Mary Shelley - Un amore immortale

Media utenti
Titolo originale: Mary Shelley
Anno: 2017
Genere: biografico (colore)
Note: Presentato al XXXV Torino film festival nella sezione "Festa mobile".
Numero commenti presenti: 7

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/12/17 DAL BENEMERITO COTOLA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 8/12/17 23:59 - 7622 commenti

I gusti di Cotola

La vita della giovane Wollenstonecraft Godwin e della sua tormentata e scandalosa relazione con il sommo poeta inglese, amico di Byron. Non c'è molto di particolare da segnalare (a parte una certa cura per le immagini che sono, va detto, molto belle a vedersi) in questo biopic dallo stile narrativo e registico molto tradizionale. Si cerca di fare leva sugli aspetti più scabrosi e "leggendari" di una figura che avrebbe meritato ben altro trattamento e nei confronti della quale ci si prendono molte libertà storiche, così come verso gli altri personaggi.

Daniela 3/09/18 12:34 - 9643 commenti

I gusti di Daniela

Le circostanze insolite che portarono alla scrittura del capolavoro di Mary Godwin sono state già narrate in altre pellicole: questa le incornicia all'interno di un biopic tradizionale troppo concentrato sul lato sentimentale a scapito del contesto. La parabola del "mostro" come rappresentazione della solitudine e della disperazione di una moglie trascurata è ipotesi troppo fallocentrica per risultare del tutto convincente. Buona la confezione, altalenante la prestazione del cast: discreta anche se troppo algida Fanning, banalmente belloccio Booth, caricaturale Sturridge nei panni di Byron.

Von Leppe 4/09/18 13:05 - 1050 commenti

I gusti di Von Leppe

Niente di che questa biografia dell'autrice del "Moderno prometeo" in chiave soprattutto sentimentale, nella quale abbondano gli sbaciucchiamenti. Gli attori non sono paragonabili a quelli del Gothic di Ken Russell, ma il loro aspetto da adolescenti forse è più consono alla realtà storica. La trama mette in risalto le sofferenze amorose di Mary e ne fa un parallelo con quelle del mostro di Frankenstein. C'e "L'incubo" di Fussli e non è male l'ambiantazione ottocentesca inglese.

Nando 10/06/19 20:36 - 3495 commenti

I gusti di Nando

La genesi di Frankenstein in una pellicola convenzionale, dotata di valide ricostruzioni ambientali e di un cast nel complesso appropriato. Il lato sentimentale è abbastanza preponderante ma si assiste anche alla follia dei due poeti inglesi probabilmente interpretati in maniera eccessivamente caricaturale, vedi Byron. Alla fine si assiste a un discreto prodotto.

Anthonyvm 12/06/19 18:02 - 2131 commenti

I gusti di Anthonyvm

Biopic piuttosto piatto e impersonale, ma non per questo disprezzabile. La storia della famosa scrittrice è interessante di per sé e il film non fa altro che narrarla con il giusto piglio romantico, senza però guizzi artistici che lo facciano emergere dalla massa. Il cast è azzeccato, le intepretazioni corrette. Buona la fotografia così come costumi e ricostruzione degli scenari ottocenteschi. Non aggiunge nulla a ciò che un interessato alla vicenda non sappia già, ma nemmeno toglie alcunché. Per passare una serata goticheggiante ci sta.

Leukimara 2/07/19 15:12 - 16 commenti

I gusti di Leukimara

Il titolo italiano (Mary Shelley - Un amore immortale) deve prepararvi a quello che vedrete: una sdolcinata storia d'amore in chiave appena goticheggiante che non fa battere il cuore e non suscita alcuna emozione né empatia nei confronti dei protagonisti. La Fanning è brava ma non sembra avere alcun genere di affinità con Mary Shelley; Douglas Booth non ha nulla di affascinante se non un bel visino inespressivo. il Byron di Sturridge è una macchietta. La genesi di Frankenstein passa in secondo piano.

Lupus73 20/11/20 13:39 - 686 commenti

I gusti di Lupus73

Pellicola biografica romanzata tra il drammatico e il sentimentale molto ben confezionata che riesce a restituire la giusta atmosfera tra il romanticismo e il gotico come sua derivazione. La caratterizzazione è buona anche se, nel caso di Lord Byron, il personaggio che viene restituito è davvero insopportabile e forse eccessivamente frivolo (complice anche un'interpretazione sopra le righe e gigionesca). La durata è eccessiva (dato che troviamo dei punti di stanca) e lo spazio dedicato alla genesi del noto romanzo "Frankenstein" è ridotto all'ultima mezz'ora.
MEMORABILE: Il sogno della Shelley che anticipa Frankenstein.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 3/09/18 12:14
    Consigliere massimo - 5296 interventi
    Doppiato in italiano con il titolo Mary Shelley - Un amore immortale