Centipede horror

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Wu gong zhou
Anno: 1982
Genere: horror (colore)
Numero commenti presenti: 2
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un horror orientale piuttosto strano, come sempre: la logica dei paesi dell'Est per noi è piuttosto incomprensibile e sequenze che a noi appaiono assurde (come lo sciamano che affronta il nemico aizzandogli contro polli volanti incendiati) per loro seguono una logica precisa. Premesso quindi che comprendere i significati nascosti del film è impresa ardua e sorvolando volontariamente sull'incredibile quantità di incoerenze, cerchiamo di descrivere il film. In poche parole il protagonista si reca nel sud est asiatico per capire cosa è successo alla sorella, attaccata e uccisa (mentre era svenuta) da centinaia di millepiedi. La faccenda è complessa e si capirà essere uno scontro metafisico tra il Male (rappresentato dallo stregone che muove...Leggi tutto i suoi millepiedi e la donna che è stata da lui “posseduta”) e il Bene (il già menzionato sciamano che si difende con i polli). Ci sono di mezzo un amuleto magico, un eterno esorcismo (con la vittima che vomita sangue e centipedi e l'esorcista che recita lagnose litanie), bamboline voodoo e molto altro. Tanta carne al fuoco per un horror che ha palesemente delle ambizioni, estrinsecate soprattutto attraverso un uso intelligente delle immagini e una fotografia dai contrasti cromatici a volte grandemente suggestivi. Le musiche ricalcano temi famosi di film di ogni genere: da ROCKY a BLADE RUNNER, da PHENOMENA a Carpenter, gli effetti speciali sono pochi e riguardano soprattutto il finale: quando una ragazza vomita millepiedi vivi dalla bocca si raggiunge il culmine, ma è una scena di pochi secondi. Per il resto lunghi dialoghi, gran crisi (praticamente costanti) di mal di testa del protagonista e sottigliezze orientali che non siamo in grado di comprendere.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Schramm 9/04/13 11:09 - 2412 commenti

I gusti di Schramm

Nella quasi totalità dei casi il cat III è un po' il Conte Mascetti del cinema: gioca a fare il miliardario in vacanza dandosi toni da gran signore, ma stringi stringi è un poveraccio che ha il sapore di un casalingo hard super 8. Non sfugge al raffronto neanche lo sguaiato Li: f/x circensi in imprecisata zona tra Melies e Harryhausen, uno spiccato senso del baracconesco e del risibile tutto esorcismi con galli e insetti vomitati, ritmi da centrifuga e editing a rampazzo, plot da spinello plurimo, ost sfacciatamente razziata a prodotti occidentali, kitscheria e trashume che tutto sovrintende.

Mco 17/07/19 11:21 - 2127 commenti

I gusti di Mco

La vendetta è un piatto strisciante e con tante zampette, da servire freddo per riparare a torti subiti in precedenza. In salsa orientale, con tutti i parafernali che si confanno all'idea di cinema fantastico, Li tratteggia una vicenda interessante e repulsiva al contempo. Frotte di scolopendre invadono le stanze, i letti, i bagni, si arrampicano sui corpi e, last but not least, escono mercé il vomito dalle bocche. Ma non è fine a se stesso questo meccanismo, ha scaturigine risalente, riflette un incantesimo. Ossimoricamente delizioso!
MEMORABILE: La Lang-Li che rimette per liberarsi da tutto il male che porta seco; La sfida finale tra stregoni.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.