Tu ridi

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1998
Genere: drammatico (colore)
Note: Episodi "Felice" (Albanese) e "Sequestri" (Arena). Soggetto liberamente ispirato a due racconti di Luigi Pirandello compresi nella racconta "Novelle per un anno".
Numero commenti presenti: 4
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Film d'autore, diviso in due episodi ispirati a Paolo e Vittorio Taviani dalla penna di Pirandello. Il primo, leggermente più lungo, vede un baritono fallito (Albanese), ora contabile, ridere durante il sonno senza saperne il motivo. Siamo nella Roma fascista e la storia sembra spezzettarsi tra realtà e sogno, condotta dall'espressione tra lo stupefatto e l’irritato del suo protagonista. Bei colori, una corretta ricostruzione storica, ma il tutto appare inconcludente, finendo per accompagnarci stentatamente verso una chiusura deludente in cui comprare anche Sabrina Ferilli senza che se ne sentisse il bisogno. Tra una spiaggia deserta e un locale dove Albanese riprende a cantare davanti agli avventori, il sipario cala...Leggi tutto su un episodio confuso; interessante forse solo nel faccia a faccia tra Albanese (mal sfruttato, nel complesso) e Luca Zingaretti. Il secondo episodio a sua volta si divide in due, perché quando Lello Arena racconta al ragazzino da lui sequestrato e segregato in un casolare (nella speranza che suo padre - un mafioso arrestato - non “collabori” con la giustizia) la storia di un dottore (Turi Ferro) che da quelle parti venne rapito cento anni prima, il flashback immaginario subentra spezzando l'episodio; che riprenderà poi per concludersi in maniera tragica dando finalmente un senso al film. Arena è più convincente di Albanese, la sua vicenda ha uno spunto più concreto e fa del secondo episodio un'opera a tratti godibile. Nel suo complesso tuttavia TU RIDI è uno sterile e freddo esercizio di stile, incapace di appassionare, troppo lento e presuntuoso. Ed è un peccato vedere un talento inespresso come Albanese perdersi malinconicamente tra le pieghe di un film così.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 29/12/08 18:26 - 11388 commenti

I gusti di Galbo

Come già successo per Kaos, con tu ridi i fratelli Taviani si ispirano alle novelle di Luigi Pirandello realizzando un film suddiviso in due episodi, Felice e Sequestri. In entrambi gli episodi confluiscono i temi di più di un racconto dello scrittore siciliano oltre naturalmente i grandi temi della sua narrativa dei quali i Taviani si appropriano con discreti risultati, con la preziosa collaborazione di ottimi attori come Turi Ferro nel secondo episodio.

Cotola 19/08/09 20:25 - 7529 commenti

I gusti di Cotola

Dopo Kaos ancora Pirandello per i fratelli Taviani. Due storie per due episodi non molto riusciti. Colpa di una certa freddezza e staticità della sceneggiatura che spesso si perde in alcune "cose" gratuite e che alla fine si rivela inconclusa ed inconcludente. La confezione, come sempre, è accettabile ma non basta. Buona la prova di Turi Ferro.

Deepred89 17/10/10 10:57 - 3283 commenti

I gusti di Deepred89

Un prodotto insolito, molto riuscito, dove la commedia sconfina spesso nel tragico. Il primo episodio è quasi buono, raggiunge il massimo nelle scene oniriche (che ricordano vagamente Arancia meccanica) e cade un pochino con l'entrata in scena della Ferilli per poi riprendersi nel finale. Ancora meglio il secondo, grottesco, crudele, con all'interno un altro episodio, quello del dottor Ballarò (un ottimo Turi Ferro) assolutamente memorabile. Bella la fotografia tendente al blu. Bravi gli attori, Arena e Ferro in particolare. Molto buono.
MEMORABILE: La sepoltura del dottor Ballarò.

Daniela 14/08/20 16:58 - 9410 commenti

I gusti di Daniela

Dopo Kàos, altri due episodi liberamente ispirati a Pirandello. Irrisolto il primo che non sfrutta a dovere lo spunto della risata inconsapevole e la presenza stranita di Albanese, molto più riuscito il secondo che incastra il racconto di un sequestro di cento anni prima, con il notabile rapito "a vita" (ottimo Ferro) che finisce per diventare medico/maestro della piccola comunità di pastori, nella cornice della rievocazione di una vera vicenda criminale con Arena inaspettatamente molto efficace in un ruolo trucido. Nel complesso, un film squilibrato ma interessante.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 14/08/20 17:11
    Consigliere massimo - 5141 interventi
    Soggetto liberamente ispirato a due racconti di Luigi Pirandello compresi nella racconta "Novelle per un anno".

    Il secondo episodio, dal titolo "Due sequestri", inserisce il racconto di Pirandello in un'altra storia ispirata ad un vicenda di cronaca nera tristemente celebre: l'omicidio del piccolo di Giuseppe Di Matteo, rapito dalla mafia per costringere il padre, mafioso diventato collaboratore di giustizia, a ritrattare le rivelazioni sulla strage di Capaci e sull'uccisione dell'esattore Ignazio Salvo.