Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/03/15 DAL BENEMERITO XAMINI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Xamini 4/03/15 00:32 - 1069 commenti

I gusti di Xamini

I giovanotti del cinema italiano recitano il Boccaccio, in una riduzione di 5 novelle, raccordate dall'espediente narrativo originale, a dettare il contesto. Quel che si nota sin dai trailer è una saporita messa in scena, tra scelta di location di pregio, costumi e fotografia. Le interpretazioni (non sempre felici) restano su un registro smaccatamente teatrale in cui le frasi dell'autore vengono citate solo di rado. Il risultato è un'opera che fa sorridere ma si guarda bene dal travolgere.
MEMORABILE: Il Calandrino di Rossi Stuart, la badessa della Cortellesi.

Cotola 22/03/15 10:47 - 8048 commenti

I gusti di Cotola

Rischioso confrontarsi con un testo monstre della nostra della nostra letteratura, ma il risultato finale è tutto sommato riuscito. Poiché a parte una confezione di buon livello (sebbene la fotografia a tratti ricordi il Mulino bianco), i Taviani hanno selezionato bene le novelle da filmare, rifuggendo scelte più semplici e popolari: non ci sono volgarità ed erotismo a buon mercato. Certo la scelta degli attori è discutibile (la signora Taricone, Scamarcio, Elisa di Rivombrosa-Puccini) e qualche volta si sente un retrogusto televisivo, ma bisogna sapersi accontentare.
MEMORABILE: Il particolare copricapo della badessa. Kim Rossi Stuart in Calandrino. Il falcone e la liberalità di Federico.

Saintgifts 22/03/15 20:40 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Maravigliosa non è per niente questa riduzione cinematografica dell'opera di Boccaccio, che da deca passa a penta. Ma non è questo il motivo della mediocrità del film, il motivo principale è l'assoluta mancanza di ritmo, per di più aggravata dalle interpretazioni poco convinte di tutto il cast. L'impianto smaccatamente teatrale non giova, discreta è la scelta delle musiche, anche perché si va sul sicuro con Rossini, Verdi e Puccini e buona è la fotografia, ma anche qui il lavoro è agevolato dalle primaverili location della Toscana. Deludente.

Giulyfab 8/05/15 23:37 - 32 commenti

I gusti di Giulyfab

Piacevole, forse fin troppo "pulito" se pensiamo all'epoca e alla situazione igienica del periodo, la peste non va a braccetto con la pulizia... Gli episodi sono tendenzialmente ben recitati e nessuno spicca in maniera particolare se non quello nel convento, di gran lunga più divertente e rilassante; negli altri forte è l'angoscia o la pesantezza dei finali. Speravo in una scelta più "boccaccesca", invece domina una sensazione di pesantezza. Cortellesi appena sopra al resto del gruppo...
MEMORABILE: L'episodio del convento nella sua interezza (peccato sia anche il più breve)!

Giacomovie 2/09/15 15:54 - 1368 commenti

I gusti di Giacomovie

I fratelli Taviani raccontano Il Decameron andando alle origini del testo (la pestilenza che costrinse i dieci giovani a isolarsi da Firenze), scelgono cinque novelle che racchiudono il poliedrico spirito narrativo del Boccaccio, s'impegnano in una ricostruzione ambientale realistica (con qualche licenza) ma stonano nella scelta delle musiche: anche se si tratta di brani classici, non si abbinano al contesto medioevale. Il lato "maraviglioso" del film sta nel suo fascino visivo ma perde il confronto con la pellicola del 1971 di Pasolini.

Galbo 21/07/17 06:58 - 11700 commenti

I gusti di Galbo

Sembra uno sceneggiato televisivo di qualche anno fa questo film dei Taviani tratto da Boccaccio. Una messa in scena ben realizzata e una cura notevole per ambientazione, scenografie e costumi. La scelta delle novelle è buona anche se è evidente la discrasia tra le due parti, racconti e la vicenda dei narratori, con i primi più soddisfacenti della seconda. Rimane però l'impressione di un compito ben eseguito ma in cui è assente la partecipazione emotiva, a partire proprio dagli autori.

Snowbird 24/01/19 16:47 - 6 commenti

I gusti di Snowbird

Scadente trasposizione cinematografica di un capolavoro. Ciò che dall'inizio al termine del film accompagnerà lo spettatore è la noia. Tutto il contrario dell'opera di messer Boccaccio, che si caratterizza per un innato divertimento. Trasmetterà anche un senso di rabbia per via della troppa "pulizia" sia degli attori che nelle location, che non rendono assolutamente giustizia a quello che fu il Medioevo.

Reeves 11/03/21 09:39 - 728 commenti

I gusti di Reeves

Clamoroso passo falso di due registi tra i piu interessanti e coraggiosi del nostro cinema. Nonostante il buon cast sembra uno sceneggiato televisivo, deprivato di quella vitalità che invece Pasolini esaltava nella sua riduzione per lo schermo da Boccaccio. Non si capisce davvero perché due registi con le loro qualità abbiano accettato una storia edulcorata che racconta un Medioevo ante-Armata Brancaleone, senza quindi la fame, la sporcizia, la polvere.

Nicola81 18/03/21 11:28 - 2212 commenti

I gusti di Nicola81

Non è un brutto film, ma il Decameron di Boccaccio avrebbe meritato qualcosa in più di un compito svolto correttamente. La messa in scena fin troppo pulita non si addice molto a un Medioevo in cui imperava la peste, ma le cinque novelle destano un certo interesse (la prima è abbastanza incolore ma poi si va in crescendo) e il cast offre buone prestazioni, grazie soprattutto a un comparto femminile di lusso e a un Kim Rossi Stuart negli insoliti panni di un personaggio credulone e un po' imbranato.

Myvincent 24/08/21 08:55 - 2955 commenti

I gusti di Myvincent

Un gruppo di giovani si raduna in una villa per scampare alla morte e si diletta col raccontarsi storie e storielle a tema erotico. Così i fratelli Taviani affrontano Boccaccio, in una maniera più drammatica che licenziosa, lontani dal vero spirito che aleggia nel Decamerone. C'è il fior fiore degli attori di oggi che perdono nel confronto con la scuola di un tempo (ne è dimostrazione la presenza di Lello Arena), con una recitazione degna del piccolo schermo e priva di alcuna profondità. Resta la scelta di scorci naturalistici piuttosto azzeccati.

Paolo Taviani HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Panza • 15/04/18 11:42
    Contratto a progetto - 5015 interventi
    É purtroppo mancato Vittorio Taviani.
  • Discussione Buiomega71 • 15/04/18 12:09
    Pianificazione e progetti - 23192 interventi
    Insieme a Milos Forman se ne và un altro pezzo di gran cinema (questa volta italiano) nel bene e nel male.

    Non sono un esegeta dell'opera dei Taviani in realtà, ma La notte di San Lorenzo mi è rimasto nel cuore.
    Ultima modifica: 15/04/18 12:09 da Buiomega71
  • Discussione Neapolis • 15/04/18 12:20
    Fotocopista - 2358 interventi
    R. I. P.
  • Discussione Graf • 15/04/18 12:49
    Call center Davinotti - 915 interventi
    Una prece.
  • Discussione 124c • 15/04/18 20:15
    Risorse umane - 5174 interventi
    Una preghiera anche da parte mia, oggi il cinema italiana è più povero.