Cielo giallo

Media utenti
Titolo originale: Yellow Sky
Anno: 1948
Genere: western (bianco e nero)
Note: Da un racconto di W.R. Burnett
Numero commenti presenti: 10

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/11/09 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 21/11/09 13:28 - 9122 commenti

I gusti di Daniela

In fuga nel deserto dopo una rapina, una banda di sbandati giunge in un villaggio abbandonato dove vivono soltanto una giovane donna ed il nonno, un vecchio cercatore d'oro. Western di stampo classico, con belle ambientazioni e un cast eccellente in cui spiccano Peck, all'inizio più ruvido del consueto (ma dopo una ripulita torna ad essere impeccabile), una energica Baxter con il fucile e soprattutto Widmark, un cattivo magnetico. Cielo giallo è il nome del villaggio ma giallo è anche il colore dell'oro, che acceca gli uomini e li mette l'uno contro l'altro. Gran duello finale (solo sonoro).
MEMORABILE: All'inizio, in campo lungo i sei uomini a cavallo che attraversano il deserto: piccole sagome nere nel bianco

Lovejoy 16/12/09 13:50 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Western memorabile, tra i più belli degli anni '40 e di sempre. Ben scritto, diretto con polso robusto da Wellman, regala diversi momenti memorabili (tra cui il finale nel saloon). Tensione alle stelle, ritmo esemplare e un gruppo d'attori formidabili sono il valore aggiunto della pellicola. La Baxter lascia il segno. Peck è bravo (anche se è decisamente meglio nel successivo Romantico Avventuriero, ma il migliore della compagnia è lo spietato Widmark, cattivo come pochi. Bella colonna sonora.

Tarabas 4/07/10 19:35 - 1682 commenti

I gusti di Tarabas

Su un tema classico del western, ossia il cattivo che cambia una volta messo di fronte a un esempio positivo, Wellman gira un film altrettanto classico, solido e senza sfumature, con personaggi che ambiscono ad essere archetipici. Peck è a suo agio nel ruolo del reduce divenuto bandito, così come Widmark, cattivo ghignante e senza remore. Notevole il ruolo femminile di Anne Baxter, prototipica ragazza col fucile. Il finale, un duello in perfetto stile Codice Hayes, resta impresso.

Homesick 16/04/11 18:52 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

La conquista dell’oro e della donna, tipici fili conduttori dei vecchi western, costituiscono la piattaforma catalizzatrice delle dialettiche tra i sei banditi, di cui affiorano progressivamente diverse indoli e motivazioni sino al conclusivo duello a tre (off-screen) nella penombra del saloon abbandonato. La solida regia di Wellman si appoggia ad attori di carismatica fisicità sia in ruoli di primo piano (Peck, Baxter, Widmark) che secondari (Barton, Russell, Kemper) e a paesaggi desertici di notevole impatto prospettico.
MEMORABILE: La lunga cavalcata nel deserto; la Baxter che entra nel saloon al termine della sparatoria.

Giùan 25/05/11 13:14 - 2888 commenti

I gusti di Giùan

Splendido western girato da Wellman col suo consueto stile secco, senza fronzoli ma non per questo meno attento ai rapporti tra i personaggi oltre che, ovviamente, all'azione. Peck, prima di diventare il buon democratico per antonomasia del cinema hollywoodiano, qui deve redimersi dal passato banditesco grazie all'aiuto della bisbetica Anne Baxter (originalissima prestazione d'attrice e gran sguardo), intralciato dal sempre presente e ben in sella Richard Widmark. Scritto bene e diretto meglio.
MEMORABILE: L'arrivo in stile zombi dei banditi nella ghost town; gli ancheggiamenti da maschiaccio della Baxter; il finale nel saloon.

Rambo90 14/09/14 22:17 - 6283 commenti

I gusti di Rambo90

Western avvincente, con un bel parterre di personaggi, tutti ben caratterizzati psicologicamente (in particolare il gruppo dei sei banditi). Il bianco e nero aiuta molto nel costruire l'atmosfera della città fantasma e affascina grazie a un'ottima fotografia. Peck e la Baxter sicuramente in parte, ma Widmark e Arthur rubano spesso la scena. Coraggiosamente anticlimatica la sparatoria finale.

Galbo 17/03/17 19:42 - 11321 commenti

I gusti di Galbo

Western avvincente diretto con grande mestiere dal versatile regista William Wellmam. La sceneggiatura è molto curata e carattterizza bene i personaggi di cui vengono approfondite motivazioni e relazioni reciproche. Ottime ambientazione e fotografia, quest'ultima in uno splendido bianco e nero. Decisamente di rilievo la prova dei due protagonisti, Peck e Baxter, ma il migliore in assoluto è il grande Richard Widmark. Da vedere.

Myvincent 30/08/17 08:45 - 2503 commenti

I gusti di Myvincent

Un manipolo di rapinatori di banche capita in una cittadina abbandonata, ma non del tutto, dove pagheranno caro lo scotto della loro ingordigia. Gregory Peck non ce la fa a fare il cattivo tout court con quella faccia e quei modi signorili, versus un Widmark condannato a fare il perfido. Tutta la carovana procede scoppiettante verso un finale di quelli che il pubblico ama tantissimo.
MEMORABILE: La estenuante, lunga traversata nella Valle della Morte...

Mandrakex 10/04/19 15:50 - 87 commenti

I gusti di Mandrakex

Una banda di fuorilegge fugge nel deserto dopo una rapina. Giungono in un paese fantasma che nasconde un segreto. Western classico al massimo grado (la donna contesa, il tesoro) sorretto da un cast di prim'ordine; su tutti Peck bandito dal cuore d'oro, in competizione costante con un Widmark doppiogiochista. Fattore notevole è la caratterizzazione dei personaggi, che nascondono una tensione sempre pronta a esplodere. Wellman si autocita nella scena del dipinto da Alba fatale. Piacevole, anche se si poteva osare di più nella resa dei conti.
MEMORABILE: La fuga iniziale verso la Valle della Morte con alle calcagna l'esercito; L'assedio notturno alla casa; La sparatoria nel saloon (fuori campo).

Puppigallo 25/02/20 10:03 - 4488 commenti

I gusti di Puppigallo

Notevole western che punta sui personaggi, con spruzzate qua e là d’ironia sparse per allentare la tensione di una situazione che si fa via via più tesa. Peck, si sa, è un grande attore, ma anche gli altri non sfigurano, specialmente il vecchio nel letto (Barton) e l’anziano della banda, con un briciolo di cognizione in più. Niente male anche il rapporto tra Peck e la ragazza (abile col fucile) fatto più di sguardi che di parole. Se una pellicola così datata risulta ancora piacevole, con dialoghi che reggono bene, vuol dire che la base era già solida.
MEMORABILE: "Presto saremo dei morti molto ricchi"; La resa dei conti; La rapina al contrario.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Digital • 28/09/17 08:36
    Segretario - 3014 interventi
    Dvd A&R disponibile dal 19/10/2017.
  • Curiosità Lucius • 9/03/19 00:16
    Scrivano - 8422 interventi
    Direttamente dalla archivio cartaceo Lucius, il flano originale del film:
  • Discussione Daniela • 27/03/20 10:36
    Consigliere massimo - 5024 interventi
    x Puppigallo letto nel tuo commento: "il vecchio nel letto (Widmark)". Widmark al tempo del film aveva poco più di trent'anni, troppo poco per definirlo "vecchio", non ti pare? E comunque qui è un villain in perfetta forma ;o)
    Ultima modifica: 27/03/20 21:47 da Daniela
  • Discussione Zender • 27/03/20 14:21
    Consigliere - 43835 interventi
    Rispondo io per il solito problema del Puppi in questo periodo: mi scrive via telefono: "ma no, è il nonno o il padre della fanciulla". Ah leggo ora meglio io il commento. E' lui che ha scritto Widmark sbagliando, ma è Barton, non Widmark. Corretto, grazie. Mi ha scritto "ringraziala" :)
    Ultima modifica: 27/03/20 15:30 da Zender