Opening night

Media utenti
MMJ Davinotti jr

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

EFFETTO NOTTE a Broadway, ma in diretta. Durante la rappresentazione di un musical centrato su diverse hit da classifica attraverso le quali ripercorrere decennio per decennio usi e costumi della nostra storia, seguiamo quanto avviene dietro le quinte osservando soprattutto il difficile compito del direttore artistico (Grace); che si occupa di risolvere gli imprevisti, di calmare gli attori, di procurare ciò che serve alle bizzose star e, non ultimo, di mettere ordine nella propria vita: la ragazza che ha lasciato (Tal) viene promossa sul campo per sostituire la cantante principale (Heche) incorsa in un improvviso incidente e lui, ancora innamorato di lei, non vuole che si conceda troppo...Leggi tutto al divo dello show (Chasez), con cui invece la sera prima ha avuto una relazione causa eccesso d'alcol. Tutt'intorno personaggi eccentrici, un nutrito gruppo di ballerini gay, tecnici, assistenti... Intervallato da qualche buon numero musicale che riattiva il ritmo (discreta la scelta dei pezzi con una punta d'eccellenza nel finale, in cui esplode l'ottima “To Be With You” dei Mr. Big) e vivacizzato da buone scenografie comunque secondarie rispetto a quelle ricostruite per vivere il backstage, il film di Isaac Rentz è leggero quanto i brani eseguiti. Prevedibilmente frivolo, recupera un po' nella descrizione di alcuni caratteri (del protagonista in primis, naturalmente, cui Grace riesce a donare accettabile spessore) ma resta, senza far falsi moralismi, all'interno della descrizione stereotipata di un mondo – quello dello spettacolo – che per sua natura e necessità sdrammatizza e minimizza ogni problema. D'altra parte chi sta più in alto, il produttore Goldmeyer (Riggle), non mostra comprensione vera per nessuno, interessato unicamente a far procedere lo show come deve e a licenziare il primo che sgarra. Non mancano la sfida gay/etero per la conquista del primo ballerino (Mestre) combattuta a colpi di ripetute volgarità (che più in generale certo non si fanno attendere), la crisetta sentimentale, la conversione del vanesio a colpi di “affronti” al suo smisurato ego. Truffaut sta lontano, i tempi son cambiati e questa non è che una semplice commedia senza pretese che vadano al di là del far trascorrere un'ora e mezza in allegria. Dopo i titoli di coda poco resta; diciamo niente...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/11/17 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 16/12/17 06:16 - 11452 commenti

I gusti di Galbo

Dietro (e davanti) le quinte di uno spettacolo di Broadway, cogliendone la varia umanità e sottolineando le idiosincrasie degli artisti. Un film che annovera momenti godibili (dovuti ad un montaggio serrato e alla buona ricostruzione degli ambienti) e incisive prestazioni degli attori, ma anche una stereotipata caratterizzazione dei personaggi che corrispondono ai “tipi” che si immagina popolino le produzioni del genere. La breve durata ne può incoraggiare la visione.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.