Madame Bovary

Media utenti
Titolo originale: Madame Bovary
Anno: 1949
Genere: drammatico (bianco e nero)
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/06/09 DAL BENEMERITO HARRYS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Harrys 25/06/09 00:47 - 682 commenti

I gusti di Harrys

Grazie all'espediente narrativo del processo (a Flaubert), lo svolgimento della pellicola è basato sul "racconto" dell'opera da parte del suo autore. C'è da dire però che la voce narrante interviene di rado. Minnelli dipinge una Madama se possibile ancor più irritante e "ridicola" dell'originale, prendendosi più di qualche libertà narrativa e fornendo all'opera un tono da commedia in svariate situazioni (nell'ottima sequenza del ballo dal marchese per esempio). Da ricordare anche il monologo di Lheureux a casa Bovary. Un buon film.

Daniela 7/12/19 10:51 - 9664 commenti

I gusti di Daniela

Minnelli trasforma Flaubert in un personaggio del film, facendogli narrare la vicenda nell'aula di tribunale in cui si trova imputato con l'accusa di immoralità, ma nella sostanza poco si cura della fedeltà alla spirito del romanzo, anche se ne ripercorre i fatti: perso lo spirito caustico di critica sociale, resta l'intreccio da melodramma sentimentale, impaginato con grande stile e ben interpretato: se Jones replica l'eroina romantica tormentata più volte portata sullo schermo, Van Heflin commuove nel ruolo del marito tradito e Jourdan è un seduttore impeccabile per quanto odioso.

Siska80 3/07/20 20:28 - 857 commenti

I gusti di Siska80

La migliore trasposizione cinematografica dell'omonimo romanzo di Flaubert, abbastanza fedele al romanzo (eccezion fatta per la parte finale) in cui spiccano il ritmo serrato, i costumi curatissimi, le location e la bravura della protagonista, la bella e intensa Jones nel ruolo di una donna che si sente (ed è) vincolata da una società in cui soltanto gli uomini hanno il diritto di essere se stessi; peccato non si sia osato di più, evidenziandone la sottile sensualità e i moti di ribellione, vere e proprie provocazioni per l'epoca.
MEMORABILE: La grottesca scena del ballo con i vetri delle finestre rotti a colpi di sedia.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 18/12/09 09:25
    Scrivano - 5612 interventi
    Il regista voleva Lara Turner per interpretare il ruolo di Emma ma fu convinto che per attirare pubblico sarebbe stato meglio usare un attrice come Anne Baxter o Greer Garson.

    Fonte:Imdb
  • Discussione Daniela • 7/12/19 10:46
    Consigliere massimo - 5298 interventi
    Ne esiste anche una versione colorizzata.
    Ultima modifica: 7/12/19 10:54 da Zender