"Lady Blue" episodio per episodio

31 agosto 2020

LA PAGINA DEGLI ESPERTI  In questa pagina sono raccolti i commenti pervenuti sui singoli episodi di "Lady Blue". Chi volesse contribuire commentando un unico e preciso episodio non ha che da CLICCARE QUI  e farlo, scrivendo nel forum il proprio commento e facendolo anticipare dal titolo dell'episodio e dal relativo pallinaggio (cercando di stare più o meno, a occhio, nei caratteri di un commento standard). Il commento verrà prelevato “automaticamente” (per via umana, cioè da me) dal forum e trasferito in questa pagina nel punto esatto.

INTRODUZIONE (a cura di 124c) 
Si racconta che l'attrice dai capelli rossi Jamie Rose ("Falcon Crest" e,"Corda tesa") chiamata ad interpretare la poliziotta ribelle Katy Mahoney, ma soprattutto a brandire spesso in mano una 357 Magnum (lei che non aveva mai toccato un'arma da fuoco, prima del 1985), per studiarsi la parte abbia fatto pratica al poligono di tiro della polizia e, soprattutto, abbia affittato  e guardato  le videocassette dell'ispettore Callaghan. L'idea dei produttori della MGM/UA era di fare un serial poliziesco femminile degli anni '80 che ricordasse "Agente Pepper" e "Get Christe Love", ma l'interpretazione di Jamie Rose risultò più grintosa che fisica e sexy come quelle anni '70 di Angie Dickinson e Teresa Graves. Accanto alla Rose c'è Danny Aiello che, per il suo tenente Terry McNichols, rielabora a suo modo il poliziotto bonario e paterno alla Karl Malden di "Le strade di San Francisco". Efficienti anche gli agenti ai suoi ordini Gino Gianelli, interpretato da Ron Dean (i"Il Cavaliere Oscuro")  e Cassidy, impersonato da Bruce A. Young.  Nonostante le guest-star importanti e/o  emergenti (come Tony Lo Bianco e Johnny Depp) e una Chicago invernale e notturna, la serie ha avuto vita breve, perché le scene di violenza (sopportabile, rispetto ai serial odierni) e, soprattutto, la poliziotta solitaria che uccide con una 357 Magnum in mano, non piacquero agli americani degli anni' 80 abituati alla violenza patinata di "Miami Vice". Col passare degli anni "Lady Blue" ha, però, acquistato la fama di piccolo cult nel mondo, tanto che ha persino ispirato in Francia un fumetto poliziesco chiamato "Rubine".

01. LADY BLUE
***! In una  Chicago degli anni'80  imbiancata dalla neve, la rossa e ribelle agente di polizia Kathy Mahoney sventa una rapina in banca a colpi di 357 Magnum, in stile Callaghan (se Clint Eastwood, di solito, è al bar quando accadono queste cose, Jamie Rose qui è dall'estetista a tingersi le dita dei piedi); poi si concentra sui traffici di una vecchia "Madrina" portoricana che le ha ucciso l'amante (un collega col volto di Tony Lo Bianco). Jamie Rose è molto brava a sottolineare la solitudine e la malinconia del suo personaggio, non trascurando le scene d'azione (spettacolare quella in metropolitana) e i  riusciti travestimenti da barbona e da ragazza di strada (che, però, abbandonerà nei successivi episodi). Bravi Tony Lo Bianco, Danny Aiello e Bibi Besch (la moglie di Lo Bianco capace di perdonare le infedeltà del marito, accudendo i figli orfani e un ex-ladruncolo di strada amico di Kathy). (124c)   

02. DEATH VALLEY DAY
****! In un complesso residenziale abitato da afroamericani, una banda capeggiata dal massiccio Alvin Bangler fa il brutto e cattivo tempo e trasforma i bambini in spie e ladri ai suoi ordini. Quando questi uccide una ragazza che inutilmente chiedeva aiuto ai residenti, interviene l'agente Kathy Mahoney. Fra i cecchini che sorvegliano il palazzo armati, un'anziana che abita nel palazzo ma che intende combattere comunque il muro di violenza e omertà eretto da Bangler e Kathy che perde, durante uno scontro a fuoco, la sua preziosa  357 Magnum (cosa più unica che rara) ma  salva una bambina/ladra da un incendio, uno dei migliori episodi della serie. (124c)

03. ROMEO AND JULIET
***! Versione anni '80 di "Romeo e Giulietta" qui chiamati Tommy (riluttante componente della banda dei "Latin Lord") e Julie (imparentata col leader dei "Demoni"): la guerra fra le due bande va avanti fra colpi bassi e retate della polizia, che sta indagando su di uno spaccio di documenti falsi destinati agli immigrati clandestini. Tragedia che inizia come tale ma che poi sterza altrove, con la nostra poliziotta preferita che fa da angelo custode ai due ragazzi, riducendo a miti consigli chi le si para davanti. Simpatica la scena iniziale al drugstore, col pazzo col casco che spara col mitra. (124c)

04. BEASTS OF PREY
****! Due fratelli vanno in giro a bordo di un furgone nero per rapire ragazze che poi stuprano e uccidono, usando come arma un bisturi da chirurgo. Toccherà a Kathy Mahoney fermarli, anche se non riuscirà a salvare in tempo una sua amica fotografa che le faceva da informatrice. E' l'episodio in cui compare il giovane Johnny Depp post "Nightmare - Dal profondo della notte", bravissimo anche nel ruolo di riluttante complice del cattivo. Scena cult: Danny Aiello che incita, in una chiesa, Jamie Rose a riprendersi dalla grave perdita dell'amica uccisa. Scena comica: Kathy che stende con un pugno un falso travestito che stava adescando due turisti di mezza età in cerca d'avventure erotiche... (124c)

05. THE WIDOW-MAKER
*** Episodio sul Vietnam con un anonimo attore orientale che dovrebbe essere uno spietato assassino (il "Widow-Maker" del titolo), incaricato di uccidere alcuni ex-connazionali fuggiti in America che, almeno, ci delizia col trucco ninja delle gocce di veleno che scorrono in un filo e soffocano la vittima che sta dormendo a bocca aperta, come in "Agente 007 - Si vive solo due volte". Il resto è un discreto dramma visto dalla parte dei profughi vietnamiti. Quanto a Katy, che si fa in quattro per fermare il killer, il meglio ce lo regala nella scena iniziale, quella con l''aspirante suicida, dove un prete sviene dalla paura perché la poliziotta suggerisce al pazzo con la pistola in mano di uccidere prima il prelato. Non male anche quella della bisca clandestina dove fanno combattere dei polli. (124c)

06. THE HUNTER
**** Un folle cacciatore  sceglie come  prede da cacciare i presunti responsabili della morte della figlia, una modella morta suicida. Spetterà all'agente Katy Mahoney il compito di fermarlo. Interessanti le armi usate dell'assassino (cerbottane, archi, frecce, veleni, trappole  a corda e balestre), capace di muoversi agilmente anche in una città come Chicago. Esilarante la pausa pranzo, a base di grassi hot dog, di Danny Aiello e Jamie Rose, interrotta da una rapina in banca sventata dalla ragazza. (124c) 

07. PORTRAIT OF DEATH
*** L'agente Katy Mahoney è nel mirino di alcuni killer incaricati di uccidere lei e altre persone, colpevoli di aver mandato in prigione la Madrina latino-americana del film pilota. Anche se impersonata da un'altra attrice, la mafiosa dalla sua cella vuole vendetta e sangue; ma la nostra, anche pagando con dolorose perdite (un avvocato che stava iniziando a frequentare) saprà come difendersi e offendere. Ben girato l'attentato al porto quando usando un bulldozer  uno dei killer per poco non affoga Katy che si trova all'interno di una cabina telefonica; sempre ottimi i faccia a faccia fra Jamie Rose e Danny Aiello, che qui è ancor più protettivo del solito. (124c)

08. TERROR
**** Katy Mahoney  e la squadra del tenente McNichols (Aiello) devono distruggere una pericolosa cellula terroristica che spadroneggia a Chicago. Più che  la modesta attrazione fisica di Katy per un collega infiltrato, restano impressi le irruzioni dei cattivi nei tribunali, i furgoni blindati distrutti dai colpi di bazooka e le macchine dei politici che esplodono. Jamie Rose qui è più obbediente del solito e non fa una strage solitaria di terroristi (che sono americani e non arabi), ma sa sempre come destreggiarsi pattugliando le strade con il suo fuoristrada. (124c)

09. DESIGNER WHITE 
****! Una pericolosa droga sperimentale che provoca allucinazioni, paranoia e paralisi entra dentro Katy, che dopo essere andata fuori strada si rende irreperibile. Convincente Jamie Rose che vaga in strada in stato semi-catatonico spaventando la gente perché armata. Ritorno ai polizieschi allucinati e psichedelici degli anni '70, con la protagonista che non perde mai del tutto il controllo di sé stessa, benché braccata da uno spacciatore, dalla polizia e dal paterno tenente McNichols. La poliziotta è instancabile e senza pudore: insegue, armata di pistola e distintivo, i criminali anche dentro i bagni degli uomini. (124c)

10. DEATH GRIP
***! Un killer sta uccidendo i più grossi criminali della città e l'agente Mahoney scopre che l'uomo è proprietario di una ditta italiana di import/export e che questi spaccia droga. Come lo definisce Katy più volte, potremmo reintitolare l'episodio "Palermo Connection", con questo killer gentiluomo italiano che la poliziotta quasi ammira perché, per una volta, non ci sono scambi di insulti fra le parti ma battute cortesi al ristorante, anche se letali (tipo "Io non voglio ucciderla, ma lo farò se devo"). Dopo la Katy drogata, impaurita e fuori di testa dell'episodio precedente, è bello ritrovarla al 100% attiva, sarcastica e accanto alla squadra del tenente McNichols. (124c)

11. SCORPIO'S STING
***! Alcuni reduci del Vietnam in cerca di brividi attaccano, in sella alle loro motociclette, le limousine di alcuni uomini influenti di Chicago per derubarli e ucciderli assieme agli autisti. Strizzate d'occhio ai film di Callaghan a parte (Scorpio è qui solo un segno zodiacale disegnato sul casco del capo della banda, ad esempio), è delizioso quando Katy aiuta una galeotta a partorire dentro il suo fuoristrada. Agghiacciante la scena dei centauri che irrompono, con le loro moto, nei corridoi di un ospedale per giustiziare uno di loro, precedentemente ferito e fatto prigioniero da Katy. Promosso il look alternativo di Jamie Rose con codino e berretto in testa. (124c) 

12. SYLVIE
**** Il corpo di  Sylvie, una giovane poliziotta, viene ritrovato nudo e senza vita dentro un bidone dell'immondizia dopo, apparentemente, una notte di sesso, droga e foto osé che le avrebbero distrutto la carriera. Solo Katy e McNichols non credono all'evidenza dei fatti e si fanno in quattro per restituire alla collega, e amica, la reputazione perduta. Storia di mafia, ricatti, film pornografici e giudici corrotti, condita con sparatorie in cui compare anche il bravo e  baffuto Dennis Farina che rifà il sé stesso di "Miami vice". Da segnalare la scena iniziale ambientata nei bagni pubblici: Jamie Rose, con addosso solo un accappatoio, durante una colluttazione con una criminale cade in acqua (non è come la lotta nel fango fra ragazze ma è spassosa lo stesso). (124c)

13. MAXIMUM FORCE
**! Gli agenti Katy Mahoney e Gino Gianelli vengono fatti prigionieri dalla fidanzata e da un complice del criminale che stavano interrogando, irrompendo nella centrale di polizia di Chicago e impossessandosene. Disarmata, legata, picchiata e usata pure come scudo dal peggiore dei tre (chissà, forse è una tattica), Katy si affida agli uomini del tenente McNichols, che circondano l'edificio assieme alla squadra "SWAT". Episodio che, pur avendo i suoi bei momenti di tensione (Danny Aiello è bravissimo a gestire una situazione d'emergenza), non rende giustizia alla protagonista, perché una Katy Mahoney che non spara un colpo, se non nella sigla iniziale, è tutt'altra poliziotta. Se fosse stato fra i primi titoli magari, ma non alla penultima puntata... (124c)

14. WILLOW'S COWBOY
**** Cowboy che rubano camion che trasportano sperma di toro (commercio strano, ma molto redditizio, fra chi indossa i cappelli alla texana) e che rapiscono Willow, la nipote adolescente di McNichols, non sono certo il massimo per "lady Blue", ma qui Katy ci dà una ragione in più per ammirarla nuovamente in azione: il suo secondo look alternativo al classico, che comprende un trench color crema e un cappello alla Bogart in testa. Jamie Rose, con un sarcastico "Olè" detto davanti al cadavere del super-cattivo di puntata, saluta per sempre la sua poliziotta ribella e sparatutto ed è un peccato, perché lo show era interessante. (124c)

Articoli simili

commenti (0)

RISULTATI: DI 0