Domenica

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 2000
Genere: drammatico (colore)
Note: Liberamente tratto da "Ronda del Guinardo" di Juan Marsé.
Papiro: elettronico

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

L'IMPRESSIONE DI MMJ

In una Napoli raramente ripresa altrettanto bene tra vicoli, rampe e palazzi in disfacimento, il viaggio di un ispettore di polizia (Amendola) e di un'orfana dodicenne (Giuliano) verso l'obitorio, dove lei dovrebbe rionoscere in un cadavere l'uomo che si crede l'abbia violentata. Colpisce la recitazione dimessa e spesso silente di Amendola, malato terminale in attesa di andare in Sicilia dalla sorella a morire. Vestito con abiti che sembrano fuori misura, chiaramente distratto dal funesto futuro, trova nella dolce ragazzina (brava la Giuliano, che si chiama Domenica come nel film, cui dà il titolo) un complemento alla propria tristezza: disillusa dalla vita, più matura di molti suoi coetanei, si capisce come viva alla giornata, senza frequentare...Leggi tutto la scuola e cercando piccoli lavori che "arrotondino" il poco che l'orfanotrofio le concede. Il film è tutto giocato sul rapporto tra i due, con una piccola rivelazione nel finale che fa capire chi fosse e com'è morto l'uomo all'obitorio; ma non è quello che conta, perché l'importante era regalare il giusto spessore ai protagonisti e la regista Wilma Labate in questo riesce, tratteggiando con gusto una Napoli lontana dalle location più celebri. La noia fa spesso capolino comunque, i flashback sembrano appiccicati senza troppo pensarci e gli attori, pur bravi, non aiutano certo a vivacizzare un film fin troppo "spento".
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/05/09 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Panza 22/12/19 10:47 - 1648 commenti

I gusti di Panza

Il piccolo colpo di scena finale è facilmente pronosticabile, ma non è quello che conta: ben più rilevante nell'economia dell'opera e per lo spettatore è l'intessitura del rapporto tra la giovane ragazza e il poliziotto, interpretato da un convincente Amendola. Ognuna delle due parti ha imparare qualcosa dall'altra e allo stesso tempo ha un dolore da condividere. Al netto di qualche dialogo di troppo e di qualche momento meno centrato di tutto il resto, è comunque un opera da conoscere, ben orchestrata dalla Labate.

Rosalinda Celentano HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.