IL TENENTE SHERIDAN: STAGIONI ED EPISODI

29 gennaio 2014

LA PAGINA DEGLI ESPERTI

In questa pagina sono raccolti i commenti pervenuti sui singoli episodi di questa serie. Per cercarne uno in particolare è sufficiente selezionare tutto il testo e cercare il titolo. Chi volesse contribuire commentando un unico e preciso episodio non ha che da CLICCARE QUI e farlo, scrivendo nel forum il proprio commento e facendolo anticipare dal numero dell'episodio, dal titolo e dal relativo pallinaggio. Il commento verrà prelevato “automaticamente” (per via umana, cioè da me) dal forum e trasferito in questa pagina nel punto esatto.


IL TENENTE SHERIDAN
All'interno di "Giallo Club. Invito al poliziesco".

[1.1] QUALCUNO AL TELEFONO

[1.2] MORTE PER UNA SPIA

[1.3] SEDICI ORE PER NON MORIRE
***!
Questa volta il tenente Sheridan deve dimostrare l’innocenza di una donna accusata di aver avvelenato il marito e per questo condannata alla camera a gas: per salvarla ha solo 16 ore di tempo! Un classico giallo-poliziesco, tutto incentrato su indagine, alibi, prove e indizi, che mantiene la suspense su alti livelli per tutti i 45 minuti. La Quattrini compare nel ruolo di una giovane commessa al suo primo giorno di lavoro. Da ricordare Silvano Tranquilli che beve il suo caffè ignaro del fatto che qualcuno ci ha messo tre cucchiaini di arsenico...(Homesick)

*** Notevole, in relazione al periodo e al target di riferimento. Il respiro da telefilm rende perdonabile ciò che in un lungometraggio resta invece troppo evidente. Qui il ritmo, grazie anche ad alcuni azzeccati artifici (per esempio non ci viene fatto sorbire un lungo interrogatorio, ma sentiamo solo il verbale), non manca. Azzeccata la sorpresa finale, introdotta da un meccanismo che ricorda le trovate di Ellery Queen. (B. Legnani)

*** Un giallo "di precisione", come il bilancino del farmacista, dalla soluzione ingegnosa ma non macchinosa, limpida, onesta. Anche abbastanza sorprendente, perché lo svolgimento della trama ci costringe a... rivedere certe aspettative che, automaticamente, ci eravamo creati nei primi minuti; l'espediente narrativo è quello del "time lock", ben utilizzato, visto che non mancano un paio di colpi di scena interessanti: la parziale ritrattazione del commesso e l'osservazione della vicina sul "caffè molto dolce". Stringato, dalla logica stringente. Da ricordare la... tranquillità di Tranquilli, da vivo come da morto: sembra che dorma, ma l'avvelenamento da arsenico non dà dolori tremendi??? (Stefania)

*** Ottimo esempio di giallo classico, ben sintetizzato in tre quarti d'ora, con un discreto ritmo e con una curiosa e spiazzante soluzione. Il tenente è molto noir: sigaretta sempre accesa e caffè sempre caldo a portata di mano (mancano i superalcolici, ma qui è "roba" seria), mentre il racconto gode di un buon montaggio con un azzeccato alternarsi tra il racconto passato e la gestione del presente. Notevole anche l'immagine retrò dell'America con le piccole drogherie (e il garzone innamorato) dove era facilissimo reperire il mortale arsenico. (Trivex)

[1.4]  BUIO ALLE OTTO
***
Nettamente suddiviso in due parti: prima, una lunga presentazione dei personaggi con i loro conflitti e i loro scopi; poi, dopo quasi mezz’ora, l’entrata in scena di Sheridan, chiamato in causa per indagare su una morte (delitto o suicidio?) nella quale il caso gioca un ruolo importante. Molto teatrale per l’enfasi recitativa e per il set (in pratica è ambientato tutto nella stessa stanza), vede un Lay-Sheridan più imperioso e inquisitorio che mai. (Homesick)

**! La seconda apparizione del Tenente Sheridan, in un giallo firmato dallo storico duo Casacci-Ciambricco, il formato (50') è da telefilm. Facile notare che il personaggio del Tenente, per quanto già ben caratterizzato dall'energico Lay, abbia ancora bisogno di qualche... rifinitura: manca di quel pizzico di ironia che acquisterà in seguito. L'episodio è una variazione sul tema "delitto nella camera chiusa", ma il lungo prologo aveva chiarito fin troppo le motivazioni dei personaggi, per cui l'identità del colpevole, più che un mistero, è un segreto di Pulcinella. Comunque gradevole e dignitoso.  Da ricordare il Tenente che apre la seconda porta che dà sul giardino e, automaticamente, ogni volta, scattano i latrati del cane! (Stefania)

[1.5]  DELITTO A TEMPO DI ROCK
**! L’indagine di Sheridan riguarda in questo caso un omicidio avvenuto con la “complicità” di un disco rock… La presenza di un imbranatissimo sceriffo (Scaccia), di un malavitoso da noir americano (Pigozzi) e di una ciarliera operaia teutonica (Scher) rendono questo episodio più dinamico del solito; inoltre l’infallibile tenente – che si vergogna del suo nome di battesimo completo: Ezechiele - viene convocato quando è in vacanza e tenta di corteggiare una bella donna… Da ricordare Lay che accarezza nervosamente l’orlo del suo bicchiere durante l’incontro galante. (Homesick)

[1.6]  LA CORTINA DI FOSFORO
**! Il tenente Sheridan è chiamato a risolvere un caso riguardante il furto di una preziosa collana di smeraldi, contesa tra i beneficiari di un testamento. Un giallo-poliziesco alla Agata Christie, quasi tutto ambientato in una sontuosa villa, senza però molta tensione e colpi di scena. Lay è come sempre aiutato dal fido Alighiero; nel cast spicca un giovane e spocchioso Erpichini. (Homesick)
**! Una puntata in cui personalmente ho azzeccato sia il colpevole che il movente. A parte questo, per essere un prodotto televisivo del 1959/60 inserito in una trasmissione televisiva, è fatto piuttosto bene, specie per il ritmo (superiore ai prodotti dell'epoca). Ambientazione in una villa con furto (post-lettura di un testamento), qualche momento di piccola tensione. (Dusso)

SECONDA SERIE (1960)

[2.1] RAPINA AL GRATTACIELO
[2.2] UNA GARDENIA PER HELENA CARRELL
**! Modesta indagine del tenente Sheridan in cui la consueta trama giallo-poliesca – qui si tratta di un delitto avvenuto in una stanza d’albergo – vira verso i territori dello spionaggio. Lay comunque è sempre meditativo, risoluto, umano, credibilissimo come detective; al suo fianco il signorile Alighiero, nel ruolo del sergente Howard, suo indispensabile braccio destro. (Homesick)

[2.3] VACANZE COL GANGSTER
Episodio un po' meno interessante di quello da me visto precedentemente (La cortina di fosforo), presenta di nuovo una soluzione piuttosto intuibile (anche per la mancanza in pratica di altre soluzioni...). Nel cast si segnala la bellissima Leonora Ruffo (anche il tenente Sheridan le farà la corte). (Dusso)

[2.4] SFIDA ALLA GANG
[2.5] GIOCO D'AZZARDO
[2.6] UN GIORNO PRIMA


TERZA SERIE (1960)

[3.1] LA MORTE HA DUE VOLTI
[3.2] OMICIDIO QUIZ
[3.3] PARTITA A TRE
[3.4] QUALCUNO HA TRADITO
[3.5] OMICIDIO CIECO
[3.6] TUTTI CONTRO CLAY

[3.7] I CONTI NON TORNANO
[3.8] IL POSTO VUOTO


RITORNA IL TENENTE SHERIDAN (1963)

La regia dei sei telefilm girati in bianco e nero nel 1963 era affidata a Mario Landi mentre le storie erano scritte dagli autori storici Casacci, Ciambricco e Rossi. (Wikipedia)

01. L'ULTIMA VERITA'
02. UNA DOTE PER GHITA
03. UN TESTIMONE PER UCCIDERE
04. LA LETTERA
5. UN UOMO NUOVO
6. LA CITTA' ACCUSA


SHERIDAN, SQUADRA OMICIDI (1967)

La regia era di Leonardo Cortese mentre i soggetti di ciascuna puntata erano firmati dal classico terzetto di autori di questi telefilm polizieschi, Mario Casacci, Alberto Ciambricco e Giuseppe Aldo Rossi. Delegato RAI alla produzione era Andrea Camilleri. (Wikipedia)

01. PASO DOBLE

**! Un omicidio e un preziosissimo dipinto rubato (il Paso Doble del titolo) fanno da cornice a questa prima avventura dei cinque telefilm di "Sheridan, squadra omicidi". Ottima la prova di Valentina Fortunato (presente con il marito Sergio Fantoni). Sheridan riuscirà a risolvere un intrigo molto più difficile di quello che sembra, anche se forse fin troppo improvvisato... (Dusso)

02. RECITA A SOGGETTO
**
Si commette il grave errore di farci vedere una cosa che non andava mostrata, cosi è facile capire il meccanismo e il vero colpevole. L'episodio quindi meno riuscito della miniserie, anche con il soggetto meno interessante rispetto agli altri. Ennio Balbo però si fa sempre notare. (Dusso)

03. PAURA DELLE BAMBOLE
***
In una fabbrica di giocattoli avviene un delitto "quasi impossibile"; la maggiore indiziata (Giuliana Lojodice) finisce naturalmente sotto torchio dal tenente Sheridan ma indagando si scopre un traffico di smeraldi e nel finale viene svelato il fantomatico trucco. Nel complesso uno dei migliori dei cinque episodi girati nel 1967; non ha un notevole colpo di scena come "Processo di seconda istanza" ma la vicenda procede meglio. (Dusso)

04. PROCESSO DI SECONDA ISTANZA
**!
Uno Sheridan piuttosto in disparte per un soggetto interessante: alcune persone sono intrappolate in una villa e moriranno tutte avvelenate se una di queste non ammetterà di essere di essere l'autore di un omicidio di sette anni prima (a meno che non sia lo stesso Sheridan a smascherarlo/a). Finira con un triplo colpo di scena (il primo non male). La resa è inferiore alle potenzialità e il tutto non è proprio esaltante. (Dusso)

05. SOLTANTO UNA VOCE
**!
Prima delle due avventure italiane per il tenente Sheridan (lo vedremo l'anno successivo a Capri per il finale di La donna di quadri), in trasferta a Roma per cercare di salvare in soli 15 giorni un condannato a morte. Anche qui un inizio molto interessante, poi qualche piccolo passaggio a vuoto alternato a un'indagine interessante, ma il finale è piuttosto deludente. (Dusso)

Esistono poi con protagonista il tenente anche il film:

CHIAMATE 22-22 TENENTE SHERIDAN (1960)


E le serie:

01. LA DONNA DI FIORI (1965)
02. LA DONNA DI QUADRI (1968)
03. LA DONNA DI CUORI (1969)
04. LA DONNA DI PICCHE (1972)

Articoli simili

commenti (0)

RISULTATI: DI 0