LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/10/12 DAL BENEMERITO MICKES2
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 2/08/21 10:13 - 8483 commenti

I gusti di Pigro

Più che nella trama col vedovo che deve maritare la figlia, che riprendono Tarda primavera, il vero motore di questo film ‘autunnale’ risiede nel ricchissimo sottotesto di allusioni, immagini e dettagli che rimandano al vero tema centrale della modernità che ha spazzato via la tradizione, i giovani gli anziani. Personaggi, dialoghi, oggetti e ambienti si sviluppano secondo questa serrata dialettica: le case, i bar, whisky vs sakè, il golf, il matrimonio tra il vecchio e la giovane, il fallimento del vecchio prof... Sagace e dolcemente amaro.

Mickes2 19/10/12 12:40 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Generazioni a confronto, sorta di testamento del cinema intimista di Ozu che qui, come in Tarda primavera, pone un accento sul rapporto padre-figlia sottolineandone l’egoismo e le solitudini che lo permeano, le crudeltà intangibili del quotidiano e la frattura oramai insanabile tra vecchio e nuovo - che Ozu narra con maggior scetticismo guardando anche con perplessità ad un Giappone roseo in via di sviluppo. Tutto l’amore e tutta l’amarezza di una tacita accettazione da ambo le parti diviene specchio universale grondante di sentimento.
MEMORABILE: Michiko che inizialmente rifiuta la proposta.

Cotola 15/08/13 10:35 - 8011 commenti

I gusti di Cotola

Nel suo ultimo film, Ozu torna a trattare alcuni dei temi fondanti del suo cinema: in particolare il rapporto vecchi-giovani (con il problema del maritare o meno le figlie femmine) e quello tra antico e moderno. Lo fa con più pessimismo del solito (si afferma più volte che gli uomini sono soli), pur non mancando alcuni momenti “leggeri” come quello incentrato sull’acquisto delle mazze da golf. La tecnica è rimasta quella di sempre con riprese a macchina fissa e scene spesso lunghe di estrema semplicità ed efficacia.

Giùan 15/05/14 12:01 - 3429 commenti

I gusti di Giùan

A riproporsi intensamente, nell'ennesima visione, è una sensazione di opera affatto definitiva e anzi letteralmente in fieri, che permette di sintetizzare il carattere saliente di un cinema, quello di Ozu, in grado di riproporsi tanto immobile all'occhio della mdp quanto fluido e vitale allo sguardo dell'anima di ogni spettatore. Così pure ne Il gusto del sake si (con)fondono ironia (amara) e dramma (decantato), emotività (trattenuta) e rappresentazione (sempre plurale), tutto contestualizzato in un cotè minimo, astratto eppure precisissimo. Monumentale Ryu.
MEMORABILE: La rimpatriata col vecchio professore; Ryu sempre più malfermo sulle gambe col procedere del film (e delle bevute di sake).

Deepred89 11/10/14 21:56 - 3400 commenti

I gusti di Deepred89

Ciò che più colpisce di quest'ultimo lavoro di Ozu è l'effetto ammaliante e pop che il colore dona alle sue inquadrature fisse, risaltando la geometria delle scenografie. Per il resto abbiamo il solito tema del rapporto tra genitori e figli, esposto coi soliti ritmi distesi e una piacevole miscela di ironia e malinconia. Nel complesso un bel film, anche se il finale rimanda troppo a quello di Viaggio a Tokyo (anche per l'utilizzo del medesimo attore) per risultare realmente toccante.

Rebis 23/12/15 09:26 - 2143 commenti

I gusti di Rebis

Può il matrimonio combinato di una figlia diventare oggetto di un film appassionante? Cosa rivela l'acquisto di un frigorifero e di una mazza da golf? A cosa alludono le chiacchiere tra vecchi amici davanti ad un bicchiere di sakè? Ozu stratifica, inquadratura per inquadratura, la quotidianità della borghesia industriale giapponese all'indomani del secondo conflitto mondiale, in un ritratto che coglie l'intimo rinnovamento di ogni contrappasso generazionale, in cui il pudore evidenzia l'emozione, le convenzioni scandiscono la ciclicità del tempo e il minimalismo occulta vitalità e compassione.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Cotola • 18/07/16 01:18
    Consigliere avanzato - 3679 interventi
    Visto in blu-ray nella versione restaurata. Se ne diceva un gran bene in giro, così come di tutti lavori di Ozu usciti da pochi mesi.
    Che dire...lodi sperticate al lavoro che è stato fatto. Immagine pulitissima e colori meravigliosi.
    Un br coi fiocchi ed i controfiocchi ad un prezzo davvero di saldo

    Lunga vita alla Tucker che si occupa di diffondere cinema orientale

    Ecco i dati tecnici del prodotto:

    Produttore Tucker Film
    Distributore Cecchi Gori HV
    Anno pubblicazione 2015
    Area 2 - Europa/Giappone
    Codifica PAL
    Formato video 1,33:1 1080p
    Formato audio 1.0 Dolby Digital: Giapponese
    1.0 DTS HD: Giapponese
    Sottotitoli Italiano Italiano NU
  • Curiosità Buiomega71 • 25/05/21 19:04
    Pianificazione e progetti - 23093 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (venerdì 29 giugno 1984) di Il gusto del sakè:

    [img size=350]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images57/gustode.jpg[/img]