Il pianeta fantasma

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The Phantom Planet
Anno: 1961
Genere: fantascienza (bianco e nero)
Numero commenti presenti: 6
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

1980 (quando era ancora il futuro): dalla Luna partono razzi interplanetari che troppo spesso si schiantano - sentite le registrazioni dai giornali di bordo – su un planetoide irrintracciabile perché troppo "veloce"; fantasma, per l'appunto. La Pegaso IV parte dopo la scomparsa della III e la guida il capitano Jack Chapman (Fredericks). Dopo aver disperso causa danni da tempesta di meteoriti l'unico altro occupante, l'astronave viene attratta dal solito asteroide e ci si schianta sopra. Chapman però si salva e in breve rimpicciolisce nella sua tuta fino a raggiungere le dimensioni dei minuscoli abitanti di Rheton (una loro teoria dice che l'ossigeno di ogni pianeta regola automaticamente la grandezza degli esseri che lo abitano!). Accolto...Leggi tutto dal capo locale come un intruso (parlano tutti in inglese, ma in realtà sono traduzioni istantanee dovute a tono-onde vocali) gli si spiega subito che non tornerà più sulla Terra e che si muova a trovarsi una moglie, visto che già due bellezze del posto gli lanciano occhiate assassine: la bionda è già cotta, la mora è muta ma si capisce come sia altrettanto attratta dallo "straniero". Tanto che al tizio che puntava alla bionda gli girano e sfida Chapman in duello, perdendo ma venendo cavallerescamente risparmiato dal nostro simile. Di lì a poco comunque i problemi saranno altri, perché Rheton viene attaccato dai solariti (di cui un ridicolo esemplare è custodito in una prigione chiusa da una barriera invisibile). Sarà una battaglia veloce e indolore che avrà come unico effetto collaterale la distruzione della barriera nella cella del solarite (Kiel) e la conseguente fuga dello stesso, che terrorizzerà per un po' gli abitanti. Un po' di azione in quello che resta un film tremendamente statico e verboso, in cui i rhetoniani si dilungano sulle loro conquiste relative a gravità e antigravità colpendo davvero solo quando ci spiegano come siano ridotti a vivere in una caverna spoglia non (come si potrebbe pensare) per cronici problemi di budget della produzione ma per scelta: erano arrivati ad un progresso tale che nessuno doveva più lavorare, la qual cosa aveva generato ozio e guerre nate giusto per occupare il tempo nelle giornate vuote. La cosa stava degenerando e così s'è tornati indietro alle caverne. Contenti loro... Di fatto le scenografie sono conseguentemente quanto di più spoglio e misero si possa immaginare, così come i costumi. Affidando il tutto a un cast che di certo non brilla si può arguire come il film, fotografato in un bianco e nero che in parte maschera la miseria degli effetti speciali (meteoriti, razzi, solarite e astronavi nemiche sono da mani nei capelli), offra poco di interessante dal punto di vista visivo e non solo. C'è qua e là qualche discreta intuizione (Chapman che rimpicciolisce nella tuta ad esempio) ma davvero non basta a salvare un film diretto male (Marshall è prima attore che regista), lento e destinato a perdersi tra i mille simili.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/03/07 DAL BENEMERITO FABBIU POI DAVINOTTATO IL GIORNO 5/03/17
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 23/03/07 13:36 - 2003 commenti

I gusti di Fabbiu

Film delizioso; a guardarlo oggi ci si può solo ridere per gli effetti speciali che sono numerosi ma ridicoli, però è un film del '61, e vedere astronavi nello spazio, meteoriti, mostri e raggi laser in bianco e nero ha comunque un suo effetto. Il soggetto non è banale: è una storia che prende molto da Flash Gordon e propone un'avventura fantasy e fantascientifica su di un pianeta lontano, in cui il protagonista è come un Gulliver nella terra dei lillipuziani. Molto ingenuo ma simpatico.

R.f.e. 26/03/10 11:45 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Quasi una Space Opera in chiave minore, decisamente azzeccata (viene in mente, a tratti, il film di Newman/Arnold Cittadino dello spazio, ma anche il Gulliver swiftiano), forse una delle controparti cinematografiche più godibili dei romanzetti "juvenile sci-fi", così popolari negli Stati Uniti sin dalle origini della paraletteratura di fantascienza, o anche delle innumerevoli imitazioni a fumetti del "Flash Gordon" raymondiano. Peccato solo che sia in bianco e nero. Comunque, puro "primal enjoyment"!

Pigro 6/05/10 09:42 - 8354 commenti

I gusti di Pigro

C'è un po' di Gulliver, e poi un po' di Ulisse trattenuto lontano da casa, e poi il mostro innamorato della bella... Eppure questo film, che racconta di un pianetino anomalo in cui piove un astronauta e in cui vive una società felice, è tutt'altro che una banale accozzaglia di citazioni. A parte qualche ingenuità, c'è invece, forte, un'atmosfera di mistero che è prima di tutto mistero per i segreti della vita: una pensosità appena abbozzata ma infinitamente più profonda di tanto altro cinema s/f. Buona colonna sonora.

Daniela 26/01/17 22:23 - 10206 commenti

I gusti di Daniela

A causa di un incidente, un astronauta si ritrova su Rethon, un pianetino vagante nello spazio abitato da esseri minuscoli. Diventato anche lui piccino picciò per effetto dell'atmosfera locale, dà loro una mano contro i mostri nemici ed intanto amoreggia con una rhethoniana... Lo spunto gulliveriano si esaurisce subito, per proseguire con chiacchere in libertà, decor miseri, effetti speciali da due lire e mostri dal look patetico. Il che però non si traduce in questo caso in un film noioso, anzi propria la sua ingenuità fumettosa e la evidente povertà di mezzi lo rende piuttosto gradevole.
MEMORABILE: La faccia da Pippo del solarite; Lo scontro a tre che si risolve a manate e spintoni; Il finale alla Casablanca

Faggi 25/03/17 10:20 - 1514 commenti

I gusti di Faggi

Il pianeta del titolo sembra stagnola accartocciata; è abitato da alieni minuscoli con fattezze e sentimenti umani (un vecchio duce, alcuni maschiacci, diverse pin-up); c'è anche un mostro loro nemico, imprigionato, simile ai pupazzoni da carro del carnevale di Viareggio. In questo contesto, più ricco di come descritto, un naufrago terrestre vivrà una vicenda da puro artigianato s/f, fiabesca, tecnicamente ingenua e scarsa ma non indegna, coerente nel suo delirio, con una traccia di amore impossibile che, nel finale, gli dà un tono malinconico.

Noodles 2/05/21 23:28 - 1099 commenti

I gusti di Noodles

Curioso caso di film di fantascienza dal vago sapore peplum nella sua parte centrale. Un film non eccelso ma che tutto sommato ha dei lati interessanti e si lascia guardare piacevolmente, specialmente nella parte ambientata sull'altro pianeta. Ovviamente ha i suoi bravi limiti, effetti speciali scadenti e recitazione poco credibile, ma ha il pregio del buon ritmo e di alcune discrete trovate che mancano in film del medesimo genere, generalmente estremamente noiosi. Alcune scene sono un po' sbrigative, ma sempre meglio delle inutili lungaggini. Bellissima Dolores Faith. Si può vedere.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Stampante • 28/11/07 17:52
    Galoppino - 2 interventi
    Di questo grazioso film esiste un'edizione DVD italiana targata Passworld.
    Purtroppo si tratta di un'edizione assai scadente, derivata da una pellicola italiana in pessime condizioni, che, in base ai dati in mio possesso, non rispetterebbe nemmeno il formato cinematografico originale: infatti quest'ultimo dovrebbe essere 1.85:1, mentre il video del DVD è 4:3.
    Il video, oltre a momenti in cui graffi e macropuntinature la fanno da padroni, soffre anche di problemi di luminosità con i contorni di molte immagini davvero troppo scuri. Non mancano naturalmente salti di fotogramma e buchi nell'audio.
    Ultima modifica: 29/11/07 01:55 da Stampante
  • Curiosità Fabbiu • 29/11/07 12:47
    Segretario - 662 interventi
    di recente ho letto un fumetto manga su Dr.Slump e Arale di Akira Toryama (il famoso genio di Dragonball) in cui in una storia si parodizza questo film;
  • Discussione Daniela • 26/01/17 22:38
    Gran Burattinaio - 5474 interventi
    Dentro la tuta e la maschera buffa del Solarite che tenta di palpare la ragazza Rhethoniana dormiente e poi viene preso a spintonate dal terrestre, si cela Richard Kiel, futuro Squalo in 007 Spia che mi amava e 007 Moonraker - Operazione spazio.

    Ultima modifica: 26/01/17 22:38 da Daniela