100 gradi sottozero

Media utenti
Titolo originale: 100 Degrees Below Zero
Anno: 2013
Genere: action (colore)
Note: Aka "Cento gradi sotto zero", "100° sotto zero".
Numero commenti presenti: 5

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/12/13 DAL BENEMERITO REDEYES
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Redeyes 9/12/13 20:56 - 2144 commenti

I gusti di Redeyes

Il titolo è foriero della qualità del prodotto. Fotografia e riprese in alta definizione abbinate a fx grotteschi per rendere il tutto assolutamente farlocco. La sceneggiatura va di pari passo con il resto e regala gli ennesimi babbei in t-shirt e poppe all'aria attraverso una polare Parigi. Ci salvano dalla controtrama d'amore, ma non ci evitano quella sul Vietnam, che ancora viene sfruttato. Unico noto del cast, Fahey nell'ennesimo ruolo da pilota. Catastrofico film catastrofico.

Furetto60 6/10/15 09:59 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Disastroso disaster movie che, come altri del genere e spesso di recente produzione, mirano a svilire il genere. Poverissimo di idee e di mezzi (ridicoli gli effetti), si risolve in corse continue ed esortazioni alle stesse (andiamo, di qua, di là). La tettonica (nel senso intuibile) protagonista dovrebbe distogliere lo spettatore da una serie di castronerie e incongruenze che potrebbero risultare divertenti in assenza di rimorso per il tempo perso. Pietoso.
MEMORABILE: Il tunnel sotto la Manica crolla, ma con una 600 (sic!) la scampano!

Black hole 12/01/17 17:17 - 138 commenti

I gusti di Black hole

Da evitare assolutamente! Già solo il fatto che la coppia di temerari protagonisti (con l'immancabile membruto e barbuto ufficiale americano) tenti di salvare il mondo in preda al cataclisma glaciale a bordo di una Fiat Seicento rossa, attraversando pure l'Eurotunnel in progressiva frantumazione, la dice lunga sulla qualità della pellicola. La coppia di giovani rampolli intrappolati a Parigi poi è decisamente insopportabile. In confronto The day after tomorrow è un'opera senza tempo di impareggiabile valore.

Rufus68 23/06/18 18:16 - 3086 commenti

I gusti di Rufus68

Parte già basso, quindi si avvita su sé stesso picchiando verso il grado estetico zero. E poi cosa fa? Inizia a scavare sino a cento sottozero. Un catastrofico davvero catastrofico, fatto con due soldi (la catena di comando militare-strategica consiste in una manciata di persone) ed effetti ridicoli. Insopportabile il tono paternalista nei confronti dell'Europa: una gaglioffata americana. I giovani protagonisti sono terribili.

Rigoletto 12/08/20 11:52 - 1569 commenti

I gusti di Rigoletto

Il film di Braunstein non ha una vera direzione precisa, puntando un po' sui vulcani, poi verso terremoti e freddo polare. Il tutto potrebbe andar bene se fosse strutturato in maniera convincente, invece la sensazione è quella che l'occhio sia stato più grande della pancia: si cuoce di tutto per paura di rimanere a stomaco vuoto. Altamente sorvolabile infine la prova del cast, il solito gruppetto di giovani sciocchi e vuoti. Sarebbe da salvare Rhys-Davies, ma con la sua partecipazione questo prodotto bislacco condanna se stesso.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.