Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/08/17 DAL BENEMERITO RUFUS68
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rufus68 1/08/17 10:08 - 3644 commenti

I gusti di Rufus68

Vita di Lucrezia, prigioniera nel vortice degli intrighi del fratello Cesare. Ricreazione vittimista della figura della Borgia, schiacciata dalla ragion di Stato: il regista poco si sbilancia sul versante storico, preso quale esclusivo fondale pittoresco e spinge sul pedale del romanticismo a buon mercato ritagliando il film sulle grazie della Carol (che mostra pudicamente, ma insistentemente, il davanzale). Il risultato è passabile grazie a spruzzi di cappa e spada e alle interpretazioni del sanguigno Armendariz e di Foà, grifagno cortigiano.

Daniela 4/01/21 10:49 - 11952 commenti

I gusti di Daniela

Fotoromanzo d'ambientazione molto liberamente storica che si avvicina però alla realtà presentando Lucrezia Borgia soprattutto come l'incolpevole strumento usato dal fratello per le sue manovre politiche e non come la femmina perversa ammazza-mariti tramandata dalla leggenda. Trascurabili gli esterni, quasi tutti costituiti da fondali dipinti, ma curati gli interni e sfarzosi i costumi. Quanto al cast più della protagonista e dei suoi amanti/sposi, spiccano l'imperioso Armendariz nei panni di Cesare Borgia e Foà nelle maligne vesti di Michelotto Corella, cortigiano ed assassino. 

Pessoa 22/11/21 20:36 - 2476 commenti

I gusti di Pessoa

Dramma storico di Jaque che rivisita a suo modo una delle figure piú controverse del Rinascimento italiano. Cercare attendibilità storica è quasi superfluo, visto che le vicende sono costruite sulla protagonista (allora compagna del regista) Carol, che offre una buona interpretazione e un paio di fugaci quanto inaspettati nudi integrali. Buona prova anche di Armendáriz, mentre Serato pare un po' ingessato. Molto buone scenografie e costumi, con un cast tecnico che nel complesso realizza un ottimo lavoro. Sceneggiatura poco originale, ma in film del genere non è una novità. Passabile.
MEMORABILE: Il combattimento nella parte finale; I tanti nudi anche integrali sparsi per il film, decisamente audaci per l'epoca (siamo nel 1953...).

Christian-Jaque HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 4/01/21 23:01
    Gran Burattinaio - 5863 interventi
    Michelotto Corella: un sicario rinascimentale 
    Arnoldo Foà interpreta Michelotto, cortigiano ed assassino prezzolato di cui si serve Cesare Borgia per attuare i suoi piani.
    La figura di questo personaggio storico è tra le più affascinanti del periodo, configurandosi una via di mezzo tra il capitano di ventura ed il sicario prezzolato ma comunque fedelissimo al proprio padrone.
    Il vero nome di Michelotto (o Micheletto, secondo alcuni)  era Miguel Corella, uno spagnolo nato a Valencia presumibilmente nel 1470, passato alla storia come "il boia di Cesare Borgia" per il gran numero di omicidi compiuti a partire dal 1500, tutti compiuti su mandato del padrone a cui si mantenne fedele anche nei rovesci di fortuna. In seguito alla morte di Alessandro VI e alla conseguente caduta in disgrazia di Cesare, Michelotto si trovò privo di protezione.  
    Il nuovo papa Giulio II lo fece imprigionare e sottoporre a processo ma nonostante le gravissime accuse Michelotto se la cavò con poco, forse perché a conoscenza di segreti troppo compromettenti.
    Successivamente Machiavelli, grande ammiratore del Valentino", lo fece assumere dalla Repubblica di Firenze come "bargello", ossia capo delle forze di polizia. Perduto l'incarico dopo due anni, si recò a Milano , dove venne assassinato nel 1507 per motivi mai chiariti.
    Per singola coincidenza, un mese dopo la sua morte anche Cesare Borgia perì sul campo di battaglia. 
    Per notizie più approfondite si può leggere qui.
  • Discussione Pessoa • 22/11/21 20:42
    Formatore stagisti - 419 interventi
    Sono rimasto colpito dai molti nudi femminili presenti nella pellicola, alcuni anche gratuiti. Visto l'anno di uscita sarebbe interessante capire se la versione integrale è uscita senza tagli nei cinema italiani e, nel caso, se ci siano stati divieti o limitazioni di età. Credo sia quasi impossibile, dati gli standard italiani dell'epoca, che possa essere stato proposto nelle sale così com'è.
    Qualcuno ne sa di più?
  • Discussione Caesars • 24/11/21 09:35
    Scrivano - 16481 interventi
    Pessoa ebbe a dire:
    Sono rimasto colpito dai molti nudi femminili presenti nella pellicola, alcuni anche gratuiti. Visto l'anno di uscita sarebbe interessante capire se la versione integrale è uscita senza tagli nei cinema italiani e, nel caso, se ci siano stati divieti o limitazioni di età. Credo sia quasi impossibile, dati gli standard italiani dell'epoca, che possa essere stato proposto nelle sale così com'è.
    Qualcuno ne sa di più?

    Sul sito
    Italiataglia
    puoi leggere le note al visto di censura (V.M.16) che impose qualche taglio
    Ultima modifica: 24/11/21 09:37 da Caesars
  • Discussione Pessoa • 25/11/21 17:50
    Formatore stagisti - 419 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Sul sito
    Italiataglia
    puoi leggere le note al visto di censura (V.M.16) che impose qualche taglio

    Grazie Caesars, effettivamente Italiataglia non mi era venuto in mente.