Tarda primavera

Media utenti
Titolo originale: Banshun
Anno: 1949
Genere: drammatico (bianco e nero)
Note: Aka "Late spring".
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/07/11 DAL BENEMERITO GIùAN
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Giùan 26/07/11 16:52 - 3052 commenti

I gusti di Giùan

Film spartiacque nella carriera di Ozu, primo in cui la tematica dei valori familiari diventa definitivamente centrale. Il vedovo Shukuchi (sempre grande l'imperturbabile Chishu Ryu) per convincer sua figlia (bellissima Setsuko Hara) a sposarsi finge di voler (ri)prender moglie. Mdp fissa ad altezza pavimento per dare profondità al campo e far sì che espressioni e movimenti dei personaggi diventino l'anima dell'Opera. Primo dovere d'un genitore è la felicità dei figli: morale apparentemente semplice, contata però con una ricchezza e sincerità da brividi
MEMORABILE: Il celebre, "famigerato", montaggio alternato del viso in lacrime di Setsuko Hara e del vaso; la scena a teatro; il "discorso" del professore alla figlia.

Ryo 3/06/12 12:20 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Lui è vedovo, la figlia cresce e lui teme che lei diventi una "tardona" (da qui il titolo). La porterà (costringerà) a sposarsi, ma con il consenso (rassegnazione) di lei. Uno spaccato iperrealista della società giapponese (ma non solo) del dopoguerra. Disagi insensati portano alla frustrante rassegnazione di andare contro la proprio natura rinunciando alla propria felicità in favore di quella altrui. Visto da uno spettatore odierno è spiazzante.
MEMORABILE: Lei: "Abbiamo fatto un giro in bicicletta"... e il padre preoccupato: "Insieme con la stessa bicicletta?"

Mickes2 4/06/12 18:50 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Noriko anima pulsante del film, donna sorridente che nutre grande rispetto verso l'uomo che l'ha cresciuta, scossa dall'improvvisa decisione di quest'ultimo si chiude in una microsfera comportamentale esternando i dissapori. Ozu le si aggrappa al viso per sviscerarne l'intimismo più malinconico e pregno di sentimento. Osservando il quotidiano, i piccoli gesti, la semplicità del linguaggio filmico e la fissità dello sguardo con la mdp ad altezza "pavimento" colpiscono e raggiungono una struggente profondità e una sobrietà d’animo senza pari.
MEMORABILE: Il discorso tra padre e figlia nel pre-finale; Le parole durante i preparativi al matrimonio; Il finale.

Daniela 6/11/19 21:12 - 9646 commenti

I gusti di Daniela

Un professore vedovo fa credere all'unica figlia di essere in procinto di risposarsi per spingerla ad accettare a sua volta una proposta di matrimonio... Ozu mette a punto lo stile che lo porterà a dirigere pochi anni dopo il suo capolavoro, anch'esso incentrato sui rapporti fra genitori e figli: ritmo disteso, cinepresa discreta spesso posta a livello del pavimento, molti primi piani, attenzione particolare per i pochi oggetti in scena, ieraticità di gesti semplici che assumono l'importanza di rituali. Una semplicità frutto di grande maestria che tocca sentimenti profondi e diventa commozione.
MEMORABILE: Verso il finale del film, il discorso del padre alla figlia; La sbucciatura della mela, con la mano che si blocca a metà dell'opera.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.