LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 1/02/07 22:41 - 4725 commenti

I gusti di B. Legnani

Colpisce la capacità di Marco Vicario di trattare un tema volgare con così tanta eleganza formale. Non è il Buzzanca migliore, ma è indimenticabile, anche perché circondato da un gineceo raramente eguagliato. Forse quando ho visto e rivisto il film ero ubriaco, ma direi che la Benussi NON si spoglia. Grande Salce, fatto "alce" dal suo cameriere.

Il Gobbo 2/04/07 13:20 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Buzzanca perfetto, Salce impagabile, donne splendide, gustosa ambientazione. Vicario (un sottovalutato) si concede soluzioni stilistiche non da tutti (spicca la sequenza con la Asti). Fondamentale.

Lercio 4/06/07 23:46 - 232 commenti

I gusti di Lercio

Un cast eccezionale, dialoghi perfetti basati su una serie inesauribile e continua di doppisensi arguti e caratterizzati da un tempismo perfetto. Un film divertentissimo e girato con stile ed eleganza. Curiose anche le ambientazioni e la critica sociale insita nell'esagerazione della contrapposizione Nord-Sud. Una perla.

G.Godardi 4/06/07 17:55 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Commedia sexy di esplicita derivazione (o degradazione?) germiana (vedi Signore e signori, Sedotta e abbandonata, Divorzio all'italiana, tutti e tre più o meno citati apertamente): in fondo non è un caso che Buzzanca abbia cominciato la sua carriera proprio con Germi. Cast nutrito e d'eccezione per una divertente storiella che avrebbe meritato un metraggio minore. Tuttavia, anche tra tante lungaggini, salta all'occhio la brillante messa in scena di Vicario che produce di continuo doppi sensi ed allusioni tramite montaggio e oggetti (fallici) inquadrati.
MEMORABILE: Salce che parte per assassinare il suo rivale e finisce col lasciarsi andare ad attività scopica mediante telescopio....

Homesick 20/04/09 08:50 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Commedia alla siciliana in trasferta nordica, con cui Vicario consacra Buzzanca a modello di emigrato del Sud dall’inesauribile potenza sessuale: materia bassa, eppur nobilitata dalla rifulgente fotografia della location bergamasca, da Salce – impagabile con il cannocchiale e scrutato da cornuti trofei venatori - e da un raffinato harem di grandi attrici e starlets. Felice connubio tra immagine, simbologia priapica e musica (Patruno si esibisce come cantastorie dell’alta società) pronta ad intervenire per sottolineare i momenti clou.

Renato 9/06/09 13:39 - 1561 commenti

I gusti di Renato

Insieme a Il merlo maschio, rappresenta il manifesto del buzzanchismo. Volgarità e doppi sensi a profusione, ma sempre mantenendosi sul filo del buon gusto: in più c'è da dire che Vicario sapeva girare con un certo stile. Il cast femminile è quasi impareggiabile, mentre Buzzanca ed il grande Luciano Salce hanno il compito di far ridere, e lo assolvono in pieno. Davvero un peccato che il film sia scomparso da anni, per volontà -pare- del regista.

Undying 11/07/09 15:24 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Pellicola che conferma Buzzanca in ruolo di "sciupafemmine", ma sempre in parte eccessivamente grottesca essendo, in tal caso, un superdotato in senso figurativo poiché munito di membro accessoriato con tre testicoli! Il cast del film è di tipo stellare e presenzia pure la Benussi in un breve ruolo d'antiquaria. Il cameriere del film è uno scatenato amante del gentil sesso e, rivisto a distanza di oltre 35 anni, Homo Eroticus appare - per l'epoca - assai spinto. E' da questo titolo che due editori milanesi presero spunto per lanciare nelle edicole due serie a fumetti (Il Lando e Il montatore).

Albstef90 1/02/13 10:30 - 78 commenti

I gusti di Albstef90

Uno dei titoli più conosciuti fra tutti i "Buzzanca movies". Vicario sceglie di nuovo Buzzanca come protagonista e dalla Sicilia lo trapianta a Bergamo. Simpaticissime battute e inquadrature sempre molto fluide rendono il film piacevole, anche se un po' troppo lungo. Vicario si distingue sempre per la sua dimestichezza nel girare e di dirigere gli attori. Musiche azzeccate contraddistinte da uno scacciapensieri a firma Trovajoli. Ci si diverte, soprattutto i fan buzzanchiani.
MEMORABILE: L'arrivo a Bergamo; Il grandissimo Luciano Salce; Il finale.

Giùan 7/10/13 18:27 - 2993 commenti

I gusti di Giùan

Talmente debordante nel suo oltranzistico fallocentrismo da risultar un oggetto filmico in qualche modo disorientante. Senza scomodar la fatidica questione natura/cultura (cinematografiche) è indubbio che Vicario vellichi i più bassi istinti e vieti luoghi comuni machisti con una sensibilità visiva e una fluidità tecnica degni di miglior causa. Se da una parte però il gioco è condotto con coerente cattivo gusto, dall’altra è tirato troppo per le lunghe col risultato di prolassare. Podestà e Sylva magnifiche, Adriana Asti sacrificata, Salce impenitente.

Saintgifts 24/12/13 17:02 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Bergamo alta, Bartolomeo Colleoni, un vasto harem altolocato... cosa poteva mancare? Michele triorchide con sintomi di priapismo e pure siciliano; ed eccolo qui Lando Buzzanca, con attributi che fanno strabuzzare gli occhi ai dottori ma soprattutto solleticano le fantasie (e non solo) delle bellissime donne che lo circondano. Tipica commedia inizio anni settanta che si distingue per la classe con cui è stata girata (nonostante il soggetto potesse prestarsi a facili volgarità) e per le buone interpretazioni. Un notevole occhio anche al sociale.
MEMORABILE: La pittrice a Michele: venga a trovarmi domani allo studio, cominceremo con qualche schizzo.

Rufus68 6/05/18 15:12 - 3091 commenti

I gusti di Rufus68

L'orgia di doppi sensi onomastici (Cannaritta, Godè, Sallunga) e non (cappella del Colleoni, l'uccello di Cocò) cela un film meno banale del previsto sulla dialettica fra sesso e potere. Relazione diretta (il parallelo fra orgasmo e produzione nell'industria della Koscina) e di sudditanza (Buzzanca scaricato continuamente dai padroni che dettano il gioco, l'onore "in banca" del barbiere, la virilità ritrovata con l'umile Concettina). Adeguato Buzzanca come "oggetto" motore della trama e grande Salce come magnifico cornuto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.