In the loop

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: In the loop
Anno: 2009
Genere: commedia (colore)
Note: Spin-off della serie britannica targata BBC "The Thick of It", diretta sempre dall'italo-scozzese Armando Iannucci.
Numero commenti presenti: 2
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

IN THE LOOP fa parte di quei film in cui con dialoghi velocissimi e camera a mano che si sposta in continuazione zoomando si comunica la frenetica attività di politici, generali e giornalisti che si muovono insieme nelle stanze del potere nei momenti di massima allerta. Sceneggiatura tagliente molto ricercata, personaggi decisamente ben disegnati, un parco attori capace e incisivo: il prodotto è indubbiamente di qualità e figure come quella magistralmente interpretata dallo scozzese Peter Capaldi (un torrente in piena, un fiume di volgarità creative ininterrotto) permettono al film di salire ancora di livello. E' lui a movimentare la scena, comunque vivacizzata anche da performance da non sottovalutare come quella del compianto James Gandolfini...Leggi tutto (è il generale, placido quanto inflessibile). Non esiste un vero protagonista, anche se il giovane ministro Simon Foster cui dà il volto il bravo Tom Hollander è sicuramente il più presente sul set; è lui a creare i primi imbarazzi parlando di “conflitto imprevedibile”: termini vaghi, ma che bastano alla stampa per montare un caso e far scattare i pesanti rimproveri dell'ambiente, le ritorsioni, le reazioni a catena che rimbalzano tra Casa Bianca e Onu passando per i ministeri. Non manca in tutto una satira intelligente che colpisce bersagli precisi attraverso battute salaci o atteggiamenti ad effetto (il fax sfasciato “live” per dimostrare che da lì è partito un comunicato che non doveva partire). Sembrerebbe insomma un'opera quasi perfetta e indubbiamente è studiata al punto da apparire come tale, nel suo genere, ma fa da contrappeso una certa pesantezza generale dovuta a una ripetitività comportamentale che a lungo andare rischia di annoiare. Tanta attenzione e accuratezza, in definitiva, stuccano; pur lasciando comunque l'impressione di aver assistito a uno spettacolo nettamente superiore alla media.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/11/10 DAL BENEMERITO HARRYS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 22/11/14
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Harrys 9/11/10 13:47 - 683 commenti

I gusti di Harrys

Mai titolazione fu più esplicativa. Una paccottiglia di politicanti (prevaricatori, tracotanti ed abietti) si ritrova suo malgrado (?) imbrigliata in un tourbillon diplomatico che suggellerà, nella modalità più orrorifica possible, la spirale del disgusto. Un chiaro Dottor Stranamore del 2000. Serratissimo, concitato, tanto da risultare difficoltoso da carpire appieno: la regia certamente non contribuisce, decisa a sua volta nell'assecondare l'ipercineticità dialettica. A suo modo rassicurante, perché dimostra che in fondo, Noi, siamo in "buona" compagnia...

Capannelle 1/05/21 10:51 - 3913 commenti

I gusti di Capannelle

E' un film che rimane impresso, fatto di dialoghi concitati sottolineati dalle inquadrature e dal montaggio frenetico, e da quella classica gara "a chi ce l'ha più lungo" esercitata per mezzo di sotterfugi continui e linguaggio da caserma. Alla fine tutto il girato segue questa modalità e l'insisterci troppo è un limite dell'opera ma ugualmente Iannucci riesce a condirla con trovate esilaranti che sconvolgono i protocolli politici con assurdità e dispetti al limite dell'infantile. E dirigendo alcuni interpreti senza freni come Capaldi, Gandolfini, Rasche o la Kennedy.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.