Il ritorno di Casanova

Media utenti
Titolo originale: Le retour de Casanova
Anno: 1992
Genere: commedia (colore)
Note: Liberamente tratto dal breve racconto omonimo di Arthur Schnitzler
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/05/14 DAL BENEMERITO KANON
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Kanon 16/05/14 21:59 - 596 commenti

I gusti di Kanon

Mon Dieu... goffa trasposizione, francamente esecrabile per la scelta di ridurre Casanova da seduttore a vecchio porcone con al séguito un servo volgarotto. Delon s'arrabatta come meglio può per donar charme alle sua affabulazioni ma il plot è sterilissimo, scremato com'è da tutta l'introspezione della novella e condotto come un'impacciata e svogliata pochade. Punte di ridicolo si raggiungono nel grottesco martirio della Boccardo. Sarebbe interessante recuperare lo sceneggiato Rai diretto da Campanile.

Panza 10/01/17 17:37 - 1503 commenti

I gusti di Panza

Dopo esser fuggito da Venezia, Casanova vaga per l'Europa con il suo servitore aspettando di essere richiamato in patria. Nonostante un Delon convincente, manca una caratterizzazione profonda a un personaggio che dovrebbe essere intriso da una certa aura malinconica e decadente, affine ai protagonisti dei romanzi dannunziani, che appare solo in alcuni frangenti (il finale veneziano e il duello). Il servitore pare più una spalla comica (che si poteva tranquillamente eliminare). Affascinanti le musiche di Coulais.
MEMORABILE: L'abate che urina su un porcospino mezzo stordito risvegliandolo.

Daniela 2/12/19 15:25 - 9640 commenti

I gusti di Daniela

Durante un soggiorno in una villa mantovana, l'ormai anziano Giacomo Casanova, intento alla stesura delle sue memorie, si prefigge di conquistare una fanciulla, nipote del suo ospite, che però pare preferirgli un altro spasimante... Mediocre trasposizione dello splendido romanzo breve di Schnitzler, della cui malinconica amarezza resta ben poco. Sulla carte adatto al ruolo, Delon risulta invece spento e poco convinto, Luchini nei panni del servo scaltro brilla meno del solito, Lunghini si limita ad essere graziosa, Cuny è una cartapecora. Poco da salvare, anche se la confezione è discreta.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Panza • 11/04/17 19:37
    Contratto a progetto - 4960 interventi
    L'illustrazione oscena che Casanova (Delon) mostra a Marcolina (Lunghini) per imbarazzarla è tratta dal romanzo Thérèse philosophe, attribuito a Jean-Baptiste Boyer d'Argens: