LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/07/07 DAL BENEMERITO RENATO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 1/07/07 18:34 - 1618 commenti

I gusti di Renato

Tra i primi lavori di Bergman ad avere una certa visibilità anche all'estero, pure se divenne celebre solo a qualche anno dalla realizzazione (da noi ad esempio uscì solo dopo Il settimo sigillo). Splendido ritratto di una giovane e disincantata ragazza che la vita, però, farà crescere presto. L'insistito primo piano di Bergman sul volto deliziosamente imbronciato di Harriet Andersson è tuttoggi tra le singole inquadrature più note del Maestro. Un film dolceamaro, come uno splendido sorriso che diventa una smorfia di dolore quando meno te l'aspetti.

Cotola 30/11/09 23:25 - 7696 commenti

I gusti di Cotola

Opera minore ma comunque interessante del grande maestro svedese, di cui restano impresse nella memoria la parte centrale ambientata in splendidi paesaggi (metafora della giovinezza e del passaggio all'età adulta), la prorompente e scandalosa (per i tempi in cui fu girato) sensualità della Andersson (che diventerà una delle muse del regista) e il lungo primo piano finale della protagonista (che è stato definito da Godard come uno dei più tristi della storia del cinema). Meno bello di altri suoi lavori, ma in ogni caso di grande efficacia.

Il Gobbo 19/11/12 14:02 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Intenso racconto crudele della giovinezza in cui Bergman osa la carta di un erotismo spontaneo e vitale, dalla forma quasi circolare (si inizia e si finisce in spazi angusti e opprimenti, con la bellissima parte centrale en plein air) e con più di un debito verso il cinema francese. A riscuotere provvederà la nouvelle vague adottando il film (espressamente omaggiato nei 400 colpi) e facendo del camera-look un segno di riconoscimento.

Mickes2 12/01/13 18:56 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Monica e il desiderio di una vita felice, libera dalle costrizioni sociali, dall’opprimente vita familiare, da tutti gli uomini che le ronzano avidamente attorno. Monica è giovane, sogna con tutto il cuore l’amore romantico; è all’interno di una favola col principe azzurro ma la consapevolezza della vita reale è lì ad aspettarla. Ritratto giovanile agrodolce di un rapporto candido e passionale, che si tramuta in qualcosa di disilluso e inafferrabile. Nell’immensa opera Bergmaniana è un minore, ma certe situazioni, sguardi, rimangono indelebili.

Saintgifts 25/12/13 22:49 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

La versione per gli Stati Uniti fu intitolata "The Story of a Bad Girl": un punto di vista piuttosto miope e superficiale, riversare sulla ragazza tutte le colpe. Certo Monica è vitale ed esuberante, ma non credo fosse l'intenzione di Bergman raccontare le vicende di una cattiva ragazza. Ha piuttosto voluto parlare della giovinezza, così fugace (Monica lo sa bene), della società, delle famiglie (il confronto della famiglia di Monica con quella dove lei ruba). L'amore tra i due ragazzi è sincero, ma è solo e disarmato di fronte alla dura realtà.
MEMORABILE: Gli intensi famosi primi piani; La trasformazione dei due giovani liberi e a contatto con la natura.

Deepred89 29/03/14 19:46 - 3334 commenti

I gusti di Deepred89

Un Bergman ancora ben lontano dal sublime, con una storia semplice, terrena, non priva di ironia e disillusione, nel quale non ho rinvenuto elementi sufficienti per il grande balzo dal "discreto" al "buono". Uno sguardo in macchina assolve Monika (per i quali nudi occorre giocare col tasto "pause"), un altro (sempre della Andersson, velocissimo e forse involontario, in spiaggia) conferma che il miglior Bergman sia ancora in attesa di uscire allo scoperto. Cinema per i giovani di ieri e i critici di oggi: non male, ma senza esagerare.
MEMORABILE: Il padrone di casa, come farà Riccardo Garrone, assiste all'adulterio tenuto offscreen ed esce sconvolto dalla stanza. Che Vanzina sia un bergmaniano?

Minitina80 31/03/17 21:55 - 2460 commenti

I gusti di Minitina80

Una storia senza tempo forgiata dall’illusione di vivere i propri sogni fuggendo dalla dura realtà. La vana rinuncia al sacrificio quotidiano è la via d’accesso al perseguimento dei propri desideri, evitando la castrazione della propria personalità a cui non tutti sono disposti a cedere. Diventa dirompente quando inizia a incamminarsi verso un’evoluzione amara, raccontata con grande profondità risaltando il minimo corrucciarsi dei volti. Da guardare con pazienza, aspettandolo come il ritorno dell’alta marea.

Daniela 4/12/20 10:47 - 9833 commenti

I gusti di Daniela

Sono giovani, belli, in fuga dalle convenzioni sociali per vivere un'estate d'amore in mezzo alla natura, lontani da lavori umilianti e famiglie disastrate, ma il loro amore non può sopravvivere all'arrivo dell'inverno, al freddo e alla fame prima, alla modesta routine familiare poi... Pur considerato minore nella filmografia del regista, un film prezioso, in grado di donare momenti teneri e dolci nella lunga parentesi in cui i due amanti sono immersi in una natura benevola ma anche molta tristezza per il realismo impietoso con cui è mostrata l'evoluzione del loro rapporto. 
MEMORABILE: Monica ninfa nuda salta da una roccia all'altra sulla riva del mare; Gli sguardi di Harry nell'epilogo tenendo la bimba il braccio.  

Magi94 9/01/21 10:09 - 724 commenti

I gusti di Magi94

Bergman del primo periodo, a tratti meno curato ma con magnifici squarci che fanno riconoscere il talento dell'autore. La parte più debole è la prima: incontro e innamoramento dei due protagonisti un po' all'acqua di rose e con dialoghi che, bisogna dirlo, si fanno un po' sciocchi. La vera scintilla scatta quanda inizia la ribellione e a formarsi l'idea della fuga; poi l'estate con Monica, con riprese magnifiche della natura selvaggia e dei sentimenti dei protagonisti. La "conversione" di Monica nel finale è un po' abbozzata, ma grande rappresentazione del disagio esistenziale.
MEMORABILE: Monica nuda e dalla spontanea sensualità sull'isola; Il lungo sguardo finale di Harry, da brividi.

Åke Fridell HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Rebis • 17/08/15 15:22
    Gestione sicurezza - 4292 interventi
    La vecchia edizione Bim durava 1;31;43: qualcuno ha la nuova edizione Bim-Cineteca di Bologna per fare un raffornto sulla durata effettiva?
  • Homevideo Cotola • 17/08/15 15:37
    Consigliere avanzato - 3653 interventi
    Rebis, purtroppo non posso aiutarti. E' uno di quei
    film che mi manca in originale e che non ho ancora comprato poiché spero, forse illudendomi, che prima
    o poi esca in bluray.

    Sui siti comunque si legge 96 minuti ma non è detto
    che sia la durata effettiva.
  • Homevideo Rebis • 17/08/15 16:36
    Gestione sicurezza - 4292 interventi
    Grazie Cotola, ho trovato sia 96 che 92 come durantadella nuova edizione... se fosse vera la seconda mi terrei il vecchio dvd...
  • Homevideo Rebis • 19/08/15 14:14
    Gestione sicurezza - 4292 interventi
    Durata prima edizione BIM: 1:31:43
    Durata nuova edizione BIM: 1:33:44

    Se ne deduce cha la nuova edizione contiene effettivamente le scene derubricate all'epoca dell'uscita.
    Ultima modifica: 19/08/15 17:48 da Rebis