Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• IL NOME DELLA ROSA (8 EPISODI)

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/3/19 DAL BENEMERITO FAGGI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 13/2/20 11:56 - 11088 commenti

Grandi aspettative purtroppo deluse per questa trasposizione seriale del romanzo di Eco, che fa rimpiangere il precedente cinematografico diretto da Annaud. A fronte di una resa tecnica di indubbio valore qualitativo, restano molti dubbi sulla necessità di diluire oltremodo la storia (8 episodi sono decisamente troppi), introducendo eventi e personaggi poco funzionali al racconto. Nel cast, funziona Rupert Everett mentre Turturro è molto meno incisivo.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Cotola 9/4/19 23:14 - 7204 commenti

Paragonarlo al film (che non era certo un capolavoro) sarebbe esiziale, così come lo sarebbe paragonare Turturro a Connery ché il primo sembra avere ben poco a che fare con il ruolo in questione. Il vero problema è una noia che regna spesso sovrana, a causa di una sceneggiatura che non può fare altro (per arrivare a otto puntate) che allungare il brodo con inutili parentesi, riempitivi, flashback e lungaggini gratuite. Il tutto a scapito del ritmo e della parte investigativa che finisce quasi con l'assumere un ruolo marginale nella serie: e trattasi di peccato mortale. Vade retro!
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Nicola81 26/3/19 21:53 - 1792 commenti

Difficile trasporre in immagini un romanzo erudito e complesso come quello di Umberto Eco: se si resta fedeli al testo si rischia di confezionare un mattone, se si cerca la spettacolarizzazione si rischia di tradirne lo spirito, se si opta per il compromesso (come in questo caso) si rischia di non accontentare nessuno. A prescindere dal gradimento, vanno comunque lodati il coraggio nel raccogliere una sfida del genere e il notevole sforzo produttivo, che ha consentito di riunire un notevole cast internazionale. Una fiction importante.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Faggi 26/3/19 12:46 - 1431 commenti

John Turturro ha il giusto aplomb impersonando Guglielmo da Baskerville ma Rupert Everett, nel ruolo dell'inquisitore Bernardo Guy, gli ruba la scena; notevoli Michael Emerson (l'abate), Stefano Fresi (Salvatore), Nina Fotaras (la ragazza); dedito con devozione alla causa il resto del cast. Il romanzo di Eco viene al contempo ridotto (nella parti speculative) e ampliato (nell'azione e innestando narrazioni e personaggi ulteriori). Buona l'ambientazione, ottima la fotografia, pulita e qua e là acuta la regia. Molto diverso dal lavoro di Annaud.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)

Von Leppe 13/4/19 12:54 - 982 commenti

Poco riuscita, questa nuova trasposizione del romanzo di Eco. Neppure le ambientazioni riescono nell'intento di creare l'atmosfera di solitudine tra i monti innevati: colpa, tra le altre cose, dei vari antefatti e divagazioni dal tema principale che interrompono l'interesse per l'indagine e creano abbastanza confusione. Pure gli attori sembrano poco adatti e il perché è da ricercare nel fatto che vengono in mente troppi paragoni con il film del 1986, dove i volti e le scenografie erano veramente rese con ispirazione.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Ira72 28/3/19 20:09 - 836 commenti

Meritevole - e coraggiosa - trasposizione di un grande classico (un cult, imperfetto o meno, non importa) che prende, giustamente, le distanza dal film del 1986. Una fiction che non scimmiotta, ma reinterpreta con il dovuto rispetto. Cast di alto livello in cui, su tutti, spicca il camaleontico Rupet Everett, navigato interprete in grado di catalizzare l’attenzione (e le lodi!) per una produzione che, di certo, non ha badato a spese. Però. Talvolta il ritmo è soporifero e il racconto prolisso. Sforbiciato di almeno due puntate ne avrebbe guadagnato.
I gusti di Ira72 (Documentario - Horror - Thriller)