Gioventù, amore e rabbia

Media utenti
Titolo originale: The Loneliness of the Long Distance Runner
Anno: 1962
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Gioventù amore e rabbia".
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/08/13 DAL BENEMERITO REBIS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rebis 29/08/13 20:36 - 2111 commenti

I gusti di Rebis

In riformatorio per furto, Colin Smith si riscatterà con le sue doti da fondista… Richardson, da un romanzo di Alan Sillitoe, indaga la complessità dei rapporti che legano il soggetto alle istituzioni (familiari, educative) garanti di una presunta integrazione nella collettività, e trova nella corsa del maratoneta una metafora vincente dell'azione individuale che ha compimento in sé: la resa finale di Colin è un tentativo estremo, paradossale di boicottare la logica del sistema. Lo spirito del "free cinema" conferisce alle immagini - bellissime - irrequietudine e urgenza. Emozionante.
MEMORABILE: Il titolo originale, paradigma di tutto il film. Le corse a perdifiato nei boschi. Il finale.

Pigro 30/11/13 17:19 - 8323 commenti

I gusti di Pigro

Altro che gioventù bruciata: nell’Inghilterra delle classi disagiate di provincia la gioventù nasce bruciata in partenza dalle condizioni sociali, dove famiglia, città e (inevitabile) riformatorio, tracciano la mappa di una gabbia che blandisce ma non lascia vie di fuga. Anzi, sì, solo una: lo stallo, paradosso estremo per un corridore come è il protagonista. Film incalzante, ruvido, graffiante, che lascia il segno grazie all’occhio lucido e spregiudicato di Richardson e alla maschera beffarda e inquieta di Courtenay.

Daniela 1/03/14 16:20 - 10132 commenti

I gusti di Daniela

Un ragazzo di modeste origini, con una situazione familiare disastrata, finisce in riformatorio dopo un tentativo di furto. Il direttore, appassionato di sport, ne fiuta le grandi doti come fondista e lo fa allenare in vista dell'annuale corsa che contrappone i ragazzi dell'istituto con quelli di un prestigioso college... Più che nel verboso esordio, è con questo film che Richardson diventa l'alfiere del free cinema inglese, grazie alla belle sceneggiatura scritta da Sillitoe, già autore del romanzo breve, e alla prova di Courtenay, il cui sguardo del finale vale più di mille parole.
MEMORABILE: Il finale è davvero uno di quelli per cui il termine "indimenticabile" non è affatto esagerato

Pol 21/08/16 22:01 - 589 commenti

I gusti di Pol

Mi sono bastati pochi minuti per rendermi conto di essere di fronte a un grande film. Fosse anche solo per la nervosa interpretazione di Courtenay il film meriterebbe di essere visto, ma non voglio fare un torto a un'opera che riesce a parlare dei giovani (e ai giovani) risultando attuale dopo 50 e passa anni. L'influenza della nouvelle vague è lampante nel voler rompere certi schemi narrativi e stilistici, ma la compattezza del racconto non è mai sacrificata alla forma: solo le musiche risultano eccessivamente fuori contesto. Comunque capolavoro.

B. Legnani 23/06/20 13:54 - 4894 commenti

I gusti di B. Legnani

La terribile bellezza del finale rischia di far passare in secondo piano il resto, ma ne valeva la pena, perché la conclusione riesce nella impresa di essere liberatoria per chi mette in atto il gesto e punitivamente castrante verso lo spettatore, anche in virtù delle splendide riprese della corsa, prima dell'atto finale, che anche per questo diventa uno dei più indimenticabili mai visti. Ottime interpretazioni, linguaggio secco, costruzione passo per passo convincente. Opera originale per il meccanismo anti-sistema, ovviamente già presente nel libro di Alan Sillitoe.

Paulaster 25/02/21 09:36 - 3068 commenti

I gusti di Paulaster

Detenuto al riformatorio dimostra qualità podistiche. L'ambiente è povero e suburbano, ma l'attenzione non è rivolta alla delinquenza sbandata bensì alla ribellione all'ordine precostituito da ragazzi perdigiorno. A volte addirittura il registro sfiora l'operetta con qualche inquadratura accelerata. Il pregio del film è in fase di montaggio, con l'inserimento fluido dei flashback specie nei momenti di corsa campestre. Il fallito senso di rieducazione del carcere minorile non viene accentuato, anche se la critica politica è presente.
MEMORABILE: Il nascondiglio della cassetta nel vaso; La madre che ritira i soldi dell'assicurazione del marito defunto; Le scarpe da corsa di pelle.

Tony Richardson HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 1/03/14 16:32
    Gran Burattinaio - 5470 interventi
    Soggetto tratto dal romanzo breve di Alan Sillitoe "The Loneliness of the Long Distance Runner", pubblicato in Italia nel 1959 col titolo "La solitudine del maratoneta".
    Sillitoe è anche autore della sceneggiatura del film. Lo stesso era avvenuto due anni prima con un altro suo romanzo: "Saturday Night and Sunday Morning"(in italiano "Sabato sera, domenica mattina"), da lui sceneggiato e diretto da Karel Reisz.
  • Homevideo Digital • 23/05/15 09:42
    Portaborse - 3179 interventi
    Dvd della Golem disponibile dal 22/07/2015 (ristampa).