Love & secrets - Film (2010)

Love & secrets
Lo trovi su

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/01/12 DAL BENEMERITO DUSSO
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Dusso 16/01/12 18:40 - 1566 commenti

I gusti di Dusso

Film ispirato ad una storia realmente accaduta, quella del figlio di un grosso immobiliarista di New York coinvolto nella scomparsa mai chiarita della moglie. Il film lascia una testimonianza chiara di quel che ci vuol far intendere il regista, la Dunst si conferma come una delle migliori attrici di Hollywood. Buono.

Cotola 25/06/12 00:35 - 9176 commenti

I gusti di Cotola

Ispirandosi ad un fatto realmente accaduto (cambiando i nomi ed in parte le vicende), il regista costruisce il solito film incentrato sulle magagne di una famiglia ricca e su un personaggio disturbato con un passato oscuro. Mal gliene incoglie poichè l'interesse dello spettatore resta troppo flebile e non ci vuole molto a capire come andranno le cose. La parte finale ha qualche incongruenza di troppo. Corretta la confezione, mentre la regia è scialba e asettica. Si può tranquillamente vedere ma anche perdere. Uscito da noi con due anni di ritardo, a seguito del successo dei protagonisti.

Jandileida 16/10/12 22:19 - 1588 commenti

I gusti di Jandileida

Per la serie "anche i ricchi piangono e, sopratutto, non hanno posto per appendere le giacche perché gli armadi sono stracolmi di scheletri", ecco questo dimenticabile filmettino standard che nulla aggiunge e nulla toglie nella vita dell'appassionato di cinema. Tuttavia Gosling si mostra attore capace e, con una buona prova, rende il suo personaggio abbastanza inquietante. Per il resto nulla da segnalare: dalla mezz'ora in poi si capisce agevolmente tutto quello che c'è da capire cosa che rende superflui i restanti 60 minuti di pellicola. Regia media.

Nando 12/02/14 10:13 - 3838 commenti

I gusti di Nando

Un caso di cronaca giudiziaria americana ancora irrisolto in una pellicola che mostra una prima parte lineare e asciutta in cui i protagonisti sono ben delineati. Nella seconda parte le vicende, tra troppi flashback, si concatenano in maniera lievemente confusionaria. Gosling e la Dunst lavorano egregiamente variando gli stati d'animo a seconda del susseguirsi delle vicende.

Homesick 16/02/14 17:29 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Formalmente curato, stenta a condurre all’unitarietà i vari percorsi intrapresi dall’indecisa regia: la storia d’amore, la cronaca vera – il caso Robert Durst e di sua moglie - e il thriller con uno psicopatico traumatizzato dalla morte della madre e vittima del dispotismo paterno. Il camaleontico Gosling attesta il suo valore d’interprete in questi ruoli problematici (cfr. The believer e Drive), così come la Dunst dimostra di non essere un semplice abbellimento. Olimpico Langella.
MEMORABILE: Il cartello wellesiano “No trespassing” posto sul cancello di villa Marks.

Piero68 5/03/14 08:25 - 2961 commenti

I gusti di Piero68

I ritmi troppo lenti e i contorni eccessivamente "domestici" lo declassano da thriller a drammone familiare, seppur a tinte fosche. E non si può parlare nemmeno di "cold case" visto che la fase di indagine è solo un lungo racconto in flashback ambientato all'epoca dei fatti. Insomma, niente di nuovo sotto al sole con l'aggravante di parti decisamente noiose. La Dunst dimostra di saperci fare mentre Gosling ancora una volta mostra il suo essere ondivago, alternando pezzi di alta bravura come Driven a parti sotto la mediocrità come qui.

Didda23 5/03/14 09:29 - 2436 commenti

I gusti di Didda23

Senza se e senza ma un inguardabile pastrocchio, con una delle sceneggiature più orrende del cinema "mainstream". Registro narrativo che cambio più e più volte, con una seconda parte di irritante vacuità. Si salva dalla zero assoluto esclusivamente per le prove di Langella e Gosling; la Dunst (come al solito) è inutile e detestabile. Visto il pessimo risultato, la scelta di ripescarlo dopo due anni di silenzio non è stata così felice. Andrew Jarecki farebbe bene a tornare a girare documentari.

Herrkinski 18/06/17 23:53 - 8254 commenti

I gusti di Herrkinski

Titolo italiano abbastanza fuorviante per questo discreto thriller/noir, tratto da una storia vera, che vede nella coppia Gosling/Dunst la sua miglior ragione d'esistere; i due convincono, nonostante forse un po' troppo bellocci e riescono a mantenere l'attenzione dello spettatore per una buona parte del film; ma da quando la Dunst esce di scena la vicenda diventa meno interessante e il lavoro si esaurisce in alcuni cliché thriller non troppo coinvolgenti. Peccato, perché le premesse per un film più riuscito c'erano; comunque potabile.

Galbo 29/10/17 06:49 - 12457 commenti

I gusti di Galbo

Un sogno d’amore che sfocia progressivamente in un incubo. Aveva buone potenzialità il film di Jarecki, che può contare peraltro su un gruppo di attori versatili come Gosling e la Dunst autori di una prova soddisfacente e su una storia sufficientemente disturbante e intrigante per lo spettatore. Peccato che la narrazione sia confusa e il regista non riesca quasi mai a creare la tensione che la storia dovrebbe di per se alimentare. Banale il titolo italiano.

Daniela 19/07/18 01:23 - 12790 commenti

I gusti di Daniela

E' giovane, carino, gentile: "tutte cose buone", come recita il titolo originale? Come spesso accade, l'apparenza inganna e il felice legame coniugale si trasforma in poco tempo in una catena insopportabile... Da un caso di cronaca giudiziaria, un film con qualche pregio e non pochi difetti. Lo spunto è intrigante, la confezioni discreta, il cast fa il suo dovere anche nei ruoli di supporto (ottimo Langella padre protervo) ma l'alternanza dei piani temporali frantuma la tensione invece di rafforzarla ed alcuni passaggi risultano sbrigativi o troppo ellittici. Vedibile ma prometteva di più.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Una storia americanaSpazio vuotoLocandina The Jinx - La vita e le morti di Robert DurstSpazio vuotoLocandina Vai killer!Spazio vuotoLocandina Next door

Il ferrini 29/08/18 16:40 - 2429 commenti

I gusti di Il ferrini

Parte molto bene questo noir (di thriller ha ben poco) per poi andarsi a incartare nella seconda parte mettendo un po' troppa carne al fuoco. Il rapporto fra i due protagonisti è ben descritto, alcuni passaggi sono genuinamente inquietanti (il cane) e non si può dire che sia un film lento o noioso; tuttavia si ha l'impressione che la pellicola non decolli mai, forse colpa delle prove piuttosto incolori di Gosling e Dunst, del tutto monoespressivi, forse perché troppe situazioni non trovano soluzione (del resto sono casi irrisolti). Mediocre.

Anthonyvm 4/02/19 23:50 - 5893 commenti

I gusti di Anthonyvm

Si fatica a capire quali fossero gli intenti dell'operazione: un resoconto di fatti realmente avvenuti? Un thriller psicologico? Un crime movie con colpi di scena (scarsissimi)? La prima parte è interessante e il crescendo della tensione che va di pari passo con l'insorgere della follia di Gosling, per quanto di maniera, è efficace. A un certo punto si cambia registro: la moglie di Gosling scompare e fra sotterfugi, ricatti e omicidi si viene catapultati in un altro film, molto sciapo. Le scene di travestitismo depalmiano fanno ridere. Insulso.
MEMORABILE: Gosling che trascina la moglie via dal party tirandola per i capelli, senza che nessuno intervenga; Il mediocre make-up di Gosling da anziano.

Redeyes 31/12/18 07:56 - 2456 commenti

I gusti di Redeyes

Pellicola che potenzialmente potrebbe catturare eccome, vuoi per un ottimo cast, vuoi per location accattivanti, ma che ben presto si spegne con le sue emozioni. Apatici ci trasciniamo attraverso una storia (vera) che niente trasmette se non un certo tedio di sottofondo. L'introspezione dei personaggi è ai minimi storici, e anche lo stesso Gosling, seppur meglio disegnato, ha troppe lacune per soddisfarci. Proprio tutte cose buone non sembrano!
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.