Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL DECAMERONE NERO

All'interno del forum, per questo film:
Il Decamerone Nero
Dati:Anno: 1972Genere: commedia (colore)
Regia:Piero Vivarelli
Cast:Beryl Cunningham, Djbril Diop, Line Senghor, Fatou Djame, Isseu Niang, Isabelle Diallo, Jacqueline Scott, Josy McGregor, Serigne N'Diaye
Note:Aka: "The Black Decameron"; "Africa-Erotica"; "Tropical Sex". In dvd (import, ma con traccia italiana) per la label X-Rated, con due differenti cover; in VHS per Futurama e la Eden Video.
Visite:1195
Filmati:
Approfondimenti:1) ESILARANTI FLANI MONDODECAMEROTICI D'EPOCA
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/6/08 DAL BENEMERITO UNDYING

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Rufus68
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Undying


ORDINA COMMENTI PER:

Undying 13/6/08 17:17 - 3875 commenti

Un menestrello di colore fa da collante a vari episodi (cinque per l'esattezza) ispirati (dato il colore della pelle) non più a Boccaccio, ma alle novelle scritte da Leo Frobenius: Re e Prìncipi gabbati, nella corsa alla bella contendente, da uno scaltro artigiano; ninfomane che sfianca marito e amanti vien sottoposta ad un osceno rituale che riesce a placarne i bollori; cornuto, fintosi cieco, ottiene crudele vendetta; prostituta umiliata pubblicamente medita rivalsa; superdotato si sfoga "contronatura", sino ad imbattersi nella donna "giusta". Modestissima (quanto unica) variante sul genere.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Rufus68 1/8/19 23:30 - 2653 commenti

Un Decameron senza Medioevo e con attori di colore? Nella media, bassina, di tutti gli altri. Questo, tuttavia, è meno pecoreccio del previsto (con i consueti equivoci, però: inganni di mogli, regine raggirate, cornuti vendicativi, scambi di genere) e con protagonisti discretamente spigliati e simpatici. Il quarto episodio è il migliore poiché ai soliti pruriti sessuali sostituisce una (pur blanda) satira politica. Nell'ambito del genere merita un recupero.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)