Corrado Guzzanti: Millenovecentonovantadieci

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1998
Genere: teatro (colore)
Note: Registrato al Teatro del Giglio di Lucca
Numero commenti presenti: 2
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Non si tratta di mettere in dubbio le qualità di un comico come Corrado Guzzanti, che nel suo campo ha saputo innovare come pochi dando vita a personaggi destinati a rimanere nella memoria di chi il suo tempo l'ha vissuto. Che fossero imitazioni (Fede, Funari...) o invenzioni autonome (Smitherson, Lorenzo, Quelo) c'era sempre in ognuno di loro qualcosa che sapeva a suo modo renderlo memorabile. Però era anche nel mascheramento, nella caricatura, nella parodia che Guzzanti trovava il guizzo capace di attrarre l'attenzione e le risate. Qui, dove almeno nella prima parte non usa alcun travestimento limitandosi a fingersi un uomo del futuro fuggito nel 1997 (anno dello spettacolo), i limiti sul lungo si avvertono. Non assistito...Leggi tutto da una partner valida e testata come la Dandini (che vediamo seduta in platea), Guzzanti fa coppia col fido Marco Marzocca, che però poco dà come spalla lasciando che sia ovviamente il “titolare” dello show a gestire i tempi e a dominare la scena. Nei panni del poliziotto che arresta l'uomo del futuro e redige a macchina un verbale nel quale quest'ultimo spiegherà come sarà il mondo nei decenni a venire, Marzocca si concede giusto un intervento ogni tanto per dare l'abbrivio. E Guzzanti, costretto a reggere da solo il palco, forse anche perché senza alle spalle un canovaccio valido si rifugia in gag e battute già sentite e strasentite interpretate con verve limitata, a dimostrazione del fatto che in assenza di un personaggio che possegga una sua peculiarità in grado di valorizzarne l'estro caricaturale, il nostro si trova un po' in imbarazzo, stingendo nell'anonimato. Qualche battuta buona non manca, certo, ma si spegne in un'interpretazione poco personale, piatta, che non si rianima nemmeno quando entra in scena (senza un perché) Rokko Smitherson, il regista di film "de paura", costretto a proseguire il racconto futurista infilandoci vaghi riferimenti al mondo del cinema che appaiono del tutto pretestuosi. Peggio si va con Emilio Fede: decontestualizzato da ogni aggancio televisivo, ripete fiaccamente i soliti tormentoni (Franca, Jolanda...) recuperando un po' quando viene raggiunto alla scrivania da Marzocca in versione "bambino" (la sua specialità), sul quale Fede può sfogare la prevedibile crudeltà politicamente scorretta. Ma è solo un lampo in una esibizione troppo lunga, così come valida ma di nuovo fuori luogo a teatro è la replica di Funari. La seconda parte è invece quasi per intero appannaggio di Lorenzo, il giovane coatto romano che si esprime a monosillabi sgrammaticati. Personaggio non tra i più divertenti, di norma (anche se tra i più noti e amati), si dimostra in questo caso più "universale" risultando meno inadeguato degli altri. Il meglio si riserva al "bis", con le domande e le risposte di Quelo, tra i tipi più geniali inventati da Guzzanti (ma manca Robertetti, il poeta, in assoluto forse il più originale e rivoluzionario). Due ore sono tante, decisamente troppe per quello che c'era da dire, e la sensazione netta è che preso in piccole dosi, o comunque inserito in contesti più specifici, Guzzanti riesca a dare il meglio di sé sintetizzando quanto invece in tempi così diluiti fatica a rendere in modo altrettanto felice. L'inserimento in un programma contenitore (o vario, si pensi all'indimenticabile esperienza del "Caso Scafroglia") è insomma fondamentale e ne sa incanalare meglio la verve. Inutile sottolineare, naturalmente, che visto al tempo lo spettacolo aveva tutt'altro impatto...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/04/10 DAL BENEMERITO TARABAS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 20/02/21
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Tarabas 15/04/10 10:12 - 1749 commenti

I gusti di Tarabas

Un tale venuto dal futuro chiede asilo politico in un commissariato di Polizia, dove viene interrogato dal piantone di turno. Ne vengono fuori delle belle. Uscito solo in homevideo per problemi di distribuzione, lo spettacolo filmato di Guzzanti ripropone i personaggi a cui l'attore si dedicava all'epoca, Rokko Smitherson, Veltroni, Funari, Lorenzo, Emilio Fede. Il ritratto apocalittico dell'Italia futura lascia un po' il tempo che trova e dopo un po' l'espediente narrativo dell'interrogatorio mostra la corda. Si ride abbastanza, comunque.

Renato 11/06/10 12:49 - 1647 commenti

I gusti di Renato

Momenti notevoli nella registrazione di questo spettacolo teatrale ormai lontano nel tempo. Corrado Guzzanti ripropone sostanzialmente il suo repertorio televisivo, fatto di sferzanti imitazioni di molti volti noti (strepitose in particolare quelle di Veltroni e Funari) oltre ai suoi personaggi "classici", tipo il maturando ignorantone Lorenzo. Si ride, e tanto anche; ma a mio avviso il meglio di Guzzanti verrà dopo.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.