La baia del silenzio - Film (2020)

La baia del silenzio

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Che alla base ci sia un romanzo lo si intuisce dalla complessità della storia: strutturata, di una certa complessità, dotata delle potenzialità per incuriosire fino alle rivelazioni finali; è piuttosto la realizzazione a lasciare perplessi. La regia di Paula Van der Oest, che pure mostra di saper padroneggiare la cinepresa azzeccando spesso inquadrature d'effetto, sfruttando bene le belle location europee, è fiacca, lontana dal coinvolgimento richiesto da un thriller e tende a perdersi tra le pieghe della vicenda faticando a riannodare i fili della stessa, con interrogativi lasciati in sospeso risolti poi banalmente, con ottime intuizioni (il misterioso incidente...Leggi tutto in Normandia, il lasso di tempo da ricostruire e che comprende la tragedia chiave) cui non corrisponde uno sviluppo all'altezza. La Baia del Silenzio esiste davvero ed è a Sestri Levante, in Liguria, dove la coppia protagonista passa una vacanza: si amano, trascorrono giornate felici e poco dopo Rosalind (Kurylenko) è incinta per la terza volta. Nella loro casa a Londra i due si preparano a festeggiare il nuovo nato quando la donna cade da un balcone e rischia di perdere il figlio. Ricoverata in ospedale, partorisce in anticipo. Si salva, quindi, e con lei il bambino: uno solo benché fosse convinta di aspettare due gemelli. Tanto convinta da infuriarsi col marito (Bang) quando questi cerca di spiegarle come non fosse affatto così, beccandosi apertamente del bugiardo. Il rapporto si fa teso, per quanto lui cerchi di essere il più comprensivo possibile, al punto che Rosalind decide di partirsene di casa assieme al piccolo Amedeo, alle altre sue due figlie (gemelle, avute dal precedente matrimonio) e alla tata. Destinazione Normandia, dove da ragazza aveva abitato e dove è evidentemente convinta di poter ritrovare la perduta armonia interiore. Quando però, dopo brevi ricerche degne di un autentico giallo, suo marito riesce a rintracciarla, avrà una brutta sorpresa. Siamo sicuri che Rosalind, la quale pare non ricordare assolutamente nulla, sia la vera colpevole di quanto accaduto, come sembrano indicare le circostanze? E' su questo e su altre inquietanti domande (cosa accadde lì molti anni prima, durante i giorni rivisti in flashback e in fotografie d'epoca tornate sorprendentemente alla luce) che il film poggia per procedere secondo schemi più da mystery che da thriller, trovando discreta sponda nel cast (c'è anche Brian Cox nel ruolo del padre di lei) e molto meno appoggio dalla sceneggiatura, in chiaro affanno nel tentativo di inserire troppo (evidentemente per rifarsi il più possibile al romanzo originale di Lisa Saint Aubin de Terán) senza riuscire poi a dare un senso compiuto all'insieme (forse anche per colpa della durata molto contenuta). Si avverte una sensazione di incompiutezza, di inadeguatezza rispetto ai mezzi impiegati che si concretizza in un'ultima parte assai deludente, compresa di inutile epilogo in spiaggia. E anche la figura del padre (Cox) di Rosalind, importante, si sposa male col resto, elemento disturbatore inserito senza convinzione nonostante il ruolo chiave. In apparenza un film confezionato in modo nettamente superiore alla media, ricco di esterni, ben fotografato e recitato, in definitiva un thriller "a scoperte progressive" che goffamente spreca figure sulla carta ricche di suggestione come quelle del fotografo e del suo assistente lasciandole svaporare e dissolversi insieme alla storia. Eppure i numeri per un ottimo film c'erano: un bel mistero sul quale indagare, una qualità non comune nelle riprese e la messa in scena...

Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/06/21 DAL DAVINOTTI
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ira72 15/07/21 13:20 - 1326 commenti

I gusti di Ira72

Thriller, talvolta dalle sfumature horror e spesso gialle hitchcockiane che lascia perplessi. Se da un lato si nota una certa padronanza (soprattutto nella fotografia) registica, dall'altro appare tutto molto affettato. Forse sono eccessivi i colpi di scena che si vogliono inserire nella sceneggiatura e, in conclusione, il film diventa tortuoso e difficile da seguire. L'epilogo, poi, sembra più una scelta stilistica, un orpello buonista che poco ci azzecca con il sapore cupo dell'intera pellicola. Gli interpreti sono validi, le ambientazioni suggestive e ben scelte. Ma non decolla.

Daniela 17/07/21 14:24 - 12804 commenti

I gusti di Daniela

Dopo un parto prematuro, una donna cade in un grave stato di depressione che la porta ad abbandonare il marito per rifugiarsi con il neonato in un villa semi-abbandonata sulla costa normanna... Modesto thriller con sfumature mistery la cui unica attrattiva è data da un paio di ambientazioni costiere suggestive, compresa la ligure Baia del Silenzio. La trama infatti è pasticciata e nebulosa, tanto fitta di misteri da esserne costipata, i personaggi non sono ben definiti e si comportano in maniera poco sensata, troppi fili restano in sospeso e l'epilogo risulta frettoloso.
MEMORABILE: Il sospetto parto gemellare: cosa c'entra col resto?; Farsi seppellire nella sabbia dalle due gemelle considerato quel che era successo....bah!

Mco 23/06/24 01:25 - 2342 commenti

I gusti di Mco

Circolare, con incipit ed explicit in terra ligure, con quel velo di silenzio che tutto ammanta, con quel senso di spaesamento che si estende dallo schermo allo spettatore. La preposizione che si ripete è semplice ma la diegesi non lo è affatto, sebbene i più scafati giungeranno prima dell'ultimo quarto d'ora a svelare chi si celi tra le carte nascoste. Alcune riprese sono incantevoli e taluni momenti mettono i brividi, in un saliscendi emozionale che ricorda sir Hitchcock ma anche Castle e Aldrich. Un'oretta e mezza ben spesa.
MEMORABILE: La sepoltura in terra normanna; Il redde rationem tra fotografie e segreti.

Caroline Goodall HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina RivelazioniSpazio vuotoLocandina Cliffhanger - L'ultima sfidaSpazio vuotoLocandina Schindler's list - La lista di SchindlerSpazio vuotoLocandina Hook - Capitan Uncino
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.