in un nulla i voli pindarici sulle identità e il doppio. Nero languido e un po’ legato; fallico Brad Davis; meraviglia delle meraviglie Jeanne Moreau.

Enricottta 30/08/09 16:39 - 506 commenti

I gusti di Enricottta

A scanso di equivoci, non si parlerà di fallocentrismo, di anocentrismo, di fellatio, di onanismo. E qui viene il bello. Per chi ha conosciuto i peggiori postriboli del mondo, è difficile commentare un filmaccio contrabbandato per arte. Fassbinder si filma addosso, ed il puzzo si sente ancora. Lo scandalo è servito e male digerito, la presunta ricerca di forma ed estetica si perde desolatamente nei rivoli del manierismo, stucchevoli immagini copulatorie. L'unica donna, Jeanne Moreau, veste i panni di un manichino con un'anima inquieta. Ottima la canzone.

Nando 25/03/11 10:13 - 3827 commenti

I gusti di Nando

Un viaggio nella turpe perversione della città di Brest ove un marinaio conoscerà la sua Gomorra in modo drammatico e violento. Una narrazione rarefatta e lenta con scenografie tendenzialmente teatrali e dotate di impatto visivo ricco di grande ieraticità. Grande la Moreau, lievemente fuori ruolo Nero.

Luchi78 14/12/11 14:33 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Fassbinder crea la sua ultima opera a mo' di testamento, impregnandola della tematica omosessuale rappresentata con il classico stereotipo del mondo gay, ovvero il marinaio unto e bisunto durante la sosta in un porto (in questo caso Brest, Bretagna occidentale). Tematiche poco afferabili, contorsioni amorose e sentimentali tra uomini e fratelli ed un'unica donna, Jeanne Moreau, che canticchia un'amabile melodia. La rappresentazione della sodomia è nuda e cruda, ma a che serviva? Molto stile ma poco comprensibile...

Deepred89 5/06/12 20:15 - 3720 commenti

I gusti di Deepred89

Allucinato delirio d'autore, completamente avvolto nei suoi claustrofobici scenari di stampo teatrale dai soffocanti cromatismi rossastri. All'interno si fanno largo molti elementi, talvolta profondamente eterogenei: melodramma decadente, erotismo omosex (con stereotipi annessi), dialoghi porno-ermetici, cartelli dal sapore letteral-intellettuale (spesso oltre la soglia del ridicolo), un motivetto cantato orecchiabile, la presenza quasi fantasmatica di Franco Nero, un folgorante Brad Davis. Confuso e squilibrato, ma indubbiamente suggestivo.

Rainer Werner Fassbinder HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Un anno con 13 luneSpazio vuotoLocandina Le lacrime amare di Petra von KantSpazio vuotoLocandina Attenzione alla puttana santaSpazio vuotoLocandina Il fabbricante di gattini

Lucius 30/12/13 17:39 - 3015 commenti

I gusti di Lucius

Un capolavoro di rara bellezza, incorniciato da una fotografia seppiata rarefatta. L'opera di Fassbinder non è solo un cult movie gay, ma rappresenta il Cinema all'ennesima potenza. Un cinema capace di scuotere le coscienze, soprattutto le più "antiquate" e di conseguenza turbarle. L'amore del marinaio Querelle è un amore carnale, rubato di porto in porto, un amore rischioso, per assaporare il quale si rischia anche la vita. Un cinema-teatro dove le scenografie sono suppellettili superflee e la vita è di scena.

Daniela 9/07/15 14:29 - 12704 commenti

I gusti di Daniela

L'ultimo film di Fassbinder è anche uno dei suoi più famosi, certo per l'alone di scandalo che lo accompagnò già all'uscita e per i successivi (esecrabili) interventi censori, ma non è uno dei suoi migliori. Il testo di Genet, già mortuario, trova nel regista un illustratore sin troppo consono: la Brest interamente ricostruita in studio è un inferno di cartapesta popolato da belli e dannati da libro illustrato, mentre nel cast, fra l'impettito Nero e la mummia Moreau, solo Brad Davis sembra infondere un poco di vita e calore al suo personaggio. Capolavoro mancato, ma non privo di grandezza.

Myvincent 25/11/17 07:45 - 3761 commenti

I gusti di Myvincent

Ultimo film del grande eretico cinematografico, tanto contestato, censurato, osannato, narra le vicende del marinaio Querelle, vittima e carnefice del suo fascino mortale sull'umanità più varia. L'omosessualità maschile viene qui centrata, ma associata inevitabilmente alla violenza e alla follia all'interno di uno spazio fisico volutamente artificiale, un po' felliniano. Fassbinder esagera con il suo registro allusivo e annoia implacabilmente.

Enzus79 2/08/22 22:26 - 2928 commenti

I gusti di Enzus79

Tratto dall'omonimo romanzo. Un marinaio intreccia diverse relazioni con frequentatori di un bordello. Stilisticamente eccelso, visionario, cupo e poetico; la storia della ricerca di un'identità personale rende quest'ultimo film di Fassbinder una delle pietre miliari del cinema europeo. Non è un capolavoro ma non si può rimanerne distaccati. Cast superbo. Belle le musiche.

Keyser3 29/12/23 11:53 - 444 commenti

I gusti di Keyser3

Sporco, estremo, distruttivo. Fassbinder come Pasolini: l'ultimo lavoro prima della morte come testamento e compendio della loro opera, in cui si ritrovano tutti i tratti distintivi. Certo, non è un film per tutti, la tendenza al barocco e all'autocompiacimento è spesso esasperata; la forte saturazione dei colori lascia quasi storditi; realismo e anti-realismo si miscelano senza soluzione di continuità. Marcel Carné però aveva ragione: a suo modo, il suo posticino nella storia del cinema lo ha avuto.
MEMORABILE: La scena della sodimizzazione; Lysiane che parla del pene di Querelle.

Paulaster 19/04/24 18:01 - 4462 commenti

I gusti di Paulaster

Marinaio sbarca a Brest e va alla ricerca del fratello. Fassbinder pensa di essere Fellini e ricrea tutto in studio; lo stile c’è, ma la sovrabbondanza è fine a sé stessa. Pure con le imbeccate erotiche finisce per essere pasoliniano e gratuito, soprattutto per i dialoghi monotematici. L’ultimo suo film diventa un puro esercizio di stile e colpisce solo per la confezione decisamente accurata. La Moreau viene imbruttita e sembra in sostituzione della Schygulla, come ruolo. Nero è in un personaggio ambiguo e resta a metà.
MEMORABILE: La partita persa a dadi col proprietario.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Homevideo Galbo • 14/05/09 06:00
    Consigliere massimo - 3992 interventi
    Segnalo che il dvd RHV ha un booklet molto curato (22 pagine) con un bel saggio sul film
  • Homevideo Rebis • 14/05/09 13:14
    Compilatore d’emergenza - 4423 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    Segnalo che il dvd RHV ha un booklet molto curato (22 pagine) con un bel saggio sul film

    mannaggia in quello da edicola non c'è...:(
  • Homevideo Galbo • 14/05/09 14:14
    Consigliere massimo - 3992 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Galbo ebbe a dire:
    Segnalo che il dvd RHV ha un booklet molto curato (22 pagine) con un bel saggio sul film

    mannaggia in quello da edicola non c'è...:(


    purtroppo in edicola questi prodotti difficilmente sono completi
  • Curiosità Enricottta • 30/08/09 16:41
    Magazziniere - 81 interventi
    la canzone che canta J.Moreau, è tratta da un componimento di O.Wilde"la ballata del carcere di Reading
  • Curiosità Lucius • 24/07/10 19:27
    Scrivano - 9049 interventi
    L'attore protagonista Brad Davis,dipendente dalla droga, morì di Aids nel 1991 a soli 42 anni.
  • Curiosità Lucius • 24/07/10 19:55
    Scrivano - 9049 interventi
    Gunther Kaufmann che interpreta Nono, il violentatore di Querelle è stato il primo amore "ufficiale" del regista, ma il film si apre con la dedica "Alla mia amicizia con Hedi Ben Salem", che morì suicida ed è noto per essere stato il secondo amore di Fassbinder.
  • Musiche Lucius • 11/09/11 16:19
    Scrivano - 9049 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale italiano:

    Ultima modifica: 28/03/16 17:05 da Lucius
  • Discussione Schramm • 30/10/18 00:18
    Scrivano - 7693 interventi
    occorrerebbe convocare alessio di rocco, che sarebbe sicuramente più preciso e certosino sulle incredibili traversie censorie e giudiziarie (di corso tutt'altro che breve) che il film patì da noi.

    personalmente, e in estrema sintesi, ricordo che, come da prima versione del trailer a quadri, il film si intitolava semplicemente querelle. tenuto sotto sequestro e in stand-by per circa tre mesi, approdò nelle sale sforbiciato di circa 49 mt, reintitolato querelle de brest, dopo lunghi alterchi e polemiche anche con la stessa gaumont, che pur di vederlo distribuito propose addirittura di coprire con dei fotogrammi neri le scene incriminate.

    i tagli sono successivamente stati reintegrati nella versione in dvd, mentre il master della gvr è il medesimo della versione censurata in sala.
  • Discussione Buiomega71 • 30/10/18 05:46
    Consigliere - 26107 interventi
    Temo che Rebis dica ben il contrario ( vedi home video)

    La VHS Gvr e il DVD RHV sono integri, con l aggiunta che la VHS Gvr mantiene le scene integre doppiate in italiano, mentre nel DVD sono sottotitolate ( stessa cosa successa con L IMPERO DEI SENSI, vedi sezione home video del capolavoro di Oshima)

    Le altre due edizioni home video (GVR box piccolo, collana " Diamanti" destinato alla vendita, e Elleu, che uscì in edicola nel 1999 per la collana " Gli introvabili" sono cut), ma NON la GVR ex noleggio (per intenderci quella con la fascetta postata da Rebis in home video, posseduta anche dal sottoscritto)
    Ultima modifica: 30/10/18 11:30 da Buiomega71
  • Discussione Rebis • 31/10/18 00:54
    Compilatore d’emergenza - 4423 interventi
    Sottoscrivo ogni sillaba :)