Guida galattica per autostoppisti

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The Hitchhiker's Guide to the Galaxy
Anno: 2005
Genere: fantascienza (colore)
Note: E non "La guida galattica per gli autostoppisti". Tratto dal romanzo omonimo di Douglas Adams
Numero commenti presenti: 19
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Dal celebre romanzo fanta-comico del defunto Douglas Adams (che lo scrisse nel 1980), un film in grado di mantenere inalterati pregi e difetti del (sopravvalutato) testo originario. Di nuovo infatti ci troviamo di fronte a trovate assolutamente geniali e umoristicamente innovative che si mescolano con fasi di stanca durante le quali la spinta comica viene frenata da lungaggini inutilmente lambiccate. La storia dell’autostoppista spaziale improvvisato Arthur Dent, in fuga dalla Terra distrutta per fare spazio a un'autostrada stellare, è simpatica, bizzarra, ricca di personaggi curiosi (eccezionale la resa del robottone depresso, che sembra la caricatura di un qualsiasi droide di GUERRE STELLARI...Leggi tutto al quale si aggiungano una testa enorme, gambe corte e pancetta). Purtroppo un cast mediocre (quasi tutto inglese, data l'origine del film), una sceneggiatura con qualche buco di troppo (non tutto appare chiaro), una buona dose di battute tanto ingenue da risultare quasi imbarazzanti finiscono col penalizzare l’insieme. La stessa idea della guida (che nel libro veniva descritta argutamente), riportata su schermo con dovizia di animazioni e l'inevitabile voce off necessaria a mantenere almeno in parte lo stile narrativo di Adams, perde molto del suo fascino e diventa un inutile orpello. Effetti speciali baracconeschi e una confusione generalizzata in sede di regia impediscono al film di acquistare la personalità che avrebbe potuto superare i limiti del libro. Adams compare ancora come sceneggiatore e produttore esecutivo.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 15/01/07 10:50 - 4526 commenti

I gusti di Puppigallo

Il film non è completamente riuscito, anche se ha il pregio di cogliere l'ironia dello scrittore Douglas Adams; e non è poco. Ci sono tantissime idee e la voce fuori campo che spiega la peculiarità della guida con animazioni è azzeccata. Il vero punto debole sembra essere il cast. L'unico veramente in parte è il bicefalo Presidente della Galassia. Geniale il robot depresso, assieme al motore a improbabilità, ai creatori di mondi e al super computer Pensiero Profondo. Consigliabile, ma solo a chi apprezza la fantascienza con vena umoristica.

caesars 2/02/07 12:37 - 2768 commenti

I gusti di caesars

Per parlare di questo film devo prima spiegare la mia "relazione" col libro da cui è stato tratto. Mi aspettavo molto divertimento dal libro e tale attesa è stata solo parzialmente confermata dalla sua lettura. L'idea di partenza e' sicuramente valida ma lo svolgimento della storia non sempre mi è sembrato all'altezza. Il film rispecchia molto il libro ma purtroppo, come spesso succede, risulta inferiore all'origine letteraria. Quindi una pellicola discreta ma velocemente dimenticabile.

Flazich 6/03/07 11:16 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Indubbiamente il film è carino, ma nulla di più. La cosa più divertente è la trasformazione dell'astronave e tutto quello che ne consegue. Le idee non mancano eppure sin dall'inizio c'è qualcosa che fa storcere il naso. Quel qualcosa non sono riuscito ad individuarlo, probabilmente è solo una sensazione: una mancanza di feeling tra me e il film. Una visione se la merita (con il rischio però di dimenticare tutto dopo cinque minuti).

Fabbiu 24/04/07 10:18 - 1954 commenti

I gusti di Fabbiu

Senza aver letto il libro sono rimasto colpito dal film per la quantità di elementi a dir poco geniali (architetti che costruiscono una copia della terra, il robot con manie depressive, topi che fanno esperimenti sugli uomini, alieni fissati con le norme burocratiche, motori a improbabilità); gli effetti speciali sono bellissimi e le animazioni della guida molto divertenti. I punti deboli: la voce off e certe battute poco riuscite, unite a una confusione totale che rende sbrigative e poco chiare certe scene. Ma nel complesso è molto godibile.

Blutarsky 19/12/07 17:55 - 353 commenti

I gusti di Blutarsky

Il film è una commedia che diverte in alcuni momenti ma in cui si è persa per strada la satira e l’ironia pungente del testo originale (nonostante la sceneggiatura dello stesso Adams) e alla fine si ricordano solo gli effetti speciali, le scenografie e le ottime animazioni della guida. A parte Rockwell gli attori principali sono fuori parte (da fucilazione Mos Def) e i ruoli scritti appositamente per il film inconsistenti (che senso ha il personaggio di Malkovich?). Un'occasione sprecata.

Cif 14/06/09 10:47 - 272 commenti

I gusti di Cif

Film di una originalità assoluta, spariglia le carte di un intero genere, la fantascienza. Personaggi demenziali, molte battute simpatiche (qualcuna meno) e trovate e piccoli particolari assolutamente esilaranti, se si ha l'occhio di coglierli. Una comicità vicina a quella del trio Abrahams/Zucker/Zucker. Insomma una coloratissima fiaba piena di effettini ed effettoni. Qualche passaggio a vuoto assolutamente perdonabile. Tre meritati pallini.
MEMORABILE: L'autostoppismo galattico tout court. Ed anche la liturgia dello starnuto.

Tarabas 2/03/10 10:38 - 1720 commenti

I gusti di Tarabas

È piuttosto ambizioso tentare di parlare della vita, dell'universo e di tutto quanto in un film, cercando al contempo di essere spiritosamente British e Pythonianamente spiazzanti in ogni inquadratura. Difatti il regista non ci riesce, nonostante effetti speciali azzeccati e funzionali alla storia, che però rientra nel filone della filosofia spicciola con morale ecologista. Pythonianamente, ci sono 30 minuti irresistibili, belle trovate, ma nel complesso il film funziona poco, anche per il cast piuttosto modesto.
MEMORABILE: "Lasciate fare a me, sono inglese, so come si sta in coda".

Mdmaster 12/12/10 17:07 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Trasposizione cinematografica di lunga gestazione, penalizzata da un cast a tratti non brillante. Rockwell e Freeman son più che bravini e Malkovich straordinario (pur se in una particina), invece Mos Def l'ho trovato fuori parte e la Zooey niente di che. Fortunatamente la visione del regista e gli effetti sono ottimi, il ritmo cala solo a momenti e le trovate umoristiche di Adams rimangono inalterate nella loro originalità e forza. Ipercriticato all'uscita, è comunque un film gradevole, probabilmente più adatto per chi non ha letto il libro.

Pigro 6/01/11 10:10 - 7914 commenti

I gusti di Pigro

Ho la vaga sensazione che questo film dovesse muovere al riso, ma penso di non essere mai stato così annoiato come vedendo quest'obbrobrio. La cosa più pietosa è l'evidente (e fallita) emulazione dei Monty Python e di Mel Brooks in una chiassosa accozzaglia di banalità insulse. Non solo la storiella del girovagare nello spazio dopo la distruzione della terra: c'è pure la voce fuori campo a infierire con elucubrazioni di infimo umorismo! Non so come sia il libro originario, ma purtroppo ho scoperto il film che ne è venuto fuori: mai più!

Galbo 28/06/11 07:18 - 11452 commenti

I gusti di Galbo

Tratto da un serial radiofonico inglese degli anni '70 e poi da un ciclo di libri umoristici, Guida galattica per autostoppisti non è un film completamente riuscito. L'idea di partenza è buona e il genere (quello della commedia demenziale fantascientifica) potenzialmente fruttuoso ma le gag non sono sempre "centrate" (a dirla tutta a volte si ride poco e niente) ed anche il ritmo spesso latita. Buona la prova degli attori. Mediocre.

Ishiwara 25/06/11 18:01 - 214 commenti

I gusti di Ishiwara

I libri di Adams erano davvero godibili, non altrettanto si può dire di questo film. Si scende molto di livello soprattutto causa attori di scarso livello (Malkovich fa tappezzeria) ed una realizzazione scadente. Trasporre un umorismo prettamente verbale in gag visive è difficile, ma qui non ci si è sforzati proprio. Effetti speciali abbastanza modesti. Insomma, se il film ha qualche pregio è solo di far riscoprire l'opera di Adams al pubblico: leggendo la sua "trilogia in cinque parti" ci si poteva aspettare di meglio, da una trasposizione.

Ryo 18/03/12 18:14 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Commedia fantascientifica davvero particolare, con un'ampia varietà di idee e di trovate e spunti originali, cosi numerosa da avere materiale sufficiente per sequel, serie TV e spin-off. Strambi e originali i personaggi: formidabile quello di John Malkovich ma anche il capitano con doppia testa, il nero fissato con l'asciugamano, il protagonista con accappatoio per tutto il film (!) e il robot depresso. Non si ride a crepapelle ma si trascorre sicuramente un'ora e mezzo con buonumore. Frecciatine pungenti alla società odierna.
MEMORABILE: Il capello pensante che funziona spremendo un arancia; L'arma che fa vedere le cose dal punto di vista di chi spara!

Daniela 21/03/12 14:03 - 9649 commenti

I gusti di Daniela

L'impressione è quella di ascoltare una barzelletta non solo tirata troppo per le lunghe ma raccontata pure nel modo sbagliato. Certo, alcune invenzioni visive sono carine, un paio di gags ed alcune animazioni simpatiche, ma per il resto non funziona quasi nulla, a cominciare dal cast male assortito fino alla voce fuori campo che pronuncia battute lesse come se fossero il massimo della spiritosaggine. Insomma, gran noia: forse deriva dal fatto che non avevo letto il libro PRIMA? ma certo non mi è venuta voglia di leggerlo DOPO...

Paulaster 16/03/17 10:29 - 2869 commenti

I gusti di Paulaster

Si approfitta di un romanzo cult per creare un insieme demenziale, ma alla fine resta il nonsense. A parte la distruzione del pianeta, la trama fantascientifica sembra indirizzata a un'ingenuità eccessiva. Indispone Rockwell con una testa, figurarsi con due (e Malkovich non ha nulla di cui vantarsi). Forse vuol essere generazionale, forse vuol essere divertente: resta inguardabile.
MEMORABILE: I delfini.

Il ferrini 7/11/17 23:59 - 1734 commenti

I gusti di Il ferrini

Il talento visionario di Jennings, che si confermerà con Sing, all'opera su un folle script ideato per una trasmissione radiofonica. Lontanissima dalla fantascienza, questa commedia fantastica può vantare un cast di tutto rispetto dal quale emerge senza dubbio Sam Rockwell, che dopo qualche anno tornerà sulla "luna" e che qui è nientemeno che imperatore della galassia. Esilarante il robottino depresso, vero eroe della storia, ma simpatico anche il computer perennemente euforico. Si ride spesso e le (quasi) due ore scorrono lietamente.

Thedude94 6/08/18 12:23 - 615 commenti

I gusti di Thedude94

Simpatica trasposizione cinematografica dell'opera di Douglas Adams, ben diretta da Jennings e buoni effetti speciali che donano vita ai personaggi inventati dallo scrittore. Bravi anche gli attori, in particolar modo Freeman e Rockwell, mentre un po' sottotono è la figura femminile messa in mostra dalla Deschanel. Comunque nel complesso un film leggero, godibile e che ricalca perfettamente lo spirito sagace e intellettuale del capolavoro dal quale è tratto.

Xamini 16/09/18 23:47 - 1026 commenti

I gusti di Xamini

Non si può dire che si discosti così tanto dall'opera letteraria di Adams, eppure tutta questa demenzialità confezionata per il grande schermo coinvolge forse solo nei primi minuti, per poi portare allo sbadiglio, piuttosto che alla risata. Forse un film con un'estetica del genere patisce l'età più di altri (ora ha la bellezza di 13 anni) o forse è un genere di ironia che ha fatto il suo corso e che non ha mai saputo travolgermi.

Aco 13/10/19 22:11 - 59 commenti

I gusti di Aco

Infelicissima trasposizione cinematografica di un’opera di culto della fantascienza, il primo volume della celebre Guida Galattica per autostoppisti. La storia assomiglia soltanto a quella del libro, è priva di mordente (annoia, a essere precisi), i personaggi sono mal riprodotti, la soluzione per rappresentare le due teste di Zaphod Beeblebrox priva di fantasia, gli attori non adatti al ruolo. Da non consigliarne la visione.

Pesten 7/04/20 20:47 - 646 commenti

I gusti di Pesten

Il sogno del fu Douglas Adams si avvera in maniera postuma con questo film, che raccoglie in maniera striminzita elementi tratti dai primi tre romanzi della sua epopea fantascientifica. L'universo creato dallo scrittore è molto interessante e particolare, riportato su schermo con quel classico umorismo inglese che a lungo andare può sembrare un po stantio. Ottime soluzioni a livello grafico, soprattutto quando si tratta di rappresentare creature di altri mondi. Si ride, non troppo ahimè, ma non è da buttare.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Hackett • 13/04/08 15:23
    Segretario - 531 interventi
    Ho visto il film e l'ho trovato divertente ma effettivamente il libro mi ispirerebbe di più...
    me lo consigli?
  • Discussione Zender • 13/04/08 16:05
    Consigliere - 43743 interventi
    Te lo consiglio in quanto classicissimo, nel suo genere. Personalmente ho sempre trovato più interessante, originale e spiritoso Fredric Brown, all'interno della fantascienza tendenzialmente comica, ma devo ammettere che anche questo libro (che ha avuto altri seguiti e un ottimo successo) ha dei momenti e delle trovate esilaranti. Come minimo va conosciuto, per quel che è il mio parere. Poi non aspettarti un capolavoro, ecco.
  • Discussione Hackett • 13/04/08 21:18
    Segretario - 531 interventi
    si lo proverò senz'altro! io amo molto anche Plahniuk che in quanto a stranezze non se la cava male ;)
  • Discussione Zender • 14/04/08 08:31
    Consigliere - 43743 interventi
    Beh, Palahniuk non ha molto a che vedere con Adams. Se ti aspetti qualcosa di simile non ci provare nemmeno :)
  • Discussione Blutarsky • 14/04/08 18:16
    Servizio caffè - 327 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Beh, Palahniuk non ha molto a che vedere con Adams. Se ti aspetti qualcosa di simile non ci provare nemmeno :)
    quoto Zender, Adams non ha niente a che vedere con Palahniuk, ne per tematiche ne per tipo di scrittura.
    i libri della saga degli "autostoppisti" non sono impegnativi, ma sono piacevoli da leggere, grazie all'ottimo humor di Adams di chiara matrice Pythoniana.
  • Discussione Hackett • 14/04/08 20:16
    Segretario - 531 interventi
    Blutarsky ebbe a dire:

    i libri della saga degli "autostoppisti" non sono impegnativi, ma sono piacevoli da leggere, grazie all'ottimo humor di Adams di chiara matrice Pythoniana.


    Questo è un motivo più che valido per provare questo autore ;)
  • Discussione Blutarsky • 26/03/10 19:00
    Servizio caffè - 327 interventi
    nel cast del film bisognerebbe dividere Bill Nighy da John Malkovich
  • Discussione Zender • 27/03/10 09:16
    Consigliere - 43743 interventi
    Esattamente, bravo Blutarsky. Fatto.
  • Homevideo Gestarsh99 • 3/12/11 00:15
    Scrivano - 15092 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Walt Disney Studios Home Entertainment:



    DATI TECNICI

    * Formato video 2,35:1 Anamorfico 1080p