Bronx - Film (2020)

Bronx
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/11/20 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 1/11/20 06:10 - 12420 commenti

I gusti di Galbo

La città di Marsiglia fa da sfondo ad una guerra tra bande criminali, con la complicità di poliziotti corrotti. Polar diretto dallo specialista (ed ex poliziotto) Olivier Marchal e prodotto da Netflix, un film in cui nessun personaggio è esente da ambiguità a partire dai poliziotti (unità anti gang e anti droga), i cui metodi sono assai poco ortodossi. Un film crudo, non originale ma ben realizzato in cui la violenza è funzionale alla trama e il cast annovera un cast molto ben scelto, con la presenza per la verità poco incisiva di Jean Reno e di Claudia Cardinale. 

Tarabas 2/11/20 10:22 - 1878 commenti

I gusti di Tarabas

Marchal è una garanzia per quanto riguarda il polar contemporaneo, genere nel quale ha messo a  segno almeno un capolavoro. Qui non aggiunge molto al catalogo dei tipi (umani, scenici, narrativi) ma il film è solido e avvincente, anche se spreca il peso massimo Reno in un ruolo di assoluto contorno. Per il resto, la assolata (e tuttavia torbida) Marsiglia delle lotte tra clan (corsi contro maghrebini, nello specifico) è uno scenario funzionale per queste storie. Cast non particolarmente noto alle nostre latitudini, ma ben scelto e ben diretto. Più che buono.

Nicola81 9/11/20 16:58 - 2873 commenti

I gusti di Nicola81

Corsi e magrebini in lotta per il monopolio del traffico di droga a Marsiglia, ma anche i poliziotti che dovrebbero sgominarli hanno i loro scheletri nell'armadio (se anche non sono corrotti, giocano comunque sporco). Marchal non perde un colpo e si conferma maestro indiscusso del polar. Trama magari non originalissima ma molto ben articolata, regia vigorosa (soprattutto nelle sequenze d'azione), attori davvero in parte sebbene i più noti (Reno, Lanvin e la Cardinale) siano relegati a dei cammei. E poi c'è quel finale che sembra aprire alla speranza, e invece non fa sconti a nessuno.

Hackett 11/11/20 10:38 - 1868 commenti

I gusti di Hackett

Marchal torna a parlarci di poliziotti duri e marci, delinquenti spietati e spirali di vendetta che travolgono tutto in questo nuovo polar violento e senza speranza. Come sempre la sceneggiatura è incalzante, gli attori perfettamente in parte ed è palpabile in ogni inquadratura il disagio quotidiano dei protagonisti, sempre più immersi in guai più grandi di loro. Non a livello di capolavori come 36 Quai des Orfèvres o L'ultima missione ma comunque all'altezza della fama di uno dei migliori autori di noir contemporanei.

Capannelle 29/06/21 23:36 - 4421 commenti

I gusti di Capannelle

Alla fine il pur bravo Marchal non si fa mancare nulla tra colpi proibiti, feroci faide tra gang e poliziotti ad alto tasso di ambiguità. Un ricettario classico per i polzieschi moderni che per la verità sembra andare troppo per le lunghe e non tenere bene le fila quanto a compattezza e linearità. Soprattutto dalla parte dei tutori della legge sembra di scoprire il marcio strato dopo strato e la sceneggiatura pare incapace di porsi un freno. Cast in palla, con parti di contorno per Reno e soprattutto per la Cardinale.

Cotola 17/07/21 19:11 - 9088 commenti

I gusti di Cotola

Ultima opera di Marchal con cui il regista si conferma una garanzia nel genere oltre che le sue buoni doti tecniche: si vedano le scene d'azione, ottimamente girate. Anche la scrittura del film è sicuramente buona: qui, infatti, pur avendo messo in piedi una storia certamente non originale, riesce a coinvolgere lo spettatore per tutta la durata. Riuscita l'anima nera della pellicola che dispiega tutto il suo potenziale nell'epilogo oltre che in una serie di personaggi tutti o quasi caratterizzati da un pesante fardello di ambiguità tanto che il più pulito tra loro ha la rogna.
MEMORABILE: Gli ultimi minuti: nerissimi e per nulla scontati.

Rufus68 10/04/24 11:30 - 3851 commenti

I gusti di Rufus68

La solidità del mestiere di Marchal non si discute. Qui siamo nel suo pieno territorio stilistico, il che garantisce un prodotto di apprezzabile qualità: pochi fronzoli, grugni duri, lo spietato melting pot criminale di Marsiglia in cui sono coinvolti sia le gang che le istituzioni che dovrebbero combatterle. Si avverte palpabilmente il manierismo di certe soluzioni (il poliziotto che dà fuori di matto, il cameratismo mafioso), ma è il finale, esagerato, a togliere credibilità drammaturgica a tutta l'operazione e a ridurla a estrema spettacolarizzazione televisiva. Imbolsito Reno.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina OverdriveSpazio vuotoLocandina The bouncer - L'infiltratoSpazio vuotoLocandina Re dell'ombraSpazio vuotoLocandina Una medaglia per il più corrotto
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.