Discussioni su Occhiali neri - Film (2022)

DISCUSSIONE GENERALE

14 post
  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Didda23 • 25/02/22 09:24
    Compilatore d’emergenza - 5796 interventi
    Andrò a vederlo sabato ( in compagnia di qualche buon davinottiano)... Le basse aspettative mi aiutarono molto in Giallo, spero che lo stesso mood sia di buon auspicio per questo!
  • Buiomega71 • 27/02/22 20:13
    Consigliere - 26265 interventi
    Non so più dove ho letto questa cosa , ma mi sembra la più plausibile a questo punto.

    Dario Argento, dopo Nonhosonno, è morto in un incidente, e nella sua straordinaria carriera di opere d'arte aveva sbagliato solo un film (memore delle sue 5 giornate) che era Il fantasma dell'opera (può capitare a tutti, nessuno escluso).

    Si decise così di rimpiazzarlo con tal Dariu Argentu, regista non dotatissimo che, però, era in grado di scimmiottare i capolavori del Maestro, proprio con la sua opera prima Il cartaio, che piacque così tanto agli americani che le fecero fare pure due episodi dei Masters (dove il nostro si sbizzarrì senza controllo). Le riuscì pure un mezzo capolavoro (seppur imperfetto) come La terza madre , dove assimilò, con rara abilità, tutti gli stilemi del vero Dario Argento.

    Poi cominciò il disastro annunciato, tutto in discesa, un film televisivo che conservava ancora qualcosa dei barlumi del suo punto di riferimento, andando giù verso il baratro, tra un misero thrilleretto da discount che imitiva pedissequamente quelli americani, una scellerata rivisitazione del mito del conte Dracula, e infine questo imbarazzante e improponibile Occhiali neri

    Dopo un incipit che tentava le reminiscenze del suo Maestro (l'eclisse di Inferno-quì a giorno-la escort strangolata a sangue dietro il cespuglio), Rebotini che cerca di echeggiare sonorità gobliniane ormai perdute per sempre e che nel finale suggeriva la Inga di Phenomena sotto forma di cane guida per ciechi e un pasto canino splatter uguale (ma fatto decisamente peggio) a quello toccato al povero Flavio Bucci, azzannato e dilaniato in  Suspiria, in mezzo a queste due trance flebilmente argentiane, c'è il nulla assoluto, l'inutilità su pellicola e la sciatteria più disarmante, dalle parti di "buona la prima".

    La miseranda pochezza del body count, l'assoluta mancanza di personalità o minacciosità di uno dei killer più sciapi mai apparsi sullo schermo, una protagonista terrificante, un ragazzino cinese che suscita tenerezza e sbaglia le battute come nelle recite scolastiche, un penoso tentativo di empatia tra i due che è solo patetismo da quattro soldi.

      Don Matteo (le esilaranti battute fuori dall'orfanotrofio con la suora, i ragazzini e il giochino della Nintendo), Neri Parenti (il killer che deve puzzà, gli occhiali da sole comprati dal vucumprà per 25 euro), dialoghi tra la Pastorelli e il ragazzino cinese che avrebbero potuto dare l'assist per le battutacce di Christian De Sica, una fuga nel bosco che non porta assolutamente a nulla (se non per guadagnar metraggio e arrivare ai canonici 88 minuti), Non guardarmi, non ti sento (il fucile in braccio al ragazzino e la Pastorelli che lo guida per sparare, mancando il killer che se la sghignazza), il ragazzino che si perde nel bosco e cade nel fiume, ma poi torna (Ti sei fatto male? Un pochino), la Pastorelli che cerca il "pistolone" del suo danaroso cliente, biscie d'acqua che come appaiono , poi, scompaiono (il boschetto dietro casa che diventa, improvvisamente, Nudo e selvaggio) e una chiusa all'aeroporto che nemmeno nelle fiction tv destinate ai ragazzini.

    Una volta copiavano e citavano tutti Argento, ora e Argento che cita pure Kassovitz (i cani in gabbia come nei Fiumi di porpora), ma sarebbe il male minore se fosse solo questo fattore privo di idee e invenzioni.

    Sinceramente, per quanto mi riguarda, non mi faccio assolutamente piacere (o andare bene) tutto questo ciarpame solo per il nome di Dario Argento (o Dariu Argentu, a questo punto). Una filmettino di totale , disarmante, pochezza, che se non fosse per Argento, manco sarebbe uscita al cinema, che definirlo da bancarella sarebbe un eufemismo.

    In sala eravamo in tre, e le risate grasse e  sguaiate dominavano incontrastate (non credo, però, fosse l'intenzione di Argento) che manco i cinepanettoni con De Sica & Boldi. Credo che qualcosa non vada proprio nell'ultimo, patetico, Argento (non azzeccare tre filmacci di fila e perseverare ancora è quantomeno diabolico, se non deletereo) dove nulla, ma proprio nulla, funziona.

    Inutile sottolineare sempre le stesse cose (Il cartaio, a confronto, sembra Tenebre), di un grande artista che si sta comprendo sempre più di ridicolo e tristezza (e me ne dispiace parecchio). Sarebbe come sparare sulla croce rossa continuare ad accanirsi.

    Il livello qualititativo è, nè più nè meno, degno dei thriller straight to video di Bruno Mattei (con più soldi, ma con molto meno sesso e violenza).

    E mentre Franco Arnò si rivolta nella tomba, spero davvero, che questa sia l'ultima volta, non potrei più reggere ad un'altro miserabile giallognolo al limite dell'amatorialità.

    Indifendibile, da qualsiasi parte lo si guardi.


    Ultima modifica: 27/02/22 21:47 da Buiomega71
  • Didda23 • 28/02/22 11:20
    Compilatore d’emergenza - 5796 interventi
    Incasso italiano totale fino ad ora 110mila euro.
  • Siska80 • 21/03/22 07:53
    Risorse umane - 707 interventi
    SPOILER
    La cosa meno debole a me pare proprio il movente (per quanto banale seppur ahimè sempre attuale anni luce distante dai colpi di genio del Maestro): si tratta del classico assassino di prostitute e il fatto che perseguitasse la protagonista perchè lo aveva umiliato, non implica di certo che abbia ucciso le sue colleghe per lo stesso motivo (non credo che questo qui decidesse di accoppiarsi solo quando puzzava!). Argento e la tecnologia non sono mai andati d'accordo (prova ne è l'esilarante videopoker attorno al quale ruota  Il cartaio ), quindi, semmai, ha sbagliato a non ambientarlo negli Anni Novanta, quando furono più d'uno i casi simili in Italia; avrebbe persino potuto aggiungere la didascalia: "Il film è ispirato a fatti realmente accaduti"...Allora si che il voto sarebbe stato ben altro, dato che la polizia non disponeva dei mezzi di ricerca attuali e spesso brancolava nel buio, incappando in errori grossolani!
    Mi aspettavo di peggio, invece non mi è dispiaciuto nonostante le poche vittime (il primo omicidio è spettacolare) e mi chiedo se il pubblico davvero si aspetti di vedere un nuovo film di Argento col solito modus operandi del killer che và ammazzando gente in casa come nei film degli Anni Ottanta...Ma su!

    Ultima modifica: 21/03/22 14:29 da Siska80
  • Mauro • 6/04/22 10:06
    Disoccupato - 12144 interventi
    C'è un errore nel nostro cast (di riflesso da imdb dove è stato inserito in modo errato): il cognome di Gianluca Gugliarelli è Giugliarelli
  • Zender • 6/04/22 11:10
    Capo scrivano - 48089 interventi
    Su imdb Giugliarelli risulta come aka, quindi finché eventualmente non si corregge su Imdb è corretto così.

    Ultima modifica: 6/04/22 11:12 da Zender
  • Mauro • 7/04/22 16:40
    Disoccupato - 12144 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Su imdb Giugliarelli risulta come aka, quindi finché eventualmente non si corregge su Imdb è corretto così.


    Il nome esatto è Giugliarelli. Per esempio: è presente nei titoli di coda di "Tu mi nascondi qualcosa " dove è segnalato come Giugliarelli, anche se nella relativa scheda di imdb è riportato come Gugliarelli senza aka. Anche la pagina facebook di questo attore è a nome "Gianluca Giugliarelli"
    Ultima modifica: 7/04/22 16:41 da Mauro
  • Zender • 7/04/22 17:05
    Capo scrivano - 48089 interventi
    Come sempre va prima corretto su Imdb e poi da noi...
  • Lucius • 6/03/23 20:13
    Scrivano - 9041 interventi
    Bravissimo Herbie! Ottimo lavoro sul film del maestro.
  • Gugly • 27/08/23 22:51
    Portaborse - 4710 interventi
    Siska80 ebbe a dire:
    SPOILER
    La cosa meno debole a me pare proprio il movente...

    Concordo su quasi tutto, dissento sull'opinione generalmente positiva: il film mi ha deluso non poco, in alcuni punti rasenta la comicità involontaria (la coppia di poliziotti sembra arrivare da qualche film di parodia) e, come ha scritto qualcuno, la parentesi alla casa famiglia fa molto "episodio di Don Matteo"; non parliamo poi del furgone bianco, citazione smaccata del caso dell'omicidio della povera Yara Gambirasio quando ancora non si conosceva l'identità del soggetto attualmente condannato.

    Ultima modifica: 28/08/23 00:13 da Gugly
  • Nipo • 28/08/23 20:09
    Galoppino - 97 interventi
    Addirittura... Non ci vedo molto di focalizzato in quello che dici: il parallelismo col furgone dell'assassino della povera Yara... Qui lo dipingono oltretutto di nero... E poi anche in Quattro mosche di velluto grigio, la figura dell'investigatore era palesemente sopra le righe, molto più di questi investigatori, che non si discostano poi tanto da quelli di altri film (vedi Sotto il vestito l'ultima sfilata). Perchè non riconoscere che Argento ha fatto un passo nella giusta direzione e che la Pastorelli è stata decisamente brava? Mah!
  • Gugly • 28/08/23 20:23
    Portaborse - 4710 interventi
    Nipo ebbe a dire:
    Addirittura... Non ci vedo molto di focalizzato in quello che dici: il parallelismo col furgone dell'assassino della povera Yara... Qui lo dipingono oltretutto di nero... E poi anche in Quattro mosche di velluto grigio, la figura dell'investigatore era palesemente sopra le righe, molto più di questi investigatori, che non si discostano poi tanto da quelli di altri film (vedi Sotto il vestito l'ultima sfilata). Perchè non riconoscere che Argento ha fatto un passo nella giusta direzione e che la Pastorelli è stata decisamente brava? Mah!

    Perché magari è il mio parere e personalmente il film non mi ha dato emozioni o voglia di rivederlo?  :)
    Il mio riferimento al caso di cronaca si spiega soprattutto perché per tutto il film si parla di un furgone bianco, proprio come nel caso della ragazzina bergamasca.
  • Nipo • 28/08/23 20:29
    Galoppino - 97 interventi
    Capito i tuoi gusti, io l'ho rivisto già 4 volte da quando ho il dvd. :)
  • Gugly • 28/08/23 20:32
    Portaborse - 4710 interventi
    Nipo ebbe a dire:
    Capito i tuoi gusti, io l'ho rivisto già 4 volte da quando ho il dvd. :)

    Per fortuna i gusti sono vari, magari un altro film che a me piace moltissimo a te non sconfinfera per nulla :)
    Ultima modifica: 28/08/23 20:33 da Gugly