Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/02/08 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 4/02/08 23:44 - 5276 commenti

I gusti di B. Legnani

Imperfetto, ma curioso. La comicità surreale (qui apolitica) di Dario Fo funziona a corrente alternata, ma è innegabile che il film abbia una freschezza interessante. Peccato per l’episodio dei cani, divertente nella sua realizzazione, ma concluso banalmente. Fo è un aspirante giornalista svitato, snodato, candido, che prende per oro colato tutto quello che gli altri dicono. La Rame fa la vamp di provincia, la Moll la finta ingenua, Umberto D’Orsi il giornalista. Si sorride.
MEMORABILE: La Rame che gioca a calciobalilla.

Renato 12/01/10 11:27 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Dario Fo evidentemente non era destinato al cinema, anche se questo suo esordio non dispiace. Il suo personaggio richiama un po' quelli del cinema muto, soprattutto nelle (numerose) scene in cui corre su e giù per la città, scene velocizzate in moviola, peraltro. La storia non è eccezionale ma si sorride sino al termine, ed il personaggio di Umberto D'Orsi, giornalista celato sotto vari travestimenti per i suoi scoop, è gustoso.

Homesick 9/04/16 15:43 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Qui fortunatamente scevra di connotazioni politiche, la comicità di Dario Fo può scatenarsi in una spensierata commedia di provincia, a tratti chapliniana sia per le mimiche e certi sguardi mesti del primattore, sia per i ritmi accelerati impressi da Lizzani soprattutto all'inizio e alla fine. I partners sono scelti con accortezza e adempiono al dovere di rappresentare veraci tipizzazioni.
MEMORABILE: L'arrivo nella palestra; Fo e il vigile; la partita a calciobalilla; l'inseguimento dei cani.

Zampanò 26/06/21 17:37 - 375 commenti

I gusti di Zampanò

L'unico vero film da protagonista di Dario Fo rivela due cose: non era tagliato per il cinema inteso come commedia all'italiana; l'estro si denota ma resta teatrale. Interessante anche se slabbrata indagine di Lizzani sulla spregiudicatezza del quarto potere e sulle news progettate a tavolino. Le gag semi-slapstick in cui Fo è una specie di Goofy appaiono oggi decisamente impolverate e le storielle sentimentali accennate o accelerate. Franca Rame, fatalona bionda (erano già sposati), sa prendersi la scena quando vuole.
MEMORABILE: La lezione di giornalismo del direttore che cita lo "scandalista" Omero.

Reeves 14/08/22 23:05 - 1119 commenti

I gusti di Reeves

Stranissima operazione, con Carlo Lizzani che dirige Dario Fo nel suo unico film da protagonista e l'attore che si plasma direttamente su Jacques Tati, che allora era sulla cresta dell'onda. Se si aggiunge che il film è prodotto da Leo Wachter, che organizzerà dieci anni dopo il concerto dei Beatles in Italia, si capisce come si tratti di un'operazione eccentrica, comunque divertente anche se imperfetta. Peccato, perché Fo avrebbe potuto dare molto al cinema.

Carlo Lizzani HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gugly • 29/05/13 11:13
    Portaborse - 4666 interventi
    Un pensiero a Franca Rame, scomparsa oggi: attrice, ma soprattutto battagliera testimone degli ultimi 50 anni.
  • Discussione Pigro • 29/05/13 14:18
    Consigliere avanzato - 1604 interventi
    Battagliera testimone degli ultimi 50 anni: mi sembra una definizione perfetta. E una ruggente protagonista del teatro italiano.