Fright Night 2 - Sangue fresco - Film (2013)

Fright Night 2 - Sangue fresco
Media utenti
Titolo originale: Fright Night 2 - new blood
Anno: 2013
Genere: horror (colore)
Note: Seguito straight to video di "Fright Night - Il vampiro della porta accanto", a sua volta remake di "Ammazzavampiri".
Lo trovi su

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/04/14 DAL BENEMERITO PUMPKH75
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pumpkh75 4/04/14 21:21 - 1748 commenti

I gusti di Pumpkh75

Cancellare (sai che problema!) l’orrido remake di un paio d’anni prima: una tabula rasa che attinge ad atmosfere più classiche e gotiche e incrocia l’originale di Tom Holland con la mitologia della contessa Bathory, garantendo un disimpegnato divertimento. Non è una pietra miliare, ovviamente: sfugge il senso del comunque ben girato prologo e metà dei personaggi si lanciano in dialoghi e atteggiamenti allucinati, ma almeno ci si immerge (letteralmente...) in lussuriose piscine di sangue. Sulla carta poteva andare peggio.

Viccrowley 2/09/14 22:44 - 814 commenti

I gusti di Viccrowley

Televisivo seguito del bruttissimo remake di Ammazzavampiri, che riesce nel non difficile compito di essere migliore della ridicola pellicola con Colin Farrell. Ambientazione rumena (al risparmio?) e plot vampirico che vira sulla leggendaria contessa Bathory, che ai giorni nostri ancora ama abluzioni al sangue di vergine. La combatteranno un gagliardo giovanotto e l'attore di bassa lega di uno show horror. La struttura di base omaggia a più riprese il film di Holland con sangue e gore in bella mostra e qualche buona invenzione visiva.
MEMORABILE: Il tatuaggio a forma di croce usato come arma contro un vampiro.

Buiomega71 21/03/16 00:44 - 2908 commenti

I gusti di Buiomega71

Dopo il bruttissimo incipit (con la Ford KA), si va di male in peggio, con le solite accozzaglie malgestite da tipico straight to video usa e getta (taccio sul cast, a partire da un inguardabile Peter Vincent). Poi, tra una splatterata e l'altra, verso il finale, il filmaccio pare ridestarsi e Rodriguez venera il culto di Alucarda tra piscine di sangue, scenografie barocche, sprazzi visionari inaspettati (c'è pure l'omaggio a Suspiria nella camera segreta) e vampire matide di plasma. Sorta di pseudoremake di Ammazzavampiri 2, resta su livelli mediocri ma ha i suoi momenti.
MEMORABILE: La narrazione delle gesta sanguinarie della Bathory a "cartoni animati"; Il gabinetto che rigurgita sostanze schifose; L'immensa piscina di sangue.

Jena 18/03/18 11:53 - 1555 commenti

I gusti di Jena

Dopo il pessimo remake con Colin Farrell arriva il sequel del remake (e pseudoremake di Ammmazzavampiri 2) ed è decisamente meglio (ma ci voleva pochissimo). I soldi sono pochi e si va tutti in Romania con un cast di sconosciuti, ma il risultato non è malaccio: la vampiressa Jaime Murray è bellissima e si cala perfettamente nella parte con crudeli sguardi sensuali, lo splatter non manca (bello artigianale come una volta con pochissima CGI) e c'è pure un bel pò di pelle nuda nei bordelli rumeni. Sembra, ed è un complimento, un film degli anni 80.
MEMORABILE: Lo scontro nel metrò con occhio infilzato (Fulci?); La tipa appesa a testa in giù sulla vasca di sangue; Lo scontro finale.

Lupus73 6/06/20 17:03 - 1494 commenti

I gusti di Lupus73

Dopo il pessimo remake di Ammazzavampiri, ecco un reboot, scollegato dal primo remake e che mescola linee generali e personaggi (compreso Ed "Evil" Thompson) dell'originale di Holland, con la vampira che può ricordare la sorella di Jerry Dandrige nel sequel dell'88. Si aggiungono reminiscenze della Contessa di Bathory, l'ambientazione rumena (con l'onnipresente castello dei Corvino), una confezione stucchevole e digitale con parecchia CGI negli SFX. Risultato? Se non avete mai visto i due Ammazzavampiri degli anni '80 evitatelo come la peste. Se li avete visti... può anche bastare.
MEMORABILE: L'ambientazione rumena e alcune atmosfere; la vampira.

Anthonyvm 26/02/24 01:41 - 5672 commenti

I gusti di Anthonyvm

Chi avrebbe mai pensato che il sequel di un bruttissimo remake, per di più destinato al mercato home video e in realtà neanche un vero seguito (si tratta di un altro reboot dell'originale di Holland che sposta l'azione a Bucarest), potesse non solo surclassare il suo predecessore, ma anche superare in godibilità il vecchio Ammazzavampiri 2 (da cui ripesca l'idea di una succhiasangue donna come antagonista). Glissando sulle leziosità videoclippare, la buona dose di sangue e l'estetismo orrifico al gusto sexploitation (Eli Roth approverebbe) convincono. Peccato per il finale mieloso.
MEMORABILE: Il bagnetto della Bathory; Il vampiro ustionato dalla croce tatuata sul petto; La piscina di sangue (che sgorga dalla gola di una statua femminile!).

Jaime Murray HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina [10.01]  Poirot: Il mistero del treno azzurroSpazio vuotoLocandina Le morti di Ian StoneSpazio vuotoLocandina Botched - Paura e delirio a MoscaSpazio vuotoLocandina Hustle - I signori della truffa
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Buiomega71 • 21/03/16 10:07
    Consigliere - 25981 interventi
    Non pare un sequel del remake di Gillespie e nemmeno un restyling del film di Holland

    Sembra più uno pseudoremake di Ammazzavampiri 2 (la regina vampira, il palazzo, la mutazione) che poco a da spartire con l'interessante rifacimento con Farrell (quasi nulla , in realtà)

    La destinazione al solo mercato dei dvd si fà terribilmente sentire già dall'inizio (con un terribile e mal girato prologo, dove una turista francese a bordo della sua Ford KA, in una desolata stazione di servizio, ha un incontro esplosivo-in tutti i sensi-con una creatura della notte)

    Poi si và di male in peggio, con i protagonisti (ancora Charlie Brewster) di una pochezza disarmante e dalla consistenza di un cleenex (il Brewster di Payne e penoso con quell'espressione da Crispin Glover , per tacere su Waller , cioè l'amico Evil Ed, di una simpatia pari alla gastrite, alla sciapezza di Amy e soprattutto L'INGUARDABILE Peter Vincent, interpretato da Sean Power, un improbabile e improponibile Bruce Willis dei miserabili, che non ha un grammo del fascino vintage di Roddy McDowall e non ha un briciolo della simpatia cialtrona di David Tennant. Unica che dà un certo spessore e la vampirona/bathory di Jaime Murray, anche se lontana anni luce dalla Regine Dandrige di Ammazzavampiri 2)

    Ma cast male assortito a parte, il filmaccio si rivela zeppo di luoghi comuni, di una sceneggiatura raffazzonata (la Bathory era rumena!), di dialoghi terribili (lo script e di Matt Vanne, quello di Riflessi di Paura 2, e già quì...)

    La voglia di usare il FF del lettore dvd e opprimente, tra bruttissime location rumene, night club, ballerine, inseguimenti stroboscopici-e da mal di testa-tra le cripte, battute scellerate, le abusatissime riprese velocizzate al calar del tramonto, carcrash alla new Carrie, le solite vampirlate e splatterate (lo stomaco sfondato dall'acqua santa in puro Troma style) che ormai lasciano il tempo che trovano

    Insomma, il disastro ormai annunciato si era concretizzato(anche se c'è la scena dello sgozzamento a fontanella e dell'incaprettamento della ragazza nella stanza segreta con l'enorme vasca bathoryana, con tanto di vecchia decadente che si immerge nel sangue per riemerge giovane e bella. Misto tra Hostel 2, Le vergini cavalcano la morte e Suspiria-la stanza segreta degli orologi e i cromatismi nella dimora della vampira, il cuore che pompa all'interno della cassa toracica perforata di Charlie-) e anche l'ennesima rappresentazione sulla contessa sanguinaria ha un pò rotto gli zebedei (se manca l'estro-vedi Julie Delphy-)

    Però, Rodriguez, spezza la narrazione, dalla banalità sconcertante ti infila espedienti narrativi inusuali (le vicende sanguinose di Elizabeth Bathory raccontate a "cartoni animati", come nel primo Kill Bill, dove il tasso di macelleria raggiunge vette consistenti, il gabinetto che rigurgita schifezze) fino ad arrivare ad un pre finale che ridesta dall'apatia, dove il regista di Curandero si abbandona al culto di Alucarda tra: immense piscine ricolme di sangue, barocchismi, vampire fameliche matide di sangue, ritualità vampirica, scenografie simil liberty e sprazzi visionari anche notevoli (Amy vampira, i finestroni che si rompono, le immersioni nell'enorme vasca ricolma di plasma, fontane che scrosciano sangue) e non ultimo il tributo all'altro Rodriguez, con la vampira trasformata in mostro rettiliforme come Satanicum Pandemonium (sorpresona finale che si rifà a quella pressochè identica di Ammazzavampiri 2)

    Insomma, il sentore di vaccata aveva ormai preso il sopravvento, ma , poi, il regista venezuelano vira bruscamente in territori moctezumiani e salva il filmaccio dal disatro totale (il chè non e poco per uno straight to video usa e getta)

    Certo, e sempre un filmetto mediocre, che non si avvicina di un quarto al remake di Gillespie (figurarsi con i due Ammazzavampiri anni '80), ma che comunque ha i suoi momenti fiammeggianti, visionari e sanguinari, che tanto bastano a salvarlo in corner dalla temuta monopalla.
    Ultima modifica: 21/03/16 15:13 da Buiomega71
  • Homevideo Buiomega71 • 21/03/16 10:22
    Consigliere - 25981 interventi
    Buono il dvd della Fox Video

    Formato: 1.78:1

    Audio: italiano (5.1) inglese (5.1)

    Sottotitoli: italiano, inglese

    Come extra: il commento audio del regista , web (i resoconti vampirici di Peter Vincent), La scoperta di Dracula (interviste a specialisti di vampirismo, al cast e al regista e scorci di backstage del film)

    Versione unrated, durata effettiva: 1h, 35m e 42s