LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/10/08 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 21/10/08 09:27 - 7731 commenti

I gusti di Pigro

Gruppo di esiliati russi fa passare una ragazza smemorata per la figlia dello zar scampata all'eccidio dei Romanov. La leggenda della futura zarina ancora superstite diventa in questo film una bella fiaba quasi alla Andersen, con la piccola emarginata che scopre il dono dell'amore in un mondo ostile. Una commedia ben realizzata, con una convincente Ingrid Bergman e un altrettanto efficace Yul Brinner, e un'atmosfera adatta (quindi eccessiva) per raccontare la favola impossibile di un'imperatrice per caso.

Galbo 24/10/08 05:32 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Uno dei film migliori prodotti sul mistero della ipotetica superstite della dinastia dei Romanov. Il regista Anatole Litvak sceglie (contrariamente a quanto si potrebbe ipotizzare per un film del genere) la chiave della commedia sentimentale (seppur con elementi da thriller);il risultato è un film che sebbene appaia convenzionale nella struttura, è ben realizzato così da risultare piuttosto piacevole per lo spettatore anche grazie alle ottime prove dei due protagonisti, con la Bergman premiata con l'Oscar per la parte.

Daniela 16/04/09 17:08 - 9214 commenti

I gusti di Daniela

Il tema era rischioso, ma la scommessa di Litvak può dirsi vinta: dalla storia di un intrigo di esuli russi per sfruttare la leggenda della superstite dei Romanov si fa strada a poco a poco una vicenda sentimentale in cui il generale si innamora della donna da lui riportata alla vita dalla miseria e dall'oblio in cui si trovava. Ama Anna oppure Anastasia? Forse sarebbe stato meglio non dare risposta a questo interrogativo. Commovente Ingrid Bergman, altezzoso ed affascinante Yul Brinner.

Myvincent 4/11/11 16:34 - 2522 commenti

I gusti di Myvincent

Indimenticabili Ingrid Bergman e Yul Brynner interpreti straordinari di questa favola fatta di calcoli, astuzie, interessi, ma anche di sentimenti genuini che alla fine prenderanno il sopravvento. Il film ha il pregio di raccontare una storia sorreggendola con un continuo disequilibrio dei ruoli e puntando sulla loro ambiguità, tema fondamentale della vita di ognuno: furfanti e santi. Grande ritorno americano della Bergman dopo gli scandali europei con Rossellini; decorato da un meritato oscar.

Addison 22/07/12 12:19 - 90 commenti

I gusti di Addison

Oltre ala vicenda di Anna Anderson, che sosteneva di essere Anastasia figlia di Nicola II, Marcelle Maurette, l'autrice della commedia originale (andata in scena a Parigi con Juliette Greco) aveva certamente letto anche Pirandello: alcune tematiche del grande italiano (per esempio la necessità liberatoria di interpretare un ruolo) sono presenti qui, ma naturalmente alleggerite e spettacolarizzate. Il film è arguto, divertente, si segue bene almeno fino alla scena madre tra Anastasia e l'imperatrice (poi cala); fu un grande successo commerciale.

Marcolino1 8/07/19 14:24 - 500 commenti

I gusti di Marcolino1

Togliendo lo sfarzo, il lusso e il gusto per la storia romanzata (elementi di contorno superflui e trascurabili), quello che rimane è lo sdoppiamento della Bergman, la crisi di identità e il conflitto interiore tipico dei ruoli indossati dall'attrice, qui non ai massimi livelli come in Stromboli o Europa '51, poiché viene trovato una sorta di "compromesso" stabilizzante. Traspare anche la critica verso la speculazione sulle ideologie monarchiche ormai desuete, con la positività verso l'avvenire; citando direttamente dal film: "È finita la commedia".

Noodles 7/07/20 16:41 - 806 commenti

I gusti di Noodles

Della probabile superstite della famiglia degli Zar s'è parlato (e filmato) tanto. Questo film, per quanto molto bello, risente della spettacolarizzazione a tutti i costi della scena, dimenticandosi spesso il centro della vicenda. È il difetto fondamentale di una pellicola a cui però poco altro si può contestare. La ricostruzione è perfetta, il cast non è da meno (i faccia a faccia Brynner-Bergman sono straordinari) e tutto sommato la storia è avvincente, sebbene si avverta spesso un deciso invecchiamento del lavoro. Da vedere, più per gli occhi che per cultura.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.