4. Tuttototò: Don Giovannino

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1967
Genere: corto/mediometraggio (bianco e nero)
Note: Telefilm di 50 minuti della serie "Tuttototò".
Numero commenti presenti: 6
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Fa parte della serie di telefilm (di circa 50 minuti ciascuno) che nel 1967 il Programma Nazionale trasmise con grande successo all'indomani della morte del grande comico napoletano. DON GIOVANNINO (come la gran parte degli altri episodi) riprende sketch di rivista molto noti cercando in qualche modo di legarli l'un l'altro attraverso un filo conduttore, rappresentato in questo caso dalla figura di Barnaba (Totò), inguaribile dongiovanni. Dopo una breve avventura in un parcheggio, dove fingendo di posteggiare aiuta le belle signore a scendere dall'auto profondendosi in complimenti, Totò torna al negozio di fiori del cognato (Gianni Agus) dal quale spedisce rose e orchidee alle sue presunte conquiste. Riuscirà con l'inganno a penetrare in...Leggi tutto casa di una di esse (la stangona Gloria Paul) mentre il marito (Mario Castellani) è fuori. Quando questi ritornerà Totò si fingerà un pazzo scappato dal manicomio per sfuggire alle ire del marito, terrorizzato dagli atteggiamenti da folle dello sconosciuto. Improvvisazioni poco spiritose per uno sketch (già visto in TOTO’ ALL’INFERNO) troppo prolungato e poco divertente. Sarebbe stato meglio sfruttare di più quello successivo, del manichino (già ripreso ne I POMPIERI DI VIGGIU con Isa Barzizza e proprio Castellani), che invece appare in chiusura ridotto a cinque o sei minuti e con un Totò che non riesce ad esprimersi al meglio. Nel complesso è proprio il comico napoletano ad apparire poco a suo agio nel ruolo di tombeur de femmes, in ogni caso in evidente calo di forma e appannato. Si riscatta in parte durante i gustosi duetti con Gianni Agus, quando s’improvvisa gran conoscitore di tedesco con le clienti.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 27/05/08 22:28 - 3834 commenti

I gusti di Undying

Dalla rivista teatrale C'era una volta il Mondo, viene sviluppato il film sulla figura del seduttore pasticcione di nome Don Giovannino (Totò). Di memorabile solo la sequenza del "seduttore", alloggiato in casa di una bella signora e còlto in flagrante dal marito della stessa: il timore di un'azione insensata, sostenuta dalla gelosia, lo induce a fingersi pazzo. Presenze di contorno, purtroppo mal sfruttate: Gianni Agus ed il solito (e solido) Mario Castellani; tra le attrici: Gloria Paul e Antonella Lualdi.
MEMORABILE: "Lo faccio per hobby, sono un obitorio": questa la risposta alla domanda di Antonella Lualdi sul perchè tanto accanimento verso il gentil sesso...

Smoker85 30/05/12 23:53 - 406 commenti

I gusti di Smoker85

Affiancato dal fido Castellani, ma anche da un Gianni Agus più brillante e meno nevrastenico di quanto siamo abituati a vedere (come vessatore di Fracchia) e da una sempre bella Antonella Lualdi, Totò alterna l'improvvisazione (e sono i momenti più gustosi) ai soliti schetch già visti. La trama appare un po' eterogenea ma tutto sommato l'episodio è promosso, specie se si pensa ad altri episodi della serie, di gran lunga peggiori per inutilità e insulsaggine.

Pigro 5/03/21 09:45 - 8318 commenti

I gusti di Pigro

Che il plot sia una sciocchezza passi pure, essendo un film seriale di Totò (o meglio un episodio della serie tv che lo omaggia), ma che non si rida quasi mai è un problema. Probabilmente è il carattere dongiovannesco del protagonista a fornire spunti limitati e banali, e così, oltre ai vari corteggiamenti, ci si affida a stramberie chiassose e appiccicate in sketch raffazzonati con i mariti sprovveduti (Totò pazzo, Totò manichino...). Pochi i momenti piacevoli, dal classico repertorio del grande comico. Evitabile.

Minitina80 15/04/15 09:56 - 2500 commenti

I gusti di Minitina80

In questo episodio Totò si diverte a corteggiare le clienti del negozio di fiori di suo cognato, un Gianni Agus più contenuto che in altre occasioni si ritroverà a divincolarsi da situazioni equivoche con il suo estro e la sua comicità. Anche in questo caso ci sono molte cose già viste, ma ciò nonostante Totò si barcamena come può in una produzione povera, oltre che televisiva.

Panza 23/06/19 13:00 - 1538 commenti

I gusti di Panza

La realizzazione tecnica è modesta e povera (D'Anza infatti non poté seguire il progetto, essendo impegnato sul set di Abramo Lincoln), però qui, grazie a una storia più consistente che in altri episodi, si riesce ad avere un discreto intrattenimento; specialmente nei duetti con Agus, mentre nella parte con Castellani Totò, nei panni di un dongiovanni a dire il vero anche un po' stalker, eccede nella mimica e nei versi, pescando troppo copiosamente dal suo repertorio. La scena conclusiva è l'unica in cui si ride davvero di gusto.

Rambo90 19/02/20 10:24 - 6670 commenti

I gusti di Rambo90

Molto divertente. Sebbene vista l'età Totò sia ormai fuori luogo come Don Giovanni (anche se fallimentare), l'episodio ha un ritmo felice e una discreta vivacità. I duetti con Agus funzionano, ma funziona anche la riproposizione di due sketch già visti altre volte, in particolare quello del pazzo con il fido Castellani (sostituito poi egregiamente da Volpi nel famoso numero del manichino). Molti giochi di parole, un'irresistibile tentativo di parlare in tedesco e in generale più freschezza che in altri episodi.

Daniele D'Anza HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.