Intrigo in alto mare

Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Liberamente (ma nemmeno troppo) ispirato alla vicenda dell'affondamento della nave da carico "Lucona" (che vediamo esplodere nell'incipit prima di retrocedere di un anno per capire da cosa nacque tutto), il film di Jack Gold ci accompagna nella Vienna del 1977, dove un bizzarro uomo d'affari consigliere dei potenti, Rudi Waltz (Suchet, senza i baffi di Poirot), fa il bello e il cattivo tempo in città grazie a ricatti, amicizie e intrighi. E chi sembra voler far luce su tanto potere, come il giornalista Hans Strasser (Prochnow), finisce presto minacciato o, alternativamente, blandito con inviti a serate orgiastiche di ogni tipo. Quello che però Waltz ha in mente (e che nel film per un bel po' non si delinea...Leggi tutto con sufficiente chiarezza) è una colossale truffa ai danni dell'assicurazione stipulata per un carico di uranio da inviare a Hong Kong partendo da Venezia. Il cargo, tuttavia, più che l'uranio trasformato promesso trasporta una bomba a orologeria programmata per esplodere al passaggio nei pressi dell'isola di Minicoy, a sud est dell'India. Sappiamo che la cosa avverrà (anche perché è la scena che si vede nell'incipit), ma sei membri dell'equipaggio riusciranno contro ogni previsione a salvarsi raccontando di aver capito della bomba e bloccando quindi almeno fino a indagine conclusa il pagamento da parte del'assicurazione. Basato in buona parte sul contrasto tra un Suchet ghignante, costantemente sopra le righe, perfido e spietato, e un Prochnow che si fa fin da subito l'incarnazione dell'onestà e del coraggio (costantemente con la sigaretta in bocca), il film inciampa spesso nell'esposizione dei fatti dando l'impressione che manchino dei passaggi (durante la costruzione della centrale "nucleare" da cui far partire l'uranio trasformato con tutto ciò che la cosa comporterebbe, ad esempio) o che alcune decisioni vengano prese con frettolosità scarsamente comprensibile (la scelta di Strasser di scrivere un libro sul caso...). Si tenta di dare grandiosità al progetto spostandosi dall'Austria a Hong Kong fino a Venezia, patria del losco trafficante d'armi interpretato da Franco Nero, ma l'impressione è al contrario quella di un prodotto raffazzonato, che talvolta rasenta la farsa o l'involontaria ridicolaggine, da tanta è la faciloneria in cui incorre. La vicenda è comunque piuttosto interessante e sufficientemente ramificata, quindi la voglia di scoprire come si concluderà è ciò che mantiene discretamente alta l'attenzione, nonostante qualche lungaggine evitabile e una lentezza di fondo che inchioda un po' troppo il film. Discrete le performance del cast, professionale quanto basta, ma assai modeste la fotografia e la ricostruzione storica del periodo. Gold insiste sulla gigioneria alla "Joker" del personaggio di Suchet, che nella seconda parte finisce pure col deformarsi il volto come se dovesse per forza assumere tragicomiche sembianze da antieroe romantico disperato. Delineate sommariamente ma in modo accettabile le figure di secondo piano, a cominciare dal corollario di onorevoli e ministri asserviti (fin troppo supinamente) ai voleri di Wolff, piuttosto sprecata Dominique Sanda come suo braccio destro. Monolitico Prochnow, Nero (ma si vede poco) impersona l'italiano più tipico, per quanto molto contenuto. Un po' di tensione in aumento nel finale, ma è poca cosa...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/05/21 DAL DAVINOTTI

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.