LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/06/10 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 1/06/10 08:59 - 9036 commenti

I gusti di Pigro

La storia di Münchausen riveduta, col barone che dalla luna scende sulla terra con un astronauta, rivale in amore, affrontando con immutata fantasia le sue mirabolanti avventure. Veramente delizioso, sia per la reinvenzione tra antico e moderno, sia per la tecnica accuratissima (attori su fondi disegnati, cromatismi e altre animazioni) che consente agli autori invenzioni visive di grande fascino. Un film godibilissimo, forse dal ritmo un po' lento, ma capace di una poesia (e ironia) dell'immagine di rara efficacia.

Cotola 8/04/12 20:16 - 8507 commenti

I gusti di Cotola

Deliziante pellicola in cui Zeman continua a perseguire la sua idea di cinema fantastico, immergentesi nei più profondi abissi del meraviglioso. Se c'è un cinema che si avvicina al genuino spirito "primordiale" di quello di Méliès è proprio quello del cecoslovacco. Idee a profusione, stile da vendere, fantasmagorìe visive (siamo appena all'inizio dei Sessanta) e tanto altro ancora. Qualche piccola falla ogni tanto nel ritmo, ma il divertimento è assicurato. Attenzione: le stilettate verbali sono una pura invenzione del doppiaggio!

Daniela 27/12/12 12:37 - 11836 commenti

I gusti di Daniela

Il celebre barone, da tempo trasferitosi sul nostro satellite, ritorna sulla Terra in compagnia di un moderno "lunatico", libera una principessa rapita dal sultano ma senza riuscire a conquistarne il cuore, affronta mille avventure con il solito savoir-faire... Deliziosa variazione favolistica che, fondendo varie tecniche d'animazione secondo il geniale stile di Zeman, regala perle di mélièsiana poesia, trompe-oil a profusione, quadri in movimento di raffinata ingenuità. Da vedere in originale sottotitolato, per evitare lo spirito di patata del doppiaggio italiano.
MEMORABILE: La cavalcata sul fondo dell'oceano in sella al cavalluccio marino

Black hole 9/04/15 10:56 - 142 commenti

I gusti di Black hole

Opera fantastica che di sicuro ha un pregio: è il film in bianco e nero più colorato al mondo. La storia del "lunatico" barone, dell'astronauta Tonino e della principessa Bianca si snoda tra capolavori grafici, scenografie arabescate splendidamente disegnate; filtri colorati fondono parti recitate e parti animate: sultani turchi, duelli cappa e spada, creature fantastiche, galeoni fumanti e balene che riportano a Collodi. Zeman crea, più che un film, un'autentica tela animata, su cui questo personaggio bizzarro si posa alla perfezione.

Rufus68 8/03/19 22:24 - 3608 commenti

I gusti di Rufus68

Uno dei vertici di Zeman, in cui la felicità ariostesca nel proporre avventure e personaggi ben si sposa a uno stile antinaturalistico e, perciò, compiutamente fantastico. La commistione fra attori reali e scenografie artificiali (apparentemente semplici, ma accuratamente cesellate), le continue invenzioni visive ottenute con un mestiere di alto artigianato rimandano alle origini del cinema (Méliès in primis) quando il tono naïf di certe soluzioni vantava la delicata raffinatezza della fiaba. Notevole.

Belfagor 17/06/22 00:00 - 2661 commenti

I gusti di Belfagor

Il volo spaziale è ormai realtà, ma questo non impedisce a un cosmonauta di essere trascinato nelle avventure del barone. Allo stesso modo, il cinema di Zeman conferisce un dinamismo moderno alle ispirazioni letterarie e soprattutto alle scenografie squisitamente dettagliate, che richiamano le incisioni di Doré. Un'opera che sfrutta appieno la natura della settima arte quale sintesi delle precedenti, con un approccio umoristico e carico di entusiasmo verso l'inventiva umana.
MEMORABILE: Il fonografo sulla Luna.

Karel Zeman HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Digital • 26/07/11 11:47
    Portaborse - 3651 interventi


    Il 18 ottobre la benemerita Sinister Film pubblica un cofanetto contenente tre film del maestro Karel Zeman : Il barone di Munchhausen, L'arca del sig. Servadac e I Ragazzi Del Capitano Nemo.
  • Curiosità Cotola • 8/04/12 19:56
    Consigliere avanzato - 3759 interventi
    Devo purtroppo segnalare che il doppiaggio italiano di questo film è vergognoso: non tanto
    per la qualità delle voci ma poiché, cosa ben
    più grave, oltre a modificare in modo inopportuno la sceneggiatura originale (con battute che si rifanno all'epoca contemporanea)
    aggiunge intere frasi o dialoghi che nel film originale non ci sono affato. L'ho scoperto poichè insospettitomi per alcune parole e battute troppo calzanti ai nostri tempi per essere davvero del 1961, ho rivisto le scene incriminate in lingua originale con i sottotitoli e ho così avuto delle amare sorprese

    Esempi: ad un certo punto il barone e Tonik devono aprire una porta chiusa. Provano a prenderla a spallate prima l'uno e poi l'altro senza risultato. Poi provano a farlo insieme ma nulla. A questo punto arriva la principessa che la apre senza problemi trattandosi di una porta a scorrimento laterale. Questo in originale.
    Il doppiaggio non solo ha aggiunto alcune battute tra il barone e Tonik riguardanti il modo di aprire la porta ma anche la seguente battuta della principessa "Bustarella" dopo la quale la porta si apre magicamente. Il riferimento è chiaro e come se non bastasse c'è anche la voce del narratore che aggiunge "parola chiave che andrà avanti nei secoli".

    Atro esempio

    Ad un certo punto il barone vola su una palla
    di cannone per fare l'inventario delle forze nemiche. Ebbene circa le palle di cannone dice:
    "Palle in giro? E chi le può contare. Troppe. Sembra di leggere un manifesto elettorale" Qui invece non è stata aggiunta una battuta di sana pianta come nel caso precedente, ma è stata però profondamente modificata. In ceco, infatti, il barone dice: "Le palle di cannone erano così tante che è stato più facile invertire la rotta e tornare al campo". Ma io dico: possibile snaturare in questo modo i dialoghi di un film?
  • Discussione Zender • 9/04/12 07:37
    Pianificazione e progetti - 46424 interventi
    Cotola ebbe a dire:
    Devo purtroppo segnalare che il doppiaggio italiano di questo film è vergognoso: non tanto
    per la qualità delle voci ma poiché, cosa ben
    più grave, oltre a modificare in modo inopportuno la sceneggiatura originale (con battute che si rifanno all'epoca contemporanea)
    aggiunge intere frasi o dialoghi che nel film originale non ci sono affato. L'ho scoperto poichè insospettitomi per alcune parole e battute troppo calzanti ai nostri tempi per essere davvero del 1961, ho rivisto le scene incriminate in lingua originale con i sottotitoli e ho così avuto delle amare sorprese

    Esempi: ad un certo punto il barone e Tonik devono aprire una porta chiusa. Provano a prenderla a spallate prima l'uno e poi l'altro senza risultato. Poi provano a farlo insieme ma nulla. A questo punto arriva la principessa che la apre senza problemi trattandosi di una porta a scorrimento laterale. Questo in originale.
    Il doppiaggio non solo ha aggiunto alcune battute tra il barone e Tonik riguardanti il modo di aprire la porta ma anche la seguente battuta della principessa "Bustarella" dopo la quale la porta si apre magicamente. Il riferimento è chiaro e come se non bastasse c'è anche la voce del narratore che aggiunge "parola chiave che andrà avanti nei secoli".

    Atro esempio

    Ad un certo punto il barone vola su una palla
    di cannone per fare l'inventario delle forze nemiche. Ebbene circa le palle di cannone dice:
    "Palle in giro? E chi le può contare. Troppe. Sembra di leggere un manifesto elettorale" Qui invece non è stata aggiunta una battuta di sana pianta come nel caso precedente, ma è stata però profondamente modificata. In ceco, infatti, il barone dice: "Le palle di cannone erano così tante che è stato più facile invertire la rotta e tornare al campo". Ma io dico: possibile snaturare in questo modo i dialoghi di un film?

    Io non mi scandalizzerei troppo Cotola: traduzioni arbitrarie ben più terrificanti erano all'ordine del giorno, in quegli anni. Ci si prendevano libertà senza preoccuparsi troppo del fatto che qualcuno (pochi, a quel tempo) se ne sarebbe potuto accorgere.
    Ultima modifica: 9/04/12 07:38 da Zender
  • Discussione Pigro • 9/04/12 10:09
    Consigliere avanzato - 1613 interventi
    A questo proposito ricordo il doppiaggio forse più ignobile, per l'arbitrarietà assoluta delle parole scelte, quello di Fritz il gatto: praticamente tutta un'altra storia rispetto all'originale! Ho dovuto interrompere la visione dopo mezz'ora e aspettare un'occasione per vedere l'originale, perché in italiano era assolutamente inascoltabile.
    Fortunatamente questo di Zeman l'ho visto direttamente in originale coi sottotitoli, così come Solaris che, a quanto ho letto, pare essere un altro capolavoro di traduzione arbitraria.
  • Homevideo Xtron • 17/09/12 09:13
    Servizio caffè - 2040 interventi
    Il dvd Sinister contenuto nel cofanetto Karel Zeman Collection ha una durata di 1h20m07s
    Gli altri film del cofanetto sono I ragazzi del capitano Nemo e L'arca del signor Servadac