Chi ha ucciso Bella Sherman?

Media utenti
Titolo originale: La mort de Belle
Anno: 1961
Genere: giallo (bianco e nero)
Note: E non "Chi ha ucciso Bella Shermann?". Tratto dall'omonimo libro di Simenon.
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/04/15 DAL BENEMERITO GIùAN
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Giùan 1/04/15 23:20 - 3132 commenti

I gusti di Giùan

Studentessa americana in trasferta svizzera viene trovata uccisa: i sospetti s'appunteranno sul padrone di casa presso cui era ospite. Notevole quanto misconosciuto adattamento del saccheggiatissimo (cinematograficamente parlando) Simenon, il film dell'"insospettabile" Molinaro (futuro regista di commedie fracassone e/o "sciocchine") restituisce con rigore e asciuttezza di stile un microcosmo algido e frigido (M.me Blanchon), corrotto e ipocritamente velenoso (il giudice di Monod). Livido e impietoso, soffre di qualche catatonia ritmica ma si fa ricordare.
MEMORABILE: Desailly che durante la notte "brava" si lascia progressivamente andare, fino all'abbrutimento e all'ubriacatura.

Myvincent 8/02/16 08:45 - 2662 commenti

I gusti di Myvincent

Il misterioso assassinio di una giovane studentessa molto disinibita sessualmente getta i sospetti su un professore quarantenne che la ospita ma, ancora di più, apre a nuove rivelazioni sul loro mondo interiore. Insomma, un giallo "sociale"; per di più girato con stile asciutto e con un ritmo sottilmente teso, fino all'epilogo.

Daniela 13/01/20 08:35 - 9839 commenti

I gusti di Daniela

Quando una studentessa americana viene trovata assassinata dentro la casa della coppia ginevrina che la ospitava, i sospetti si concentrano sul marito, un professore mite e schivo... Regista discontinuo, Molinaro qui firma la sua opera in chiave "seria" migliore: un thriller morale tratto dal raffinato romanzo di Simenon che trova in Desailly, già sospettato eccellente nel Maigret di Delannoy, un interprete adeguato, fratello ideale di Hire, altro umiliato ed offeso simenoniano. Un film rigoroso in cui il giallo resta sullo sfondo per far emergere un ritratto ambientale lucido e crudele.
MEMORABILE: Il giudice istruttore, in apparenza amichevole, che già in partenza ha emesso il suo verdetto; La deriva alcolica nell'epilogo

Jacques Monod HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.