Mogliamante

Media utenti
Anno: 1977
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka: "Lover, Wife"; "Wifemistress"; "Esposa Amante"; "Esposamante"; "Vaimo ja Rakastajatar"; "La Maîtresse Légitime"; "Kadin Delisi"; "Frau & Geliebte". Musiche di Armando Trovajoli.
Numero commenti presenti: 9

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/10/08 DAL BENEMERITO UNDYING
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 20/10/08 22:36 - 3819 commenti

I gusti di Undying

Luigi (Marcello Mastroianni) ha una moglie (Laura Antonelli) costretta a letto causa paralisi psicosomatica. Ci si mette anche la polizia, sulle sue tracce per colpa di un'accusa infondata. Trova riparo in un granaio (dirimpetto alla finestra della camera matrimoniale di casa sua!) per sfuggire alla cattura. Scopre così che la moglie se la spassa con diversi amanti, e che l'immobilità era solo nei suoi confronti, giacché dimostra di sapersi muovere bene con altri uomini. L'erotismo è castigato, ma le intepretazioni sono eccellenti, garantite da un cast di alto livello e dalla buona regia.

Homesick 19/11/11 13:17 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

La rivendicazione del libero amore e il disincanto della donna soggiogata dal marito infedele rampollano dal femminismo, ma l’opera diretta da Vicario su sceneggiatura di Sonego sta tutta nella straordinaria fotografia di Guarnieri: una vera e propria raccolta di quadri con lussuosi interni patrizi, scorci di piazze, profili montani, verdi distese, grano biondeggiante e loci ameni fluviali. La Antonelli si concentra sul personaggio, abdicando ai nudi in favore della Karlatos e della Belle; per farsi ricordare, a Mastroianni basta il suo volto perplesso e dolente mentre osserva dalla persiana.
MEMORABILE: L’assaggio dei vini; il cavallo che si ferma da sé davanti ad ogni albergo e locanda frequentati dall’adultero Mastroianni.

Moro 3/02/12 20:42 - 36 commenti

I gusti di Moro

Uno di quei film che fanno onore al raffinato cinema italiano degli anni '70. Misconosciutissimo, ovviamente solo per via del nome di scarso grido del suo bravissimo regista, è un riuscitissimo omaggio alla grandezza, sia fisica che morale, della Donna, che, proprio in quell'anno (1977), grazie al Movimento femminista, ha vissuto forse il suo momento di massima consacrazione sociale. Mirabili gli attori (incantevole l'Antonelli), la collocazione storico-sociale, l'intreccio degli eventi e soprattutto la struggente colonna sonora.
MEMORABILE: L'incontro degli sguardi, dalla porta a vetri, tra il marito e la moglie, alla fine del film.

Albstef90 25/01/13 16:45 - 78 commenti

I gusti di Albstef90

Sicuramente uno dei punti più alti del Vicario regista! Il film è supportato da una straordinaria fotografia e accompagnato per buona parte da una colonna sonora davvero lodevole. Devo ammettere che, anche se non sono un grande fan di questo genere di film, mi ha davvero colpito! La recitazione di tutto il cast è professionale e una nota di merito va anche alla straordinaria scenografia, curata nei minimi dettagli! Sceneggiatura di Sonego. Lo consiglio, a chi non l'ha ancora visto!
MEMORABILE: Quando Mastroianni viene trovato vicino ad un cadavere; Il nascondiglio vicinissimo alla propria abitazione.

Lucius 4/06/13 17:33 - 2940 commenti

I gusti di Lucius

Impreziosito da una sublime fotografia ma eccessivamente lungo e pretenzioso. La Antonelli e Mastroianni assieme sono una coppia che buca lo schermo, pertanto, almeno per questi due fattori, il film va visto. Il problema è che manca di colpi di scena e arranca fino alla conclusione, pervaso di un'arrendevole tristezza. Lodevoli risultano gli interni (oggi del tutto irriconoscibili). Rituffatevi negli anni venti ma diffidate dal fatto che due donne si baciassero così. Menzione alle partiture del maestro Trovajoli.

Giùan 11/05/15 22:25 - 3452 commenti

I gusti di Giùan

Film che infonde una diffusa sensazione di funerea mestizia e che parrebbe finito nelle mani dell'altrove fin troppo veracemente robusto Vicario quasi per caso. Sembra così di assistere a un melodramma viscontiano dell'ultim'ora, che sarebbe stato magari adatto per il Samperi di metà anni '70 (quello di Nenè e Scandalo). Troppo peso finisce per esser affidato alla estetizzante fotografia di Guarnieri, all'estenuantemente enfatico score di Trovajoli, alla recitazione esasperatamente sommessa di Laura e Marcello, al languido script senile di Sonego.
MEMORABILE: I nudi di Annie Belle.

Saintgifts 28/07/17 11:06 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Gradita sorpresa, questo misconosciuto film di Vicario; a partire dall'aspetto tecnico (fotografia, musica, scenografie, tutto molto curato) fino ad arrivare a un cast dove anche un Leonard Mann subisce l'afflato dei suoi altolocati colleghi. L'ottimo soggetto di Samperi, con un erotismo voyeuristico che pervade tutta la storia, è però stemperato dalla sceneggiatura di Sonego e dello stesso Vicario, che mettono in evidenza le diverse emancipazioni della donna in un periodo dove l'uomo, complice la chiesa, poco si sforzava di capirne le esigenze.
MEMORABILE: Le seconde vite del protagonista.

Ronax 17/04/18 02:04 - 989 commenti

I gusti di Ronax

Prendendo Visconti e Bolognini come modelli e cavalcando a suo modo l'onda di piena del movimento femmminista, Vicario tenta la strada dell'erotico d'autore potendo contare sulla solida produzione di Cristaldi e sulla presenza di due mostri sacri, Mastroianni e l'Antonelli nel pieno del suo fulgore. La confezione, grazie all'apporto della splendida fotografia di Guarnieri e della languida musica di Trovajoli, è indubbiamente di prim'ordine, ma dietro la facciata smagliante non c'è altro che un banale e risaputo giochino di ripicche coniugali.
MEMORABILE: Il direttore dell'albergo che presenta all'Antonelli il conto delle cene e delle nottate che il marito ha trascorso con le sue amanti.

Rufus68 30/06/19 16:53 - 3394 commenti

I gusti di Rufus68

Notevole nell'ambientazione, curato nella fotografia ma sostanzialmente anonimo nella progressione narrativa (la moglie che emerge nella personalità una volta annullato il marito) e non privo di lungaggini (assecondate dalle musiche un po' ruffiane). Si tratta di un'opera leccata in cui politica e psicologia sociale vengono coinvolti solo superficialmente. Anche l'eccellente batteria di attori risente di questo tono melodrammatico senza dramma, enfio e vacuo.

Leonard Mann HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Lucius • 1/11/12 09:39
    Scrivano - 8725 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:

    Ultima modifica: 1/11/12 10:20 da Zender
  • Homevideo Buiomega71 • 6/03/13 23:09
    Pianificazione e progetti - 23168 interventi
    In dvd per Cristaldi Film, disponibile dal 23/04/2013

    http://www.kultvideo.com/DVD/DVD.aspx/aid17022aid-DVD-Mogliamante-23-04-Mogliamante?__lang=it-IT
    Ultima modifica: 6/03/13 23:10 da Buiomega71
  • Homevideo Xtron • 25/05/13 10:10
    Servizio caffè - 1902 interventi
    Il dvd Cristaldi Film / Cecchi Gori:

    Audio e sottotitoli in italiano
    Formato video 1.85:1 anamorfico
    Durata 1h41m38s
    Contenuti extra Presentazione , Filmato con le location del film

    Un'immagine dal dvd (si trova al min. 44:06)
    Ultima modifica: 24/10/15 15:02 da Xtron
  • Discussione B. Legnani • 7/01/16 22:11
    Consigliere - 14325 interventi
    Aggiungerei:
    e non Moglieamante
  • Curiosità Zender • 11/08/21 17:25
    Consigliere - 44897 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

    [img size=300]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images58/mogliama300.jpg[/img]