Miss spogliarello

Media utenti
Titolo originale: En effeuillant la marguerite
Anno: 1956
Genere: erotico (colore)
Note: Aka "Sfogliando la margherita", "Come sfogliare una margherita".
Numero commenti presenti: 2

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/07/09 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 31/08/10 08:49 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Gli spogliarelli – castissimi e in verità più suggeriti che mostrati – rei di aver suscitato le ire dei clericali sono mero accessorio di una commedia ingenua e scanzonata in cui Brigitte Bardot – su esangue copione di Vadim – abbozza la giovane amabile, anticonformista e intraprendente che esploderà lo stesso anno nell’epocale Piace a troppi. Caratteri secondari come il balbuziente Cowl, il militaresco Dumesnil e il tassista Aurel acquistano il meritato risalto anche in virtù dell’efficace doppiaggio italiano. Propedeutico, ma obbligatorio solo per i fans di BB.

R.f.e. 7/09/10 14:38 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Senza Brigitte - col suo micidiale "faccino imbronciato" e un fisico sexy da morire - questa commedia sarebbe una delle tante dirette dal "regista delle donne" per antonomasia del cinema transalpino, Marc Allégret (1900-1973). Nonostante la sceneggiatura, velatamente anticonformista e antiborghese, a cui mise mano anche Roger Vadim, il film - che uscì in Francia un mese prima di Piace a troppi - non ha nulla di davvero scandaloso: gli strip-tease sono eleganti e solamente accennati (e dunque, forse, più efficaci). Da recuperare, comunque.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Undying • 10/07/09 16:52
    Scrivano - 7630 interventi
    Lacuna davinottica da colmare, in virtù di una folgorante bellezza 22enne qual era all'epoca Brigitte Bardot. Nonché per le conseguenze che, al momento dell'uscita italiana, lo resero titolo celebre.
    Ultima modifica: 10/07/09 17:28 da Undying
  • Curiosità Undying • 10/07/09 17:10
    Scrivano - 7630 interventi
    La lotta per la libertà di costume (e di pensiero) - 2

    Anno di grazia 1957.

    Papa Pio XII, si reca in visita al collegio Capranica, scuola nella quale il Pontefice ha compiuto buona parte degli studi.
    All'uscita del collegio, posto in bella vista, era stato affisso un manifesto di un film in uscita nelle sale, che fece letteralmente impressione al supremo gerarca dell'istituzione religiosa, e cioè questo:

    Da considerare che, in quel periodo, nell'ambiente Vaticano l'attrice Brigitte Bardot era considerata come "l'emblema del male".

    Tale evento, che a noi oggi può solo generare sorrisi, ebbe alcune notevoli ripercussioni.
    Lo scandalo del manifesto di Miss spogliarello porta dritto in Tribunale il capo ufficio stampa della C.E.I.A.D.-Columbia, distributrice del film; l'accusa è quella di aver affisso pubblicazioni oscene in pubblico.

    A tutela dei cittadini sconvolti fece presenza, in Tribunale, un celebre moralista-bacchettone-censore, tale avvocato Greggi. Costui si presentò in aula con un plico, contenente, a suo dire, ventimila lettere di cittadini che reclamavano maggior vigilanza sulle affissioni dei manifesti (sic!).
    "Sono più di ventimila! E le farò diventare duecentomila!", avrebbe esclamato Greggi.

    Il risultato di tale accanimento nei confronti di prodotti licenziosi (ma non certo pornografici) fu uno solo e decisamente andava in direzione contraria rispetto alle aspettative dei (pochi) bigotti.
    A Parigi, i noleggiatori che stavano facendo uscire il nuovo film con Brigitte Bardot (Et Dieu créa la femme) se ne uscirono con tale slogan promozionale:

    "Torna a voi -più svestita che mai- Brigitte Bardot, l'attrice che ha fatto arrossire il Papa"

    Fonte: La scalata al sesso - Callisto Cosulich
  • Homevideo Homesick • 31/08/10 09:19
    Capo scrivano - 1377 interventi
    Finora inedito in dvd, il film è attualmente in edicola per la collana "BB. Brigitte Bardot" della Hobby&Work: master italiano 1.33:1 di fattura più che discreta; nessun extra.
  • Discussione Ciavazzaro • 1/09/10 20:34
    Scrivano - 5610 interventi
    R.f.e. ebbe a dire:
    Da notare l'ipocrita e moralistica scritta che compare nel finale, ed ebbero tanti bambini, a voler evidentemente sottointendere che, dato che avrà tanti figli, come morale cattolica impone, la protagonista non avrà più il tempo né per scrivere libri scandalosi, né per partecipare a concorsi di spogliarello! Non avendo visto la versione originale francese, ignoro però se tale scritta fosse presente anche nell'originale: potrebbe essere un lezioso espediente tutto italiano, un tentativo di edulcorare-moralizzare la vicenda...
    Di ridoppiaggi italiani per edulcorare la pellicola, o scritte aggiunte nel nostro paese ce ne sono stati tanti.
    Esemplare in questo senso il doppiaggio italiano di Demoniac che stravolge completamente il senso del film (basta vedere la scena con Monica Swinn in camera da letto,per capirlo).
    Ultima modifica: 2/09/10 08:33 da Zender
  • Discussione Zender • 2/09/10 08:34
    Consigliere - 43729 interventi
    Sarebbe molto interessante scoprire se veramente la didascalia finale è cosa nostra.
  • Homevideo R.f.e. • 31/07/11 11:45
    Call center Davinotti - 854 interventi
    Come sospettavo l'edizione originale francese mostra più nudi.

    Date un po' un occhiata a questa sequenza (da notare che nel dvd Hobby&Work non è presente la versione francese!):

    http://www.youtube.com/watch?v=RqnIY0mq37g
    Ultima modifica: 31/07/11 12:07 da R.f.e.
  • Curiosità Xtron • 11/04/12 17:20
    Servizio caffè - 1833 interventi
    Il film, pur essendo del 1956, contiene scene di nudo

    Ecco un filmato:
    http://www.youtube.com/watch?v=RqnIY0mq37g