È arrivato l'accordatore

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1952
Genere: commedia (bianco e nero)
Note: Aka "Zero in amore".
Numero commenti presenti: 4
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Commedia d'altri tempi particolarmente insulsa e costruita su di un soggetto (da una commedia di Paolo Riccora) di scarso interesse. Il protagonista è Nino Taranto in una performance da morto di fame che sarebbe stata meglio resa da Totò. Spacciandosi per un accordatore di pianoforti, Taranto ci introduce in una villa dove la padrona di casa (Ave Ninchi) sta finendo i preparativi per un pranzo di gala allestito per far avvicinare la figlia (Antonella Lualdi) a un ricco avvocato (Alberto Sordi). Dal momento che a causa dell'assenza di uno tra i convitati il pranzo diventerebbe per tredici, Taranto viene invitato (con sua immensa gioia) a parteciparvi. Il divertimento principale del film dovrebbe essere costituito dal fatto che Taranto viene...Leggi tutto continuamente allontanato dalla tavola e richiamato per evitare di restarvi in tredici. Al pranzo partecipano molti attori brillanti dell'epoca (Galeazzo Benti, Fanfulla, Virgilio Riento, Alberto Sorrentino...) che dovrebbero vivacizzare la situazione; ma, ad esempio, Alberto Sordi (che riprende il personaggio petulante e bamboccesco di MAMMA MIA, CHE IMPRESSIONE!) si ritrova alle prese con una figura che poco gli permette di esibire il proprio talento comico, ridotto in pratica a qualche scontato intercalare, qualche versaccio, un gesticolare privo dell'invadenza necessaria a dargli un senso. Appare anche abbastanza spesso, ma si ripete senza mai brillare. E Nino Taranto, perfetto come spalla ma talvolta inadeguato quando gli tocca un ruolo centrale, ha solo un paio di momenti felici (uno è sicuramente quando spinge un uomo al suicidio al fine di appropriarsi degli abiti richiestigli per partecipare al pranzo). Canta due volte la canzone che dà il titolo al film e, nella seconda parte, è vittima di un rapimento che, prolungandosi, cambia in peggio il film.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 11/04/12 10:05 - 7910 commenti

I gusti di Pigro

Un morto di fame viene invitato a un ricco pranzo per fare il 14esimo a tavola, ma tra equivoci e imprevisti il tanto sospirato cibo diventa imprendibile. La commediola è quel che è, ma alcune situazioni farsesche (la signora con la camera stipata di amanti in ogni angolo, o l’escalation di aspiranti suicidi) e alcune battute (soprattutto sulla fame) riescono ancor oggi a far sorridere. Taranto è simpatico, anche se il personaggio sarebbe stato perfetto per Totò, che avrebbe saputo aggiungere quella lunare ironia in più che qui purtroppo manca.

Rufus68 3/09/18 22:05 - 3152 commenti

I gusti di Rufus68

Commediola esilissima che scorre via senza farsi ricordare nemmeno per una trovata. L'equivoco alla base è pura acqua fresca e la meccanicità del comico nel personaggio di Taranto (l'eterno affamato) parecchio scoraggiante (il bravo caratterista pare, inoltre, poco adatto a reggere il peso da protagonista). A salvare dal giudizio più severo rimane la simpatia dell'insieme dei vari attori: dalla Ninchi al Sordi petulante e infantile, risaputo, ma efficace.

Minitina80 12/11/19 15:57 - 2400 commenti

I gusti di Minitina80

Il perno centrale è rappresentato dalla fame, un fattore che in quel tempo aveva una valenza differente e sulla quale ha avuto un senso costruire la commedia. Uno scritto vero e proprio, però, non esiste e il ruolo di Taranto si limita a girare attorno ai morsi della fame che non vengono saziati. Forse anche per questo il film appare un po’ invecchiato, mentre la patina leggera e disimpegnata che lo caratterizza potrebbe non essere gradita a qualcuno. Tuttavia sarebbe ingiusto definirlo un fallimento completo, perché qualche momento ilare non manca.

Rambo90 26/01/20 23:06 - 6432 commenti

I gusti di Rambo90

Nonostante un Taranto in vena e un inizio promettente questo filmetto non decolla mai, perché la sceneggiatura non fa altro che far saltare il pasto al protagonista infilandolo in una serie di situazioni troppo ripetitive e forzate per divertire davvero. Ogni tanto si sorride pure, soprattutto per merito del cast in cui spicca anche un Sordi molesto e bamboccione, ma appare tutto così datato da sfiorare spesso la noia. La prima parte comunque è di gran lunga meglio della seconda con i banditi.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ellerre • 28/02/17 12:25
    Call center Davinotti - 1124 interventi
    Alberto Sordi, per fingersi scozzese, in una scena riprende la tipica voce di Ollio, personaggio di cui fu uno degli storici doppiatori.