LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/12/07 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 7/12/07 17:57 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

L’unica regia dello scrittore Malaparte è incentrata su un paesino toscano che sconta i devastanti effetti sociali della guerra civile e fratricida del 1945, ben espressi dal volto addolorato della Morelli, da quello rassegnato della Varzi, dal sacrificio di Cuny, dall’energia marxista di Cervi e dalla furiosa declamazione finale di Vallone. Si susseguono momenti di delicata poesia, futili parentesi sdolcinate e parate di macabro folklore.

Enzus79 19/07/12 10:18 - 1848 commenti

I gusti di Enzus79

Film diretto dallo scrittore toscano Curzio Malaparte, che non brilla certo per direzione registica ma sicuramente è lodevole per la trama, che in certi casi tocca momenti di buona poesia. Gino Cervi si vede poco ma si mette in evidenza come il migliore del cast.

Pigro 24/01/14 12:56 - 7924 commenti

I gusti di Pigro

La ricerca del traditore diventa un ossessivo vagabondaggio nei labirinti d'un bellissimo paesello toscano e della mente umana. Omertà, desiderio di pacificazione o perdono in nome di una più alta giustizia che reclama il sangue degli innocenti? Film morale innestato su una tradizione neorealista che viene però piegata a un potente simbolismo concettuale e iconografico (a tratti dreyeriano), e reinventata con raffinatezza visiva (ed eleganti movimenti di macchina, dalla planata iniziale alla veglia sul morto). Visionario, viscerale e razionale.

Xabaras 11/04/17 21:14 - 189 commenti

I gusti di Xabaras

La pellicola ispira una riflessione sul termine "giustizia". Quando quella amministrata giorno dopo giorno da un manipolo di uomini su altri uomini è "uno schifo" (cit.), l'avvicendarsi del sacrificio di uno o più innocenti appare quale possibile metodo per la costruzione di una comune memoria storica in cui il valore di quella (in)giustizia possa palesarsi nitidamente senza l'imperfetta intermediazione di esseri giudicanti. Ma da Cristo in poi le età dimostrano che o troppo corta è la memoria umana o troppo egoistiche le ambizioni terrene.

Noodles 6/12/19 17:10 - 956 commenti

I gusti di Noodles

Curzio Malaparte, noto più che altro come scrittore, dimostra di saperci fare anche dietro la macchina da presa realizzando un film bello e interessante, con numerosi spunti riflessivi di rilievo impreziosito da un'ottima recitazione (sebbene a volte un po' sopra le righe) e da un'altrettanto valida fotografia. Musica, soggetto e sceneggiatura sono tutte sue. Un film evidentemente sentito e questo si sente nel corso della visione, lo si avverte dall'ottima regia, sempre intima. Una bella sorpresa.

Myvincent 9/03/20 17:50 - 2608 commenti

I gusti di Myvincent

Poveri Cristi reduci da una guerra spietata e inutile si domandano, increduli, sulla sorte che li aspetterà, all'esordio di una nuova epoca storica. Quando il regista discute sul significato dell'uomo e i suoi limiti raggiunge alte vette di riflessione (anche filosofica), poi si perde spesso in divagazioni francamente troppo sdolcinate che sfiorano l'affettazione e si perde il senso reale e drammatico del progetto.
MEMORABILE: Il doppiaggio troppo "professionale" sia di Raf Vallone che di Elena Varzi.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità B. Legnani • 5/10/11 18:45
    Consigliere - 14007 interventi
    Unica opera per il grande schermo diretta da MCurzio Malaparte. Morirà nel 1959, pochi anni dopo.
    Questa la lapide immaginata d Indro Montanelli (da Ricordi sott'odio, Rizzoli):
    QUI
    CURZIO MALAPARTE
    HA FINALMENTE
    CESSATO
    DI PIANGERSI
    DI COMPIANGERSI
    E DI RIMPIANGERSI.
    IMITATELO.