Fiori nel fango - Film (1949)

Fiori nel fango

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 31/03/17 DAL BENEMERITO DIGITAL
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Digital 31/03/17 13:10 - 1256 commenti

I gusti di Digital

Una criminale, uscita di galera, entra a far parte di un programma per il reinserimento nella società. Quando la nostra spara all’ex amante, un detective farà il possibile per non farla tornare dietro le sbarre. Noir di ordinaria amministrazione caratterizzato da un tono melodrammatico che va soventemente a stemperare la suspense, comunque presente. La Knight, prima bionda e poi mora, è sempre uno splendore; bravo, as usual, Cornel Wilde. Alcune improbabilità e un finale alla vogliamoci bene lo penalizzano, ma resta un buon film.
MEMORABILE: L'uomo che per non farsi la galera si getta dalla finestra.

Fauno 1/05/17 18:07 - 2204 commenti

I gusti di Fauno

Per quasi un'ora si fa fatica a tirare avanti con la visione, visto che si ha a che fare col reinserimento di una giovane donna che si è fatta 15 anni di carcere per omicidio, quindi morale cattolica a go-go, ogni respiro è sorvegliato, guai al mondo a chi frequenti e blablabla. Finalmente succede un fattaccio ed ecco che lei e il suo sorvegliante (nel frattempo si erano innamorati!) son costretti a fuggire e a vivere come barboni, e è lì che il film migliora notevolmente, visto che a quel punto ogni distrazione può costare cara. Lieto fine non forzato.
MEMORABILE: Le fotografie dell'invecchiamento dei prigionieri in carcere.

Daniela 15/03/21 22:30 - 12579 commenti

I gusti di Daniela

Dopo aver scontato 5 anni di prigione, una donna deve sottostare a due anni di libertà vigilata ma fatica a sottrarsi alle attenzioni del suo ex amante, un poco di buono per colpa del quale aveva ucciso... Dramma sentimentale post-carcerario piuttosto pesante nella prima parte, fitta di divieti pedanti e saggi consigli, più interessante nella seconda che vira verso il melò con la fuga della donna e dell'agente di sorveglianza innamorato di lei. Un poco affettato l'epilogo, più conciliante rispetto a quello originario scritto da Fuller.  Buone le prove del cast.

Torsolo 1/12/23 23:22 - 68 commenti

I gusti di Torsolo

Noir che diventa tale soprattutto nell'ultima mezz'ora, che è anche la più intensa e quella che disvela maggiormente l'intenzione di Douglas Sirk nel realizzare un altro dei suoi racconti di amour fou e melodramma dalle tinte nere, pessimiste. Il finale è troppo improbabile, facilone, lieto e comodo, sembra una imposizione della produzione per fare andare a casa contento il pubblico dell'epoca. Cornel Wilde e la moglie affiatati e si completano a vicenda pure sullo schermo (lei pare una valida variazione delle sirkiane Turner, o Malone, et alia). Bella la parte sui pozzi petroliferi.
MEMORABILE: Wilde che deve reinventarsi completamente e cercare dei lavori che mai avrebbe potuto immaginare di dover svolgere; Assieme incondizionatamente.

Esther Minciotti HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Il ladroSpazio vuotoLocandina Marty, vita di un timidoSpazio vuotoLocandina Amaro destinoSpazio vuotoLocandina Mani lorde
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Curiosità Daniela • 15/03/21 12:12
    Gran Burattinaio - 5923 interventi
    Douglas Sirk ha dichiarato di aver accettato di dirigere il film perché la sceneggiatura verteva su uno dei suoi soggetti preferiti: infrangere un tabù. 
    La sceneggiatura originale scritta da Samuel Fuller prevedeva un finale più drammatico che venne modificato per volontà della produzione.
    Al tempo delle riprese, i protagonisti Cornel Wilde e Patricia Knight erano marito e moglie nella vita reale.
    Fonte (inglese) qui.
  • Homevideo Buiomega71 • 17/11/23 10:23
    Consigliere - 25857 interventi
    In dvd per A & R Productions, disponibile dal 15/12/2023